centro antiviolenza
centro antiviolenza
Lavori pubblici

Approvato il progetto esecutivo per il Centro Civico Antiviolenza

Il centro servirà per fornire attività di assistenza, aiuto, tutela e protezione rivolte a donne vittime di violenza

Una struttura moderna, sicura, con elevati standard di qualità edilizia, energeticamente efficiente e sostenibile in grado di svolgere con efficacia il proprio ruolo di elemento di riferimento per il supporto, l'accoglienza e l'assistenza alle persone, alle famiglie ed in particolare alle donne vittime di violenza.
Con questo obiettivo la giunta con la delibera n. 186 del 21 settembre 2015 ha approvato il progetto esecutivo del valore di 598.252 euro per la realizzazione del Centro Civico Antiviolenza in piazza Rosa Luxemburg.

Tale struttura farà riferimento alla Rete Nazionale dei Centri antiviolenza nata nel 2006 per organizzare ed erogare un insieme di attività di assistenza, aiuto, tutela e protezione rivolte a donne e minori in situazioni di difficoltà dovute a degenerazione di rapporti familiari, parentali ed affettivi e a manifestazioni di fenomeni di violenza.
I centri svolgono anche attività di prevenzione attraverso la presenza di uno o più psicologi, di psicoterapeuti, di educatori ed assistenti sociali con specifiche competenze nella relazione d'aiuto e nell'assistenza a soggetti deboli, vittime elettive di maltrattamenti e violenze, e attività di informazione e assistenza legale.

"In Puglia sono 18 i Centri antiviolenza esistenti. Molfetta ne è sprovvista, il più vicino attualmente è a Bari o Trani. I maltrattamenti fisici o psicologici che si perpetrano in casa sono tra i più insopportabili che si possano immaginare. Sono circondati, anche nella nostra città, dal silenzio e condannano chi ne è vittima alla solitudine. Per questo ci siamo impegnati ad attuare questo punto programmatico che qualifica una città attenta alle varie forme di fragilità", spiega il sindaco di Molfetta, Paola Natalicchio.

Il progetto prevede la costruzione di un nuovo manufatto della stessa volumetria dello stabile delle ex Poste presente attualmente in piazza Luxemburg. L'ingresso alla struttura sarà collocato lungo il portico sul lato sud ed prevista la presenza di una sala polifunzionale con il ruolo di luogo di incontro e di manifestazioni di vario genere, mentre l'ambito di supporto per i fruitori della struttura è individuato da tre ambienti spazialmente distinti collocati sul lato nord del manufatto con una connotazione di maggior chiusura e protezione.

"Abbiamo – conclude il sindaco – candidato il progetto a un bando regionale aperto alcuni giorni fa con il Comune di Giovinazzo. Qualche settimana prima avevamo candidato un altro progetto per il potenziamento delle attività svolte dalla associazione Pandora presso i locali della Sala Turtur, in cui abbiamo attivato un primo sportello antiviolenza da circa un anno. Al bando per la gestione abbiamo partecipato in partnership con la Cooperativa C.r.i.s.i. di Bari, attuale gestore del centro antiviolenza "La luna nel pozzo", immaginando anche un servizio di ascolto e prevenzione aperto agli uomini e immaginando anche di potenziare le attività antistalking. Inoltre siamo a un passo dall'attivazione presso il nostro ospedale del Binario Rosa, grazie anche all'impulso sul punto della Consulta Femminile. I corsi di formazione legati al progetto partiranno entro fine anno in collaborazione con altre istituzioni, tra cui le forze dell'ordine, così da mettere in condizione la donna vittima di percosse che viene assistita dal nostro pronto soccorso di accedere subito a un circuito di aiuto".

I risultati di queste azioni volte a potenziare i servizi di contrasto alle diseguaglianze di genere saranno presentati e commentati in una iniziativa pubblica il prossimo 27 novembre nella giornata nazionale contro la violenza sulle donne.
  • violenza sulle donne
  • centro antiviolenza
Altri contenuti a tema
Molfetta è riuscita a dare “un pugno alla paura” Molfetta è riuscita a dare “un pugno alla paura” Concluso con successo il primo corso di autodifesa organizzato dall’Associazione Junreikan e dall’Amministrazione comunale
L’avv. Scardigno dell’Associazione Pandora: «Il Cav sarà un polo di innovazione culturale» L’avv. Scardigno dell’Associazione Pandora: «Il Cav sarà un polo di innovazione culturale» Presto l’inaugurazione del centro antiviolenza di Molfetta
Presentato a Molfetta il progetto di autodifesa “Dai un pugno alla paura” Presentato a Molfetta il progetto di autodifesa “Dai un pugno alla paura” Le iscrizioni sono aperte sino al 17 gennaio. La prima lezione si terrà il prossimo 25 gennaio
Il 13 dicembre la chiusura del cantiere del centro antiviolenza di Molfetta? Il 13 dicembre la chiusura del cantiere del centro antiviolenza di Molfetta? Lavori in ritardo di oltre un anno. Secchi: «Apertura vittoria di tutti»
4 Tenta di violentare una ragazza. Fugge e ora è ricercato Tenta di violentare una ragazza. Fugge e ora è ricercato La vittima sarebbe stata aggredita da un uomo di colore in via Madonna della Rosa. Nessuna conseguenza, a parte il forte spavento
36 L’opposizione di sinistra chiede chiarimenti all’Amministrazione con cinque interpellanze L’opposizione di sinistra chiede chiarimenti all’Amministrazione con cinque interpellanze Si riprendono alcuni temi caldi come la “Muraglia” e la piscina
12 Paola Natalicchio: sportello di ascolto per le famiglie arcobaleno a Molfetta Paola Natalicchio: sportello di ascolto per le famiglie arcobaleno a Molfetta L’ex sindaco chiede conto del servizio previsto dal bando e ricorda la paternità del centro antiviolenza presentato ieri dal Commissario
6 Giovane marocchina subisce violenze dalla sua famiglia perché non rispetta le “regole” dell’Islam Giovane marocchina subisce violenze dalla sua famiglia perché non rispetta le “regole” dell’Islam Al lavoro gli uomini della Questura e di un centro antiviolenza di Bari
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.