Cantiere edile
Cantiere edile
Territorio e Ambiente

Stop alle gru. Legambiente interviene sul piano del comparto 18 e chiede la Vas

L’accusa: è congestionato. Carente di servizi e di aree verdi

Legambiente, in collaborazione con il Lup (Laboratorio di urbanistica partecipata), presenta le sue osservazioni all'Amministrazione Comunale, che ha appena avviato le consultazioni per la procedura di assoggettabilità del piano del comparto 18 alla Vas (Valutazione ambientale strategica). In sostanza, si tratta di capire se è giusto o no sottoporre questo piano a una procedura di verifica della sua compatibilità ambientale. Capire, cioè, se è giusto o no calcolarne l'impatto sull'ambiente.

«Non è una questione di lana caprina – puntualizza una nota del circolo Legambiente di Molfetta – né un inutile passaggio di "carte bollate": la Vas serve a valutare, prima che sia troppo tardi, se ci saranno danni».

«Il comparto interessa un'area estesa e contorta che – continua la nota - corre più o meno parallela all'asse ferroviario, al di qua dei binari. Per intenderci, dalla zona adiacente alla stazione fino a Lama Martina. Strutturato a macchia di leopardo, il comparto serve a restituire una funzionalità a suoli che sono perlopiù occupati da opifici in stato di abbandono: negli anni la politica ha scelto, anche in questo caso, la vocazione edificatoria. Naturalmente, la scelta era tutt'altro che "obbligata". Palazzi, case, appartamenti. In una città che, per inciso, sempre più si svuota di persone».
Secondo Legambiente «le aree destinate a servizi sono risicate e difficilmente accessibili. E questo, in un contesto reso ancora più critico dalla presenza della ferrovia e del cavalcavia di Levante. Piuttosto che bilanciare la carenza di servizi nei quartieri esistenti e ridurre i problemi del traffico, il comparto 18, una volta edificato, renderà molto più difficile la vita di automobilisti e pedoni. Ancora molti palazzi, ancora poche e anguste le aree a servizio della vivibilità a Molfetta. Il tutto, in assenza di un piano dei servizi della città».

E poi. «Il comparto 18 però non sarà soltanto un comparto "congestionato". Tanti metri cubi si eleveranno, è vero, anche nelle aree più improbabili (come, ad esempio, in un fazzoletto a ridosso dei pilastri del cavalcavia, dove sono previsti ben tre palazzi; e, questo, nonostante sussista il divieto di costruire nelle immediate vicinanze di strade di grande traffico). Ci sono, poi, altre aggravanti. Tra queste, l'indice di pericolosità idraulica, tenuto conto della prossimità di aree inondabili e, in particolare, di Lama Martina che non è del tutto tutelata da questo piano. Un fabbricato di cinque piani, oltre due interrati, sarà costruito proprio sul ciglio di scarpata della lama. Tanti buoni motivi, insomma, per chiedere che si faccia chiarezza. A questo dovrebbe servire la Vas. Almeno a non piangere, poi, sul latte versato».
  • legambiente
  • comparto 18
Altri contenuti a tema
Legambiente, "Spiagge e fondali puliti" a Molfetta Legambiente, "Spiagge e fondali puliti" a Molfetta L’iniziativa si terrà domenica 17 giugno, alle ore 9 (località Cala Sant’Andrea)
Legambiente: «L'ulivo di Antignano non si tocca!» Legambiente: «L'ulivo di Antignano non si tocca!» L'associazione interviene sull'episodio dei giorni scorsi
1 Legambiente: «Tutti i Comuni interessati si oppongano alla condotta sottomarina» Legambiente: «Tutti i Comuni interessati si oppongano alla condotta sottomarina» Il 20 novembre la conferenza di servizi sul tema
Criminalità ambientale, la Puglia terza nella classifica dell'illegalità Criminalità ambientale, la Puglia terza nella classifica dell'illegalità Presentati i dati del rapporto ecomafia di Legambiente
64 Ci sono Bisceglie e Giovinazzo, manca Molfetta: per le spiagge si è arrivato al fondo Ci sono Bisceglie e Giovinazzo, manca Molfetta: per le spiagge si è arrivato al fondo Per Legambiente e Touring Club Italian "Il mare più bello" non è a Molfetta
Legambiente: «Era proprio questa la Molfetta che sognavamo?» Legambiente: «Era proprio questa la Molfetta che sognavamo?» La delibera del Commissario Passerotti chiude la lunga vicenda della zona tra cimitero, crtecchje ed ex fonderia Palbertig
Legambiente premia i "Comuni ricicloni". Bocciata Molfetta Legambiente premia i "Comuni ricicloni". Bocciata Molfetta Debacle davanti a tutta la Puglia: nessun riconoscimento alla città
Il depuratore e la condotta sottomarina di Torre Calderina: il dossier di Legambiente Il depuratore e la condotta sottomarina di Torre Calderina: il dossier di Legambiente L'associazione spiega le ragioni di "un impatto ambientale e sociale non accettabile"
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.