Acque reflue nelle campagne di Molfetta
Acque reflue nelle campagne di Molfetta
Cronaca

Acque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWF

Problemi al depuratore, sott'acqua centinaia di ulivi. Salvemini: «Ingenti i danni provocati dal marciume radicale»

Uno scarico di acque reflue. Le immagini non lasciano dubbi. E nemmeno la denuncia di Pasquale Salvemini che ha raccolto l'appello lanciato dai proprietari dei terreni in contrada Manganelli, in piena zona Asi, che lamentano lo sversamento incontrollato di una presunta acqua di fogna sui propri fondi agricoli.

Siamo nelle campagne di Molfetta, nell'oasi faunistica di Torre Calderina, «un'area naturale che, almeno sulla carta - fa sapere il responsabile regionale del WWF - risulta essere protetta da vincoli paesaggistici». Le immagini sono di una gravità inaudita e mostrano centinaia di alberi di ulivo immersi da settimane nelle acque reflue che arrivano dall'impianto di depurazione di Ruvo di Puglia e Terlizzi, a causa - secondo i proprietari - di «una cattiva manutenzione del canale».

E l'effetto dell'ultimo straripamento del canale molfettese - in parte a cielo aperto - dei reflui dell'impianto di depurazione che scarica le acque nei pressi dell'oasi di Torre Calderina è davvero sotto gli occhi di tutti: «Oltre 100mila metri quadrati di terreno sono stati invasi dalle acque reflue - secondo le prime stime raccolte da Salvemini- ed oltre 20mila metri cubi di acqua di fogna che da oltre un mese sta divorando centinaia e centinaia di alberi di ulivo».
5 fotoAcque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWF
Acque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWFAcque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWFAcque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWFAcque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWFAcque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWF
Ingenti i danni provocati non solo dal marciume radicale degli alberi, ma anche dal mancato raccolto delle olive, finite nell'acqua prima ancora di essere raccolte durante la campagna olearia. «Oltre al danno arboreo non possiamo trascurare quello legato all'inquinamento della falda. Siamo di fronte a una vera emergenza», continua Salvemini che si chiede «come mai chi è preposto alla manutenzione ordinaria e straordinaria continui a sonnecchiare».

Il problema, infatti, nasce proprio «dalla cattiva manutenzione ordinaria del canale - denuncia ancora Salvemini - che, al momento, risulta in più punti ostruito da vegetazione sparsa». Il WWF, che ipotizza un possibile inquinamento della falda, ha pronto un esposto alla Procura della Repubblica di Trani «per far luce su una vicenda ambientale che, comunque - dice ancora - non sembra essere un caso isolato nel territorio comunale di Molfetta».

In passato, infatti, ci fu un altro sversamento di reflui che causò l'essiccazione di 50 ulivi: «Centinaia di ettari sono sott'acqua. Ci rivolgeremo alla magistratura - promette Salvemini - perché i danni sono incalcolabili». Tra le centinaia di alberi distrutti del marciume radicale e un possibile inquinamento della falda.
  • Depuratore
  • Pasquale Salvemini
  • WWF Puglia
Altri contenuti a tema
Prosegue l'attività del Centro di recupero WWF per tartarughe marine di Molfetta Prosegue l'attività del Centro di recupero WWF per tartarughe marine di Molfetta Diversi programmi di studio sono stati avviati in collaborazione con Istituti universitari italiani e stranieri
Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Da ieri sino al 22 ottobre. L'obiettivo è salvaguardare una delle specie marine su cui l’attenzione è molto alta
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
Torna Ri-Party-Amo: a Molfetta l'unica tappa in Puglia Torna Ri-Party-Amo: a Molfetta l'unica tappa in Puglia L'appuntamento per la pulizia delle spiagge è all'oasi San Giacomo. L'iniziativa è promossa dal Wwf Italia
Soccorso un gabbiano reale in via Cavallotti Soccorso un gabbiano reale in via Cavallotti L'esemplare, recuperato su un balcone, è stato soccorso dai volontari del WWF. Sul posto anche la Polizia Locale
Pappagallo ritrovato in un lido: il WWF cerca il proprietario Pappagallo ritrovato in un lido: il WWF cerca il proprietario Un esemplare di parrocchetto monaco tutelato dalla normativa Cites provvisto di anello di identificazione
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
© 2001-2023 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.