Un'aula di Tribunale
Un'aula di Tribunale
Cronaca

Diffamazione verso il Senatore Azzollini, le precisazioni dell'avvocato Rocco Nanna

La nota integrale inviata dall'avvocato

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota pervenuta in redazione da parte dell'avvocato Rocco Nanna in merito all'articolo da noi pubblicato in data 24 settembre.




"Faccio seguito al Vs. articolo pubblicato il 24.9 scorso. dal titolo "Rocco Nanna condannato per diffamazione" per precisare che:

- la multa è di E. 1.376.00 e non già di 4.000.00;
- il PM- melius re perpensa- ha chiesto in udienza la mia assoluzione e mi duole che l'egr. Difensore di controparte - così tempestivo -non ve lo abbia riferito;
-la notizia "dei tre incontri in carcere. PRIVATI" non è stata frutto di mia invenzione ma è stata da me mutuata a piè pari da "La Repubblica"del 7.12.2011 (mai smentita) dal titolo "quelle strane visite del sindaco Azzollini all'ex capo dell'ufficio tecnico in cella", nonchè da interrogazione parlamentare dott. Zazzera dell'IDV ancora in itinere;
- non ero obbligato a verificare la notizia - mai smentita, peraltro- avendo io ritenuto, in buona fede, che gli accessi al carcere fossero stati effettivamente tre e non due (un incontro consumato e un altro solo tentato in quanto in quanto quest'ultimo sarebbe stato impedito all'Azzollini dal PM Savasta, ndr), come insegnato amche dalla Corte Europea dei diritti dell'uomo (sentenza 4.7.2017, n.10947/1) sccondu cui "è contraria alla Convenzione europea una condanna del giornalista che non tenga conto del contesto generale e del comportamento tenuto dal cronista e di colui elle si ritiene diffamato pur senza aver mai chiesto una rettifica e senza aver agito contro chi rende le dichiarazioni ritenute diffamatorie";
-non ho mai diffamato alcuno nella mia vita, mai avuto alcuna condanna in passato, e meno che mai ho diffamato l'Azzollini il quale - questo è vero -si è politicamente ed istituzionalmente diffamato da solo, anche con l'unica sua visita in carcere all'Altomare;
-proporrò senz'altro appello avverso la ingiusta sentenza de qua del Tribunale di Trani, non appena leggerò le motivazioni, impegnandomi a rinunciare alla imminente prescrizione del reato contestatomi: le sentenze, infatti, si rispettano sempre ma si contestano anche e si impugnano sempre!

Grato per la pubblicazione della presente precisazione, ringrazio e porgo i miei più cordiali saluti.


Avv. Rocco Nanna"
  • processo
Altri contenuti a tema
5 Rocco Nanna condannato per diffamazione ai danni del Senatore Azzollini Rocco Nanna condannato per diffamazione ai danni del Senatore Azzollini Deliberata la sentenza di primo grado. I fatti risalgono al 2011
Processo su utilizzo e gestione del depuratore, udienza rinviata al 6 marzo Processo su utilizzo e gestione del depuratore, udienza rinviata al 6 marzo Si deciderà sul rinvio a giudizio per i sei imputati
Crac Casa della Divina Provvidenza, amministrazione straordinaria si costituisce parte civile. Udienza preliminare rinviata al 17 marzo Crac Casa della Divina Provvidenza, amministrazione straordinaria si costituisce parte civile. Udienza preliminare rinviata al 17 marzo Il gip Angela Schiralli concede 45 giorni ai legali difensori degli indagati per analizzare la memoria tecnico-contabile presentata dall’Ente
A processo per l'utilizzo e la gestione del depuratore. Il Comune parte civile A processo per l'utilizzo e la gestione del depuratore. Il Comune parte civile Davanti ai giudici sei imputati. Due sono ex dirigenti comunali
Passaggio via Margherita di Savoia, non luogo a procedere per l'ing Balducci Passaggio via Margherita di Savoia, non luogo a procedere per l'ing Balducci Il GUP di Trani ha emesso sentenza di non procedimento perché il fatto non sussiste
Processo per usura ed estorsione, l'Antiraket di Molfetta costituito parte civile Processo per usura ed estorsione, l'Antiraket di Molfetta costituito parte civile Parte offesa un imprenditore. Il processo davanti al Tribunale di Bari
«Una storia terribile, di malgoverno e opacità» «Una storia terribile, di malgoverno e opacità» Parla l'ex Sindaco Natalicchio sul rinvio a processo dei 42 imputati per il nuovo porto commerciale
Processo sul porto, chiesto il rinvio a giudizio per 45 imputati. Si deciderà il 10 novembre Processo sul porto, chiesto il rinvio a giudizio per 45 imputati. Si deciderà il 10 novembre Il Gup rigetta le eccezioni preliminari sollevate dai difensori
© 2001-2017 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.