Antonio Andriani
Antonio Andriani

Tragedia Andriani, Molfetta all'ultimo saluto: «Ciao Antonio!»

Cerimonia funebre oggi nella gremitissima Chiesa di Sant’Achille

Oggi è il giorno del silenzio. Oggi è il giorno dell'ultimo saluto ad Antonio Andriani.

E' una gremita Chiesa di Sant'Achille ad abbracciare "per l'eternità" il suo feretro.

Le parole per descrivere l'emozione, le sensazioni di quella Chiesa e di quel sagrato non le hanno ancora inventate, o rimangono lì ferme sulla punta della penna.

Sono gli occhi lucidi degli amici,dei parenti, di quanti lo hanno conosciuto sul palco come il Renato Zero di Molfetta, o nelle commedie in vernacolo, a dare il senso della tragedia. Uno sguardo. Una pacca sulla spalla. Un abbraccio per manifestare tutto il proprio dolore.

Le parole, quelle rimangono sospese nell'aria, lasciano il tempo che trovano. Ora è il momento di tacere, le polemiche le rimandiamo a domani o ai prossimi giorni.

Chi era Antonio lo hanno raccontato in questi giorni i suoi amici su vari post di facebook. Era un ragazzo solare, generoso, divertente, attento al prossimo, quello che potremmo definire un compagnone, quello che con la sua presenza ti cambia una serata.

Un ragazzo vitale, nel senso che amava la vita, che aveva lottato contro un tumore e aveva vinto. Ma poi in pochi secondi dalla festa alla tragedia. Dalla vita alla morte. Destino, si chiama destino, fatale e atroce destino.

Sono gli amici, i parenti, i conoscenti e i tanti molfettesi, che hanno voluto dimostragli ancora una volta il loro amore, la loro amicizia.

Il senso di quanto accaduto lo lasciamo alle parole di "Amico" di Renato Zero:
"Il sole muore già
E di noi questa notte avrà pietà
Dei nostri giochi confusi nell'ipocrisia
Il tempo ruba i contorni a una fotografia
E il vento spazza via
Questa nostra irreversibile follia
Chissà se il seme di un sentimento rivedrà
La luce del giorno che un'altra vita ci darà

Che fai se stai lì da solo
In due più azzurro è il tuo volo
Amico è bello
Amico è tutto, è l'eternità
È quello che non passa, mentre tutto va
Amico, amico, amico
Il più fico amico è chi resisterà
Chi resisterà
Chi di noi, chi di noi resisterà".


Ciao Antonio!
  • Antonio Andriani
Altri contenuti a tema
A nome di Molfetta Tommaso Minervini ricorda Antonio Andriani A nome di Molfetta Tommaso Minervini ricorda Antonio Andriani Nelle parole del sindaco il cordoglio della città per la morte del 40enne
Giovedì a Molfetta i funerali di Antonio Andriani Giovedì a Molfetta i funerali di Antonio Andriani L'ultimo saluto nella chiesa Sant'Achille alle ore 17:00
Tragedia Andriani, indagato il proprietario della villetta Tragedia Andriani, indagato il proprietario della villetta Nessuna autopsia. La morte a causa dell'urto al capo accorso nella caduta
Crescenzo Bartoli, la vendetta gli costa oltre 15 anni di carcere Crescenzo Bartoli, la vendetta gli costa oltre 15 anni di carcere L'omicida di Antonio Andriani condannato dal gup del Tribunale di Trani Raffaele Morelli
Funerali privati per Antonio Andriani Funerali privati per Antonio Andriani Niente funzione pubblica: la cerimonia domattina presso la cappella Maggiore
Omicidio Andriani, spunta il movente passionale? Omicidio Andriani, spunta il movente passionale? «Futili motivi», spiegano i Carabinieri. Che però non escludono altre piste
«Rispetto per un uomo che non ha avuto degna sepoltura» «Rispetto per un uomo che non ha avuto degna sepoltura» Omicidio Andriani, l'avvocato Felice Petruzzella invita alla prudenza: «Attendiamo gli esiti delle indagini»
Omicidio Andriani: confessa il nipote Crescenzio Bartoli Omicidio Andriani: confessa il nipote Crescenzio Bartoli L'accusa è di omicidio premeditato. Il movente legato a continue vessazioni subite per futili motivi
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.