Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Bombe carta contro la casa di d'Ingeo. Archiviate le indagini su un 23enne

Sotto accusa c’era Fabio De Candia: il gip di Trani ha rigettato l'opposizione dell'attivista alla richiesta d'archiviazione

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Lucia Anna Altamura, ha disposto l'archiviazione per Fabio De Candia, «il cui nome, in passato - spiega il suo avvocato, Mauro Palma -, è stato accostato agli attentati dinamitardi, a scopo intimidatorio, subiti da Matteo d'Ingeo», il 1 marzo e il 16 giugno 2018.

E «per tali fatti De Candia (molfettese di 23 anni, ndr) è stato denunciato dallo stesso d'Ingeo», scrive l'avvocato, in una nota giunta in redazione. La Procura della Repubblica di Trani ha svolto accuratissime indagini, ad ampio spettro, conclusesi con una richiesta d'archiviazione a cui il coordinatore cittadino del movimento civico Liberatorio Politico, «esercitando una sua legittima facoltà - aggiunge Palma -, ha proposto opposizione alla stessa richiesta di archiviazione».

Il 30 ottobre scorso, il giudice si è pronunciato proprio su quella opposizione, rigettandola, «e confermando dunque il giudizio della Procura della Repubblica di Trani - rimarca il legale - in ordine all'insussistenza di prove a carico di De Candia». A questo punto, «qualunque tentativo di accostare il mio assistito ai gravi fatti di cronaca denunciati da d'Ingeo - sottolinea - si rivelerebbe quanto meno azzardato, certamente passibile di una legittima reazione in sede giudiziaria».

«Tanto dovevo - conclude Palma - per contribuire a rendere la cronaca giudiziaria, su fatti di così grave allarme sociale, più esaustiva e corretta possibile». E per un tassello che si aggiunge, altri spariscono. Una pagina si scrive, un'altra va strappata. E quella storia continua a restare senza colpevoli né risposte.

Il commento di Matteo d'Ingeo

Nei fatti permangono le risposte ai tanti interrogativi, mentre chi ha posizionato quegli ordigni dinamitardi resta ancora senza volto. Ed ancora: chi ha armato la mano degli esecutori materiali per poi nascondere abilmente la propria? Tutte domande ancora prive di risposta.

Anche nella giornata di ieri, sino al pomeriggio, abbiamo provato a contattare il responsabile cittadino del Liberatorio Politico, senza successo: nonostante il suo cellulare risulti acceso, continua a squillare a vuoto.

  • matteo d'ingeo
  • Matteo D'Ingeo Molfetta
  • Fabio De Candia
  • Mauro Palma
Altri contenuti a tema
Matteo d'Ingeo si dimette da vice presidente del Comitato di monitoraggio dei fenomeni delinquenziali Matteo d'Ingeo si dimette da vice presidente del Comitato di monitoraggio dei fenomeni delinquenziali Le parole del coordinatore del movimento Liberatorio Politico
Il Liberatorio: «Sui roghi d'auto chiediamo un fascicolo d'indagine unico» Il Liberatorio: «Sui roghi d'auto chiediamo un fascicolo d'indagine unico» Il movimento di d'Ingeo a pochi giorni dall'incendio di via Baccarini: «Molfetta è tornata alla realtà con la sua antica emergenza»
Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati Il Tribunale di Trani ha disposto la sostituzione della misura cautelare. Rigettate le altre richieste
«Mentre la città sembra insicura, il sindaco paga due guardie armate per la Muraglia» «Mentre la città sembra insicura, il sindaco paga due guardie armate per la Muraglia» Matteo d'Ingeo chiede la revoca di determina e ordinanza: «Mi sento un cittadino di serie C, perché non abito nel borgo antico»
«Ancora incendi di auto. E domani a chi toccherà?» «Ancora incendi di auto. E domani a chi toccherà?» Secondo il Liberatorio dall'inizio dell’anno i numeri ci dicono che ci sono state già 15 auto danneggiate dai roghi notturni
«Urge Consiglio straordinario sulla sicurezza in città» «Urge Consiglio straordinario sulla sicurezza in città» Il Liberatorio Politico: «Incendi di auto, sparatorie, spaccio di droga e attentati dinamitardi, intervenire subito»
1 d'Ingeo: «Subito la convocazione del Comitato dei fenomeni delinquenziali» d'Ingeo: «Subito la convocazione del Comitato dei fenomeni delinquenziali» La richiesta avanzata dal coordinatore del Liberatorio Politico al presidente Nicola Piergiovanni
2 Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni» Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni» Ennesima richiesta d'intervento del Liberatorio Politico inviata a Carabinieri e Polizia Locale
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.