Un Tribunale
Un Tribunale
Cronaca

Crescenzo Bartoli, la vendetta gli costa oltre 15 anni di carcere

L'omicida di Antonio Andriani condannato dal gup del Tribunale di Trani Raffaele Morelli

15 anni e 4 mesi di reclusione, interdizione dai pubblici uffici, mantenimento durante la custodia personale e una provvisionale di 20mila euro a testa per ciascuna parte civile, la moglie e le figlie di Antonio Andriani. È questa la sentenza emessa per Crescenzo Bartoli, a processo per omicidio volontario.

Il 26 novembre 2016 ferì a colpi di pistola Antonio Andriani, 54enne, nel portone della sua abitazione di via Martiri di via Fani alla periferia di Molfetta e morto dopo alcune ore al Policlinico di Bari. «Futili motivi», spiegarono i Carabinieri della Compagnia di Molfetta, che due giorni dopo, al termine di otto ore di interrogatorio, arrestarono il 44enne molfettese, marito della nipote della vittima.

All'origine dell'omicidio ci sarebbero state le continue vessazioni che il killer avrebbe subito negli anni. O almeno così avrebbe raccontato ai militari diretti dal capitano Vito Ingrosso, alla presenza del suo avvocato e del magistrato tranese Giovanni Lucio Vaira, che ha poi firmato il provvedimento di fermo. L'uomo avrebbe detto di essere stanco dei continui dispetti da parte di Andriani.

Durante l'interrogatorio Bartoli, che riferì d'essersi procurato per caso la pistola, lo zio lo avrebbe umiliato più volte davanti ad altre persone, gli avrebbe rubato in un'occasione delle reti da pesca e minacciato di forargli gli pneumatici dell'auto, trovati poi effettivamente bucati. Sarebbe stata questa la goccia che ha fatto scatenare l'intento omicida.

Bartoli, secondo la ricostruzione fornita dai Carabinieri, avrebbe citofonato a casa dello zio, uno stabile in via Martiri di via Fani proprio di fronte al Comune di Molfetta, invitandolo a scendere. I due avrebbero litigato sul pianerottolo del piano rialzato, fino a quando la discussione sarebbe degenerata nel tragico epilogo.

Ieri, è arrivata la sentenza di primo grado e la condanna del giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Trani, Raffaele Morelli, al termine del giudizio con rito abbreviato. E Bartoli, il killer di Andriani, ha preso coscienza di quello che lo attende: il carcere. 15 anni e 4 mesi.
  • Antonio Andriani
  • Crescenzo Bartoli
Altri contenuti a tema
Tragedia Andriani, Molfetta all'ultimo saluto: «Ciao Antonio!» Tragedia Andriani, Molfetta all'ultimo saluto: «Ciao Antonio!» Cerimonia funebre oggi nella gremitissima Chiesa di Sant’Achille
A nome di Molfetta Tommaso Minervini ricorda Antonio Andriani A nome di Molfetta Tommaso Minervini ricorda Antonio Andriani Nelle parole del sindaco il cordoglio della città per la morte del 40enne
Giovedì a Molfetta i funerali di Antonio Andriani Giovedì a Molfetta i funerali di Antonio Andriani L'ultimo saluto nella chiesa Sant'Achille alle ore 17:00
Tragedia Andriani, indagato il proprietario della villetta Tragedia Andriani, indagato il proprietario della villetta Nessuna autopsia. La morte a causa dell'urto al capo accorso nella caduta
Pesce in cambio di favori in carcere: indagati marito e moglie di Molfetta Pesce in cambio di favori in carcere: indagati marito e moglie di Molfetta 29 le persone iscritte sul registro degli indagati. Fra questi Crescenzo Bartoli, in carcere per l'omicidio Andriani
Funerali privati per Antonio Andriani Funerali privati per Antonio Andriani Niente funzione pubblica: la cerimonia domattina presso la cappella Maggiore
Omicidio Andriani, spunta il movente passionale? Omicidio Andriani, spunta il movente passionale? «Futili motivi», spiegano i Carabinieri. Che però non escludono altre piste
«Rispetto per un uomo che non ha avuto degna sepoltura» «Rispetto per un uomo che non ha avuto degna sepoltura» Omicidio Andriani, l'avvocato Felice Petruzzella invita alla prudenza: «Attendiamo gli esiti delle indagini»
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.