Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Abusi nei controlli sulla caccia. Tre condannati per falso

2 anni e 6 mesi al molfettese Pasquale Salvemini. Gran parte delle accuse sono cadute in prescrizione

Pasquale Salvemini, 51enne di Molfetta, è una delle tre persone condannate dal Tribunale di Trani, nell'ambito di un altro filone che riguardava il decesso di un cacciatore 82enne, per presunti abusi e violenze compiute, dal 2003 al 2007, nel corso di controlli anti-bracconaggio avvenuti a nord di Bari.

Dovevano essere semplici controlli contro il bracconaggio nei boschi delle province di Bari e di Barletta, Andria e Trani, ma sarebbero stati condotti con metodi sin troppo decisi, addirittura violenti, oltre a minacce e pesanti perquisizioni da parte delle guardie venatorie volontarie del WWF, tra cui Moisè Mario Salvatore Checchia, 47enne di Barletta, e anche da un sovrintendente dell'allora Corpo Forestale dello Stato, il 52enne Raffaele Stano, di Bari, tutti arrestati nel 2005.

Il giudice monocratico del Tribunale di Trani, Paola Buccelli, ha condannato, per il reato di falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale, alla pena di 3 anni e 6 mesi Raffaele Stano, con interdizione per 5 anni dai pubblici uffici, e a 2 anni e 6 mesi le guardie venatorie volontarie (in possesso di qualifica della Provincia di Bari e dunque pubblici ufficiali, nonché agenti di polizia giudiziaria) Moisè Mario Salvatore Checchia e Pasquale Salvemini.

Gran parte dei numerosi capi d'imputazione loro addebitati da parte della Procura della Repubblica di Trani, tra cui il reato di omicidio colposo con morte come conseguenza di altro delitto, sono caduti in prescrizione, mentre i tre sono stati assolti (per non aver commesso il fatto) dall'accusa di aver falsificato i verbali di sommarie informazioni stilati subito dopo la morte per infarto di un cacciatore 82enne, avvenuta a Spinazzola, nel lontano 2005.

L'inchiesta, infatti, partì proprio dal decesso (per infarto) di un cacciatore durante una perquisizione svolta a Spinazzola. Un controllo particolarmente aggressivo eseguito il 6 novembre 2005, avrebbe provocato la morte dell'82enne, originario di Riccione e paziente cardiopatico, in trasferta in Puglia dove aveva organizzato una battuta di caccia. L'uomo, vistosi accerchiato, fu colto da arresto cardiocircolatorio e si accasciò al suolo.

Secondo quanto contestato dalla Procura della Repubblica, alcuni imputati erano «animati da intenti persecutori nei confronti dei cacciatori», avrebbero svolto controlli contro il bracconaggio con metodi «connotati da spregiudicata vessatorietà, aggressività e sproporzionata invasività» e avrebbero attuato una serie di attività con lo scopo di accusare ingiustamente alcuni ignari cacciatori dell'impiego di richiami per uccelli.

Il giudice ha anche stabilito che i tre imputati condannati, insieme alla ex Provincia di Bari e al Ministero delle Politiche Agricole citati come responsabili civili, debbano risarcire alle parti civili i danni patrimoniale e non, da liquidarsi in separata sede.
  • pasquale salvemini
  • Raffaele Stano
  • Moisè Mario Salvatore Checchia
Altri contenuti a tema
Progetto Life EuroTurtles, monitoraggio anche con l'aiuto dei droni Progetto Life EuroTurtles, monitoraggio anche con l'aiuto dei droni Da alcune settimane ha avuto inizio la mappatura del centro tartarughe di Molfetta
1 Gli rubano i suoi strumenti, l’appello di Salvemini: «Aiutatemi» Gli rubano i suoi strumenti, l’appello di Salvemini: «Aiutatemi» Il colpo ieri. Un ladro si è introdotto nel suo Citroen Jumpy arraffando bisturi, metal-detectors ed una pinza
Uno smartphone per il progetto tartarughe del WWF Uno smartphone per il progetto tartarughe del WWF L’iniziativa nasce grazie al progetto Life Euroturtles. Consegnati i primi smartphone ai pescatori di Bisceglie e Trani
Un tuffo nel blu per la caretta caretta Rick Un tuffo nel blu per la caretta caretta Rick Dopo le cure l'esemplare recuperato due mesi fa è tornato a casa: la liberazione ieri
Tartaruga avvolta nel nylon salvata dal centro di Molfetta Tartaruga avvolta nel nylon salvata dal centro di Molfetta L'episodio è avvenuto a Giovinazzo. Per Salvemini «questo è l'ennesimo scempio causato dall'uomo»
Tartaruga senza vita spiaggiata alla seconda Cala Tartaruga senza vita spiaggiata alla seconda Cala A segnalarla sono stati alcuni bagnati che hanno allertato la Guardia Costiera
Tartaruga in difficoltà: recuperata e affidata al centro recupero di Molfetta Tartaruga in difficoltà: recuperata e affidata al centro recupero di Molfetta La caretta caretta è stata soccorsa ieri mattina nel porto di Giovinazzo dai soci del Centro Velico
2 La Regione Puglia vuol "tagliare" l'oasi faunistica di Torre Calderina La Regione Puglia vuol "tagliare" l'oasi faunistica di Torre Calderina Salvemini: «Il ridimensionamento è incomprensibile, faremo dura opposizione»
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.