Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati

Il Tribunale di Trani ha disposto la sostituzione della misura cautelare. Rigettate le altre richieste

Il 18enne A.F., arrestato nell'ambito delle indagini sulla banda made in Molfetta accusata di aver chiesto il pizzo sparando colpi di pistola contro le auto di due imprenditori edili e facendo esplodere un ordigno all'ingresso della sede di una società di costruzioni, è stato scarcerato e ha ottenuto gli arresti domiciliari.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Rossella Volpe, infatti, ha disposto la sostituzione della misura della custodia cautelare in carcere con quella degli arresti domiciliari nei confronti del 18enne A.F., mentre il 22enne F.D.C. e il 19enne Umberto Monopoli restano reclusi presso la casa circondariale di Trani: per entrambi, infatti, il Tribunale del Riesame ha rigettato le rispettive istanze di scarcerazione.

Per il 26enne Domenico Minervini, infine, sfuggito al blitz del 5 agosto scorso e presentatosi spontaneamente al penitenziario di Trani 20 giorni dopo, si aspetta la fissazione dell'udienza dinanzi al Tribunale del Riesame. Nei loro confronti il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, su richiesta della Procura della Repubblica, emise un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.​

Gli arrestati - accusati dei reati di tentata estorsione, danneggiamento e ricettazione, aggravato dall'uso delle armi da fuoco e di sostanze esplodenti - sono difesi dagli avvocati Michele Salvemini, Mauro Palma e Gaetano Panunzio.
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
  • Domenico Minervini
  • Umberto Monopoli
  • Fabio De Candia
Altri contenuti a tema
Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il giro di vite disposto da una circolare del Viminale inviata alle 103 Prefetture italiane
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
«Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta «Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta 14 i fermati dai Carabinieri, fra cui Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari. 12 gli arrestati, i colpi anche a Molfetta
1 Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta 9 ordinanze in carcere, 3 ai domiciliari: eseguiti anche 2 obblighi di dimora
Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice 39 anni, originario di Capua, sposato e padre di tre figli, il capitano arriva dalla Tenenza di Melito di Napoli
Sorpreso a cedere droga ad un ragazzo. Arrestato dai Carabinieri un 20enne Sorpreso a cedere droga ad un ragazzo. Arrestato dai Carabinieri un 20enne Il giovane è stato trovato in possesso di 23 dosi di hashish e 590 euro. Arrestato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari
Presidio contro la presenza dell'ex ministro Maroni a Molfetta: 5 indagati Presidio contro la presenza dell'ex ministro Maroni a Molfetta: 5 indagati I fatti risalgono al 2 settembre, quando si è tenuto un sit-in contro l'arrivo in città dell'ex segretario della Lega
Lunga attesa all'ospedale di Molfetta: paziente picchia due medici. Denunciato un 41enne Lunga attesa all'ospedale di Molfetta: paziente picchia due medici. Denunciato un 41enne È successo questa mattina nel pronto soccorso. Immediato l'intervento dei Carabinieri: l'uomo è stato deferito a piede libero
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.