La Polizia di Stato
La Polizia di Stato
Cronaca

In trasferta da Molfetta a Terni per rubare gioielli: arrestati in quattro

La Squadra Mobile ha fermato un 53enne, un 29enne e due 20enni. Scattate anche diverse perquisizioni a tappeto

Giorni concitati, quelli appena trascorsi, a Terni, in Umbria: in quattro - tutti residenti a Molfetta (un 53enne, un 29enne e due 20enni) - sono stati arrestati per un furto in appartamento e la ricettazione della refurtiva e condotti in carcere. I due 20enni, dopo l'udienza di convalida, sono stati trasferiti agli arresti domiciliari.

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Terni, Barbara Di Giovannantonio, è stata eseguita dalla Polizia di Stato, che proprio in queste ore - con i detective della Questura di Terni - stava indagando a ritmo serrato per far luce su un caso predatorio che si è consumato l'11 maggio scorso in un appartamento del centro: i poliziotti sono andati avanti nell'inchiesta fin quando non sono riusciti ad attribuire il furto ai quattro banditi.

Secondo le indagini della Squadra Mobile, coordinate dal dirigente Davide Caldarozzi e dal sostituto procuratore Camilla Coraggio, uno dei due 20enni molfettesi sarebbe riuscito ad entrare nell'abitazione di una coppia di ultra80enni del posto «fingendosi un idraulico che doveva controllare l'impianto a causa di una perdita nell'abitazione sottostante». Un modus operandi, evidentemente collaudato, che ha permesso ad un complice di entrare senza dover forzare la porta d'ingresso.

Una volta all'interno, infatti, il malvivente si è impossessato di tre mazzi di chiavi e di vari gioielli per un valore di circa 10mila euro. Tutta refurtiva, rinvenuta dagli agenti nel deposito bagagli dell'albergo dove i quattro avevano alloggiato, che è però tornata ai legittimi proprietari. I quattro (il 53enne e uno dei due 20enni sono padre e figlio, nda) sono finiti nel carcere di Vocabolo Sabbione, al culmine di una delicata indagine condotta dalla Squadra Mobile e coperta da assoluto riserbo.

Tutti rispondono, in concorso tra di loro, di furto in appartamento e di ricettazione (il bottino del colpo era composto prevalentemente da gioielli, oggetti che non è complicato riuscire a piazzare, nda) con l'aggravante del fatto commesso con mezzo fraudolento e del fatto commesso da tre o più persone. Due di loro - i due 20enni, entrambi assistiti dall'avvocato Maurizio Masellis - al termine dell'udienza di convalida sono stati trasferiti ai domiciliari, mentre proseguono le indagini.

Gli investigatori, infatti, non escludono la possibilità che i quattro (due detenuti a Terni, altrettanti ristretti a Molfetta) possano essere i responsabili anche di altre razzie che, in passato, hanno destato particolare allarme sociale. Al vaglio degli inquirenti ci sarebbero anche le analogie con altri furti messi a segno di recente.
  • Furti Molfetta
  • Polizia di Stato Molfetta
Altri contenuti a tema
Tentano il furto in un'azienda, ma i vigilantes mettono in fuga i ladri Tentano il furto in un'azienda, ma i vigilantes mettono in fuga i ladri Il colpo tentato questa mattina, nelle campagne di Molfetta. Sul posto le guardie giurate Sicuritalia-Ivri
1 Ladri in ospedale, svaligiata la cassaforte del Cup. Bottino: 500 euro Ladri in ospedale, svaligiata la cassaforte del Cup. Bottino: 500 euro Il furto nella notte. I dipendenti hanno trovato una vetrata distrutta: i ladri hanno scardinato il forziere
Furto sventato a Giovinazzo. Recuperata un'auto rubata a Molfetta Furto sventato a Giovinazzo. Recuperata un'auto rubata a Molfetta I malviventi sono stati messi in fuga: erano pronti ad entrare in un'azienda agricola. Sequestrata una Lancia Lybra
Ladri in trasferta a Barletta: padre e figlio denunciati dalla Polizia Ladri in trasferta a Barletta: padre e figlio denunciati dalla Polizia I due, di 47 e 18 anni, sono stati sorpresi mentre tentavano di scassinare il portone di uno stabile
1 Furti in casa a Molfetta. In azione la banda dei georgiani? Furti in casa a Molfetta. In azione la banda dei georgiani? La testimonianza della vittima, ladri in fuga con contanti e preziosi. Le indagini dei Carabinieri
Scoperto hub di mezzi rubati. Anche un escavatore da Molfetta Scoperto hub di mezzi rubati. Anche un escavatore da Molfetta A Modugno sequestrata dai Carabinieri un'intera carrozzeria. In due finiscono nei guai per ricettazione e riciclaggio
Sorpreso a rubare nel centro commerciale. Arrestato un 34enne Sorpreso a rubare nel centro commerciale. Arrestato un 34enne L'uomo ha asportato ricambi elettrici per auto del valore di 300 euro. Dopo la direttissima, è tornato in libertà
Furti in casa, due casi a Molfetta. I consigli dei Carabinieri Furti in casa, due casi a Molfetta. I consigli dei Carabinieri Gli episodi in via Falcone e in via Salvemini: le case lasciate libere diventano facile bersaglio dei ladri
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.