Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Trovato con la cocaina negli slip, il Riesame gli concede i domiciliari

Riformulata la misura cautelare per un 20enne molfettese sorpreso dai Carabinieri e arrestato con l'accusa di spaccio

Il Riesame di Bari, in accoglimento dell'istanza difensiva, ha attenuato la misura della custodia in carcere disponendo, invece, gli arresti domiciliari per un 20enne di Molfetta, tratto in arresto dai Carabinieri con il supporto della Polizia Locale dopo un controllo: negli slip cocaina e soldi, nella sua casa altra droga e contanti.

Tutto è accaduto il 27 settembre, quando i detective della Sezione Operativa sono entrati in azione dopo avere avuto il sentore che il giovane spacciasse droga in un'abitazione in via Magenta: è stato un agente a segnalare l'arrivo del pusher, ma quando i militari gli sono piombati addosso per controllarlo, il giovane avrebbe tentato «una breve quanto inutile fuga a piedi cercando di strattonarli», prima di essere fermato e sottoposto a una perquisizione. Addosso 630 euro in contanti.

All'interno degli slip, inoltre, 8 involucri contenenti 3,2 grammi di cocaina. E durante l'ispezione domiciliare, a quel punto resasi necessaria, sono spuntate strada facendo altre "sorprese". Giunti nell'abitazione, infatti, e iniziata una certosina ricerca nell'immobile, i militari e gli agenti non solo hanno recuperato altra droga (6 grammi di cocaina e 3,2 di marijuana), ma anche un bilancino di precisione, 440 bustine di cellophane e, dulcis in fundo, la somma in contanti di ben 2.450 euro.

Per il giovane, invece, si erano porte le porte dell'istituto penitenziario di Trani. Accogliendo le tesi del legale difensore del 20enne, l'avvocato Antonio Modugno, i giudici del Riesame di Bari, a cui è stata presentata l'istanza, hanno deciso di sostituire la misura in carcere e di concedere i domiciliari presso la propria dimora.
  • Droga Molfetta
  • Arresti Carabinieri
  • Antonio Modugno
Altri contenuti a tema
Guerriglia urbana a Capodanno, il Riesame smussa le ordinanze cautelari Guerriglia urbana a Capodanno, il Riesame smussa le ordinanze cautelari Raffica di provvedimenti decisi dal Tribunale sulle richieste di scarcerazione degli avvocati. In tre passano dal carcere ai domiciliari
Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»
Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative Un 14enne, un 16enne e un 17enne sono stati destinati alle strutture su disposizione del Tribunale per i Minorenni di Bari
Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Per il gip Barlafante la volontà era quella di «attentare alla sicurezza pubblica», ma soprattutto «di incutere timore»
Furti in appartamento e ricettazione: 8 arresti. Due colpi a Molfetta Furti in appartamento e ricettazione: 8 arresti. Due colpi a Molfetta I raid, solo tentati, risalgono al 2021. Al vertice dell’organizzazione c'era, per l’accusa, Giovanni Cassano, fratellastro di Antonio
5 Capodanno violento a Molfetta, ma le vittime non hanno denunciato per paura Capodanno violento a Molfetta, ma le vittime non hanno denunciato per paura Lo sottolinea il giudice Barlafante nell'ordinanza: nessuna querela, «verosimilmente per il timore di possibili ritorsioni»
Arresti a Molfetta, ieri gli interrogatori. C'è chi ha risposto alle domande Arresti a Molfetta, ieri gli interrogatori. C'è chi ha risposto alle domande Si sono svolti ieri tra il carcere di Trani e Molfetta: gli avvocati proveranno a mettere in discussione la qualità delle immagini
13 «Identificati grazie a telecamere e social». Le parole del capitano Landolfi «Identificati grazie a telecamere e social». Le parole del capitano Landolfi I cinque indagati sono stati ripresi dai video, da loro stesso postati e divenuti virali. Oggi si terranno gli interrogatori di garanzia
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.