Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati

Il Tribunale di Trani ha disposto la sostituzione della misura cautelare. Rigettate le altre richieste

Il 18enne A.F., arrestato nell'ambito delle indagini sulla banda made in Molfetta accusata di aver chiesto il pizzo sparando colpi di pistola contro le auto di due imprenditori edili e facendo esplodere un ordigno all'ingresso della sede di una società di costruzioni, è stato scarcerato e ha ottenuto gli arresti domiciliari.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Rossella Volpe, infatti, ha disposto la sostituzione della misura della custodia cautelare in carcere con quella degli arresti domiciliari nei confronti del 18enne A.F., mentre il 22enne F.D.C. e il 19enne Umberto Monopoli restano reclusi presso la casa circondariale di Trani: per entrambi, infatti, il Tribunale del Riesame ha rigettato le rispettive istanze di scarcerazione.

Per il 26enne Domenico Minervini, infine, sfuggito al blitz del 5 agosto scorso e presentatosi spontaneamente al penitenziario di Trani 20 giorni dopo, si aspetta la fissazione dell'udienza dinanzi al Tribunale del Riesame. Nei loro confronti il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, su richiesta della Procura della Repubblica, emise un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.​

Gli arrestati - accusati dei reati di tentata estorsione, danneggiamento e ricettazione, aggravato dall'uso delle armi da fuoco e di sostanze esplodenti - sono difesi dagli avvocati Michele Salvemini, Mauro Palma e Gaetano Panunzio.
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
  • Domenico Minervini
  • Umberto Monopoli
  • Fabio De Candia
Altri contenuti a tema
Estorsione, imprenditore taglieggiato: arrestato un 29enne di Molfetta Estorsione, imprenditore taglieggiato: arrestato un 29enne di Molfetta L'uomo è stato fermato dai Carabinieri dopo aver riscosso 500 euro. Pronto il ricorso al Riesame
Armati di pistola rapinano la tabaccheria di via Silvestri Armati di pistola rapinano la tabaccheria di via Silvestri In due, a volto coperto, si sono fatti consegnare parte dell'incasso e alcune stecche di sigarette
6 E-bike, controlli a tappeto dei Carabinieri: elevate oltre 15 multe E-bike, controlli a tappeto dei Carabinieri: elevate oltre 15 multe Bici elettriche modificate per superare i 25 chilometri orari. I controlli proseguiranno anche in altre aree della città
Sequestrata dai Carabinieri: sarà l'auto-civetta della Polizia Locale Sequestrata dai Carabinieri: sarà l'auto-civetta della Polizia Locale Il mezzo, confiscato, sarà reimmatricolato. Servirà per «l'espletamento di compiti e di funzioni istituzionali»
Il maresciallo Vito De Lucia è Ufficiale al Merito della Repubblica Il maresciallo Vito De Lucia è Ufficiale al Merito della Repubblica Ieri sera la cerimonia nel Salone degli Specchi della Prefettura di Bari
Stalking e tentato omicidio: arrestato dai Carabinieri un 49enne Stalking e tentato omicidio: arrestato dai Carabinieri un 49enne L'incubo di una molfettese è terminato. Svelato il retroscena dell'accoltellamento di via don Minzoni
Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta È successo sulla provinciale per Terlizzi. Prima di fuggire, i banditi hanno dato fuoco ad un'auto
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.