La Polizia Ferroviaria
La Polizia Ferroviaria
Cronaca

«Siete sporchi come Giancaspro»: due famiglie di Molfetta aggredite a Bari

Solo l'intervento della Polizia ha evitato il peggio

È ormai delirio, in senso strettamente negativo, quello che sta accadendo in questi giorni in seguito alla notizia di fallimento del Bari Calcio, le cui responsabilità oggettive sono ricadute sull'ormai ex presidente della società pugliese, Cosmo Giancaspro.

Ebbene quanto accaduto nel pomeriggio di ieri a Bari, nei pressi del piazzale ferroviario, ha dell'incredibile. Protagoniste due famiglie di Molfetta, giunte in treno a Bari con il solo ed unico scopo di fare shopping durante questo periodo di saldi.

Immediatamente fuori la stazione centrale di Bari, secondo quanto raccontato telefonicamente da uno di loro, le due famiglie sono state aggredite verbalmente da un gruppo di tifosi, o presunti tali, del Bari, ai quali si sarebbe successivamente aggiunta altra gente, tra cui donne, che hanno contribuito a riscaldare gli animi.

«Avevamo appena lasciato il piazzale della stazione centrale di Bari – ci ha raccontato telefonicamente uno dei due padri di famiglia aggrediti – quando ci siamo casualmente imbattuti inizialmente in un gruppo di tifosi del Bari che, presumo, hanno capito che fossimo di Molfetta dal nostro inconfondibile accento. In realtà – ha proseguito l'uomo – non ho avuto alcun problema a confermare la nostra provenienza perché sono orgoglioso della mia città e mai avrei potuto immaginare quello che sarebbe successo di li a poco».

«Molfetta è sporca come Giancaspro»: queste, a quanto pare, la frase più "leggera" pronunciata nei confronti delle due famiglie molfettesi.

«Provo notevole vergogna nel raccontare altro – ha commentato l'uomo aggredito – perché ritengo che, dare importanza a chi si comporta in questo modo inqualificabile, è proprio ciò che non intendo fare e soprattutto avrei risparmiato ai miei bambini, che tra l'altro adorano il calcio e il calcio oggi rappresenta la loro prima attività sportiva».

Da quanto raccontato dall'uomo, l'iniziale aggressione verbale stava per trasformarsi in qualcosa di peggio se non fossero intervenute le forze dell'ordine.
«È chiaro – ha affermato uno degli aggrediti – che non potevamo rimanere passivi dinanzi a quegli insulti totalmente gratuiti. Abbiamo iniziato a rispondere, aggravando la nostra situazione in quanto un altro gruppo di baresi ci ha praticamente circondato, non badando al fatto che ci fossero anche dei bambini. Soltanto l'intervento immediato di alcuni agenti che presidiavano la piazza ha scongiurato il peggio. Sono sconvolto – ha concluso – ma soprattutto disgustato».

Ed infatti si tratta di un episodio indefinibile e soprattutto inaccettabile, soprattutto perché la storia e la gloria del Bari Calcio sta a cuore a molti molfettesi, alcuni dei quali hanno, negli anni, contribuito a rendere grande un Club che oggi non merita una fine come quella che si prospetta.
  • Cosmo Antonio Giancaspro
Altri contenuti a tema
Cosmo Giancaspro senza calcio: no all'iscrizione della FC Bari 1908 in Terza Categoria Cosmo Giancaspro senza calcio: no all'iscrizione della FC Bari 1908 in Terza Categoria Persistono i debiti. Il no del Consigiglio direttivo del Comitato regionale Puglia Lega Nazionale Dilettanti
Crac Finpower, Cosmo Giancaspro resta ai domiciliari Crac Finpower, Cosmo Giancaspro resta ai domiciliari Il Tribunale del Riesame di Bari dinanzi al quale si è celebrata una lunga udienza in cui Giancaspro, ha rigettato l’istanza
Il Riesame dice no: Giancaspro resta ai domiciliari Il Riesame dice no: Giancaspro resta ai domiciliari L'imprenditore di Molfetta era stato arrestato il 26 settembre, al termine dell'inchiesta sul fallimento della società Finpower
Il Tar dice no a Giancaspro: San Nicola alla famiglia de Laurentiis Il Tar dice no a Giancaspro: San Nicola alla famiglia de Laurentiis Per la giustizia amministrativa: «Difetto di legittimazione e di interesse»
Il 4 ottobre interrogatorio di garanzia per Cosmo Giancaspro Il 4 ottobre interrogatorio di garanzia per Cosmo Giancaspro L'imprenditore di Molfetta è stato arrestato per bancarotta fraudolenta
«Operazioni sospette e collegamenti con personaggi tutt'altro che cristallini» «Operazioni sospette e collegamenti con personaggi tutt'altro che cristallini» Le accuse al molfettese Cosmo Giancaspro, da questo pomeriggio agli arresti domiciliari
Bancarotta della Finpower: arrestato Cosmo Giancaspro. Era a Roma Bancarotta della Finpower: arrestato Cosmo Giancaspro. Era a Roma Secondo la Guardia di Finanza, l'imprenditore di Molfetta ha distratto 3,4 milioni di euro, poi finiti nelle casse della Kreare Impresa
Mandato di arresto per l'ex presidente del Bari Cosmo Giancaspro Mandato di arresto per l'ex presidente del Bari Cosmo Giancaspro L'uomo, indagato nell'inchiesta sul crac del gruppo Ciccolellla, è accusato di bancarotta fraudolenta
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.