Silvia Rana
Silvia Rana

La pediatra Silvia Rana racconta la sua esperienza con il Covid: «Il vaccino può rappresentare la soluzione»

Le parole della dottoressa che è anche referente USCA DSS/1 per la ASL Bari

Accettare la diagnosi del Covid-19 non è semplice per nessuno, neanche per chi opera in ambito sanitario ed è consapevole del rischio di contagio che, ogni giorno, si corre sul posto di lavoro. La pediatra molfettese Silvia Rana, referente locale per l'Usca DSS/1 dell'ASL Bari, ha contratto il virus alcuni giorni fa e ci ha raccontato la sua esperienza: «La prevenzione contro il Coronavirus è fondamentale. Talvolta può capitare di contagiarsi nonostante il rispetto di tutte le regole perché questo è un nemico in grado di attaccare anche alla minima disattenzione».

«Quando si riceve l'esito positivo di un tampone - racconta la dottoressa - è inevitabile cadere in un momento di sconforto, soprattutto perché l'andamento dell'infezione può essere molto vario, dall'assenza totale di sintomi fino alle conseguenze più drammatiche che noi tutti conosciamo ormai da mesi. Fortunatamente, nel mio caso ho avuto solo sintomi lievi quali febbre e tosse».

«Ci tocca convivere ancora per mesi con il Covid, in attesa che la campagna vaccinale raggiunga un livello tale da poterci riportare a una graduale normalità. Dobbiamo avere fiducia in questo strumento, che è fondamentale per farci superare la pandemia. Io mi auguro che il prima possibile possano essere vaccinate, oltre ai sanitari, agli operatori ed ospiti delle RSA, tutte le categorie di pazienti anziani, i fragili e anche i lavoratori che sono a maggiore rischio sul posto di lavoro, fra i quali senz'altro ci sono i docenti delle scuole» ha aggiunto.

«Per adesso occorre continuare ad attenersi alle precauzioni - conclude la dottoressa - perché solo la mascherina e il distanziamento possono difendere dal contagio. Il mio caso insegna come possa bastare pochissimo a contrarre il virus, soprattutto quando si lavora o ci si trova per diverse ore a condividere in ambienti chiusi. Nessuno può permettersi di abbassare la guardia fin quando tutto questo non sarà finito».
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Il bollettino Covid in Puglia: costante il numero di contagi e decessi Il bollettino Covid in Puglia: costante il numero di contagi e decessi Nelle ultime 24 ore 1.275 tamponi positivi su 11.524
Covid, il piano della Regione Puglia per le scuole: più tamponi e vaccino subito ai docenti Covid, il piano della Regione Puglia per le scuole: più tamponi e vaccino subito ai docenti Lopalco: «La nostra priorità è riavviare una didattica in presenza sicura»
Covid, oggi in Puglia 1.159 casi e 1.224 guariti Covid, oggi in Puglia 1.159 casi e 1.224 guariti Più di 11mila i tamponi. Si aggiungono altri 25 decessi
Il bollettino Covid in Puglia: calano sia i ricoveri che il numero dei positivi Il bollettino Covid in Puglia: calano sia i ricoveri che il numero dei positivi Nelle ultime 24 ore 850 contagi e 1.155 guariti
Covid, a Molfetta proseguono i vaccini per il personale sanitario Covid, a Molfetta proseguono i vaccini per il personale sanitario Le somministrazioni all'ospedale "Don Tonino Bello"
Covid, oggi in Puglia 403 casi ma i tamponi sono solo 3mila Covid, oggi in Puglia 403 casi ma i tamponi sono solo 3mila Si registrano anche 26 decessi
1 Nuovo bollettino Covid a Molfetta: i casi scendono a 468 Nuovo bollettino Covid a Molfetta: i casi scendono a 468 L'aggiornamento fornito dal sindaco Tommaso Minervini
Covid, oggi in Puglia 908 nuovi casi. I guariti superano quota 50mila Covid, oggi in Puglia 908 nuovi casi. I guariti superano quota 50mila Resta costante il dato dei decessi: sono 25
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.