depuratore
depuratore

A che punto sono i lavori all'impianto di depurazione di Molfetta?

AQP: «Impegnati a garantire la massima efficienza»

Acquedotto Pugliese mette nero su bianco lo stato dell'impianto di depurazione di Molfetta a seguito dei lavori di cui è stato oggetto.
A chiedere lumi l'ex sindaco e attuale consigliere comunale di Sinistra Italiana Paola Natalicchio.

Come si legge dai documenti di AQP, gli interventi alla struttura sono stati ultimati il 14 novembre scorso per una spesa complessiva di oltre 3 milioni di Euro.
Un progetto di riqualificazione a ampio raggio che ha visto, per esempio, la sostituzione di due elettromiscelatori lenti e di due elettropompe di aggottamento, la costituzione di un nuovo pozzetto di sollevamento acqua, la realizzazione di un nuovo locale completo di compressori e tubazioni e di uno destinato a essere fornito di un nuovo gruppo antincendio. Ma si è intervenuti anche sulla linea fanghi e poi sulla formazione di nuove opere come l'impianto elettrico e la nuova rete di raccolta delle acque meteoriche.

«Con l'ultimazione dei lavori di potenziamento sono state risolte molte criticità infrastrutturali dell'impianto e si sono rinnovate molte apparecchiature elettromeccaniche ormai obsolete», scrive AQP che dimostra anche come, grazie a ciò, «l'efficienza depurativa dell'impianto è gradualmente migliorata», garantendo anche il proprio impegno affinchè si faccia ancora meglio.

Bisogna ricordare che nell'estate 2013 l'impianto fu sequestrato.
«Feci un sopralluogo, insieme a Rosalba Gadaleta, allora assessore all'Ambiente. Scoprimmo un Vaso di Pandora, fatto di anni di malagestione. Il Comune che pretese (giunta Tommaso Minervini Uno) di gestire l'impianto in autonomia. Poi lo appalto' a una ditta, fallita. Progetto' lavori di ampliamento che, in un decennio, non si fecero mai. Costrui' un impianto di affinamento delle acque reflue andato poi completamente abbandonato. Un depuratore allo sbando, pompe distrutte, smaltimento dei fanghi in tilt, lavoratori a rischio. Decidemmo con fermezza di convincere Aqp a riprendere in gestione l'impianto. Concertammo una soluzione con la Regione, con l'Aip (l'aurorita' idrica pugliese) e con Aqp, appunto. Nel 2014 il passaggio-salvataggio. Non fu perso un solo posto di lavoro. Furono fatte immediatamente le manutenzioni straordinarie. Furono stanziati 3 milioni di euro per lavori che aspettavano da dieci anni di essere compiuti. In tre anni i lavori sono finiti. Le tabelle parlano chiaro. C'e' un prima e c'e' un dopo. L'inquinamento, il pericolo per le nostre acque, la messa in sicurezza e l'uscita dall'emergenza. Le date sono nostre: 2014, 2015», scrive Paola Natalicchio.
  • Depuratore
Altri contenuti a tema
Goletta Verde in Puglia. Buona la balneabilità delle acque a Molfetta Goletta Verde in Puglia. Buona la balneabilità delle acque a Molfetta Ancora criticità a causa del sistema di depurazione, Legambiente lancia tre proposte
1 Depuratori, impianti di affinamento e condotta sottomarina, il "ciclo dell'acqua" da 72 milioni di euro Depuratori, impianti di affinamento e condotta sottomarina, il "ciclo dell'acqua" da 72 milioni di euro L'Assessore Caputo e l'architetto Curcuruto hanno presentato il progetto di sistema funzionale del riuso delle acque
4 Condotta sottomarina di Torre Calderina, il Parlamento Europeo ne è all'oscuro Condotta sottomarina di Torre Calderina, il Parlamento Europeo ne è all'oscuro È quanto emerge dalla risposta della Commissione europea in seguito all'interrogazione della deputata D'Amato
Processo su utilizzo e gestione del depuratore, udienza rinviata al 6 marzo Processo su utilizzo e gestione del depuratore, udienza rinviata al 6 marzo Si deciderà sul rinvio a giudizio per i sei imputati
A processo per l'utilizzo e la gestione del depuratore. Il Comune parte civile A processo per l'utilizzo e la gestione del depuratore. Il Comune parte civile Davanti ai giudici sei imputati. Due sono ex dirigenti comunali
Depuratore, da settembre messa in esercizio Depuratore, da settembre messa in esercizio In corso le operazioni di verifica e collaudo preliminare
Il depuratore e la condotta sottomarina di Torre Calderina: il dossier di Legambiente Il depuratore e la condotta sottomarina di Torre Calderina: il dossier di Legambiente L'associazione spiega le ragioni di "un impatto ambientale e sociale non accettabile"
Legambiente lancia l'allarme: il fallimento della depurazione a Molfetta Legambiente lancia l'allarme: il fallimento della depurazione a Molfetta Presentato un dossier sul ciclo di gestione dei reflui a Molfetta e nel circodiario
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.