L'Alfa Romeo Giulietta distrutta
L'Alfa Romeo Giulietta distrutta
Cronaca

Ordigno sul cofano: distrutta un'Alfa Romeo Giulietta

L'attentato alle ore 15.15 in via San Francesco d'Assisi. I Carabinieri hanno già le idee chiare

Alle ore 15.15 la strada era deserta: i residenti di via San Francesco d'Assisi avevano appena finito di pranzare. Improvvisamente, un forte boato, udito in gran parte della città di Molfetta, li ha costretti a uscire per strada.

Un ordigno esplosivo o un petardo molto rudimentale ha sventrato la vettura di un molfettese, di professione autotrasportatore. L'Alfa Romeo Giulietta intestata alla vittima è stata messa fuori uso dall'ordigno artigianale, piazzato sul cofano da un attentatore. E le modalità e gli ingenti danni provocati fanno escludere la pista della semplice ragazzata. Ma i Carabinieri della locale Compagnia giurano di avere già le idee molto chiare. Questa la cronaca del pomeriggio di passione, che ha scosso molti molfettesi che hanno sentito nitidamente la deflagrazione. Un uomo - che è stato ripreso da alcune telecamere di videosorveglianza presenti in zona, nelle immediate vicinanze del supermercato Dok - è sceso da uno scooter con in mano un pacco. In realtà si trattava di un ordigno rudimentale che è stato lasciato sul cofano dell'autovettura.

Lo scooter, condotto da un complice, si è poi allontanato a tutto gas e pochi istanti più tardi una potente esplosione ha mandato in frantumi il vano anteriore dell'Alfa Romeo Giuletta e le vetrate delle abitazioni circostanti. Sul posto sono piombati i militari dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Molfetta per le indagini, mentre quelli del Nucleo Operativo hanno immediatamente ascoltato il malcapitato, per capire se possa nutrire sospetti su qualcuno.

Gli inquirenti hanno inoltre setacciato la zona, alla ricerca di videocamere di sorveglianza. Fortunatamente, ve ne sono diverse installate all'esterno di abitazioni ma, soprattutto, dei vari esercizi commerciali presenti in zona. Ancora piuttosto scossi, invece, gli abitanti che vivono a Ponente. L'attentato, infatti, è stato pianificato nel primo pomeriggio, col rischio di provocare serie conseguenze a qualcuno.

Dagli uffici di via Vittime di Nassirya si sta lavorando alacremente per identificare l'attentatore ed il suo complice. I Carabinieri hanno già le idee chiare, stanno facendo i riscontri del caso e non è detto che la svolta non si celi dietro l'angolo.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Trasportavano la droga in taxi, arrestati un 33enne e un 21enne di Molfetta Trasportavano la droga in taxi, arrestati un 33enne e un 21enne di Molfetta Nell'auto i Carabinieri hanno trovato una busta con 200 grammi di marijuana: in attesa di giudizio, entrambi sono in carcere a Trani
Lotta al caporalato, oltre 50 arresti dei Carabinieri in Puglia. Bari e Bat le province capofila Lotta al caporalato, oltre 50 arresti dei Carabinieri in Puglia. Bari e Bat le province capofila Nel territorio del capoluogo regionale sono state elevate sanzioni per 1 milione 400 mila euro, su 69 controlli dei militari
Avvicendamento al vertice dell'11° Reggimento Carabinieri Puglia Avvicendamento al vertice dell'11° Reggimento Carabinieri Puglia Al colonnello Saverio Ceglie subentra il parigrado Angelo Primaldo Giurgola
Carabinieri, controlli straordinari per il Ferragosto Carabinieri, controlli straordinari per il Ferragosto In corso controlli alla circolazione stradale e verifiche nell'area costiera
Ritrovato a Bitonto l'uomo con sospetta tubercolosi fuggito dall'ospedale Ritrovato a Bitonto l'uomo con sospetta tubercolosi fuggito dall'ospedale Aveva fatto perdere le proprie tracce mentre era ricoverato al Vittorio Emanuele II di Bisceglie
Ricoverato a Bisceglie per sospetta tubercolosi polmonare, fa perdere le sue tracce Ricoverato a Bisceglie per sospetta tubercolosi polmonare, fa perdere le sue tracce Lo hanno riferito i Carabinieri di Trani, che invitano a prestare la massima attenzione
Vigilanza e stop allo spaccio: i risultati del progetto "Scuole sicure" tra Molfetta e il resto dell'Italia Vigilanza e stop allo spaccio: i risultati del progetto "Scuole sicure" tra Molfetta e il resto dell'Italia In città in arrivo fondi per potenziare i controlli con la Polizia Locale
Truffe agli anziani, smascherati i malviventi. I ringraziamenti ai Carabinieri Truffe agli anziani, smascherati i malviventi. I ringraziamenti ai Carabinieri Una nota dell'associazione Eredi della Storia e delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma di Molfetta
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.