Cerimonia proclamazione Tommaso Minervini sindaco
Cerimonia proclamazione Tommaso Minervini sindaco
Politica

3 luglio 2017 - 3 luglio 2021: il Minervini - bis al quarto anno. Con due crisi in meno di dodici mesi

Pressioni sul primo cittadino e ancora tensioni nella maggioranza

Quattro anni fa, il 4 luglio 2017, si insediava l'amministrazione Minervini.
La "Smart - city" iniziava il proprio percorso attorno alla figura di Tommaso Minervini (al secondo mandato da sindaco, ndr), sintesi dell'unione tra il Partito Democratico e le liste civiche confluite poi in un unico movimento NOI - Molfetta, ad oggi scioltosi.

«Ringrazio - diceva lo scorso anno Tommaso Minervini - tutti i protagonisti di questo cambiamento vero nella nostra comunità, che oggi è più compatta: assessori, consiglieri comunali e membri delle municipalizzate, ma soprattutto gli imprenditori, i commercianti e i cittadini che contribuiscono quotidianamente e con spirito positivo all'innalzamento del benessere della nostra amata Molfetta».

Parole che sembrano anacronistiche a un anno di distanza e un anno dalla fine naturale del mandato.

Da quel 3 luglio 2020, infatti, tante le cose cambiante, tante le cose successe.
Due le crisi di maggioranza a cui Molfetta ha dovuto assistere.
La prima, proprio qualche mese dopo: a novembre 2020, infatti, la Procura di Trani notifica gli avvisi di garanzia per lo scandalo "Appaltopoli", tra gli altri, al sindaco e all'allora assessore ai lavori pubblici Mariano Caputo, poi dimessosi e attualmente in carcere.
Fu il PD ad aprire la crisi, risolta dopo diverse settimane con un rimpasto di Giunta.
Giunta che adesso è priva di due assessori: Gabriella Azzollini e Francesco de Gennaro, infatti, hanno rassegnato le dimissioni dalle proprie rispettive deleghe. La decisione proprio a seguito dell'esecuzione delle ordinanze cautelari dello scandalo "Appaltopoli" che in Consiglio Comunale ha portato Officine Molfetta a dichiararsi indipendente.

Viene da dire, allora, che non sarà un 3 luglio semplice per Tommaso Minervini che lo scorso 28 giugno ha ribadito la propria ferma intenzione di non dimettersi dall'incarico al Consiglio Comunale. Le pressioni, però, non mancherebbero come le tensioni che potrebbero esplodere dopo l'estate.
  • amministrazione minervini
Altri contenuti a tema
Se non ci sarà la sfiducia a Minervini, ecco il nuovo rimpasto di Giunta Se non ci sarà la sfiducia a Minervini, ecco il nuovo rimpasto di Giunta Tornano i "Popolari per Molfetta", possibili assessorati anche a Rossiello e Camporeale
Sfiducia al sindaco: le firme dei consiglieri. Manca il PD, Minuto e "Popolari Molfetta" Sfiducia al sindaco: le firme dei consiglieri. Manca il PD, Minuto e "Popolari Molfetta" Firma il centrosinistra e il centrodestra, Obiettivo Molfetta ma anche Mancini
Crisi maggioranza: a dieci giorni dall'ultimo Consiglio Molfetta attende risposte Crisi maggioranza: a dieci giorni dall'ultimo Consiglio Molfetta attende risposte Città sempre più disillusa e confusa: lo spettro dell'astensionismo già aleggia sulle elezioni comunali 2022
Crisi amministrativa: riunione del PD. "Obiettivo Molfetta" sarebbe pronto a scrivere al Prefetto Crisi amministrativa: riunione del PD. "Obiettivo Molfetta" sarebbe pronto a scrivere al Prefetto Al vaglio l'ipotesi delle dimissioni dei consiglieri. Mancini: «Il sindaco vuole recuperare un mese di galleggiamento»
Sfiducia in Consiglio, poi il Commissario e le nuove elezioni. Molfetta verso le comunali 2022 Sfiducia in Consiglio, poi il Commissario e le nuove elezioni. Molfetta verso le comunali 2022 I passaggi amministrativi che porteranno la città alle urne
Dal PD con le liste civiche a "NOI" di Tammacco fino al dietrofront degli alleati. I cambiamenti nella maggioranza Dal PD con le liste civiche a "NOI" di Tammacco fino al dietrofront degli alleati. I cambiamenti nella maggioranza Crisi aperta un anno fa dagli scandali giudiziari. Poi il rimpasto, l'uscita del PD e quella di Pietro Mastropasqua e Pino Amato
1 Mozione degli alleati per sfiduciare Minervini. A Molfetta l'amministrazione traballa di nuovo Mozione degli alleati per sfiduciare Minervini. A Molfetta l'amministrazione traballa di nuovo Alla guida ci sarebbe il gruppo di Pietro Mastropasqua. Ma anche altri consiglieri comunali sarebbero pronti a opporsi al sindaco
7 Maridda Poli (anche) al commercio, Solimini e Camporeale in Giunta. Il rimpasto dopo la Festa Patronale Maridda Poli (anche) al commercio, Solimini e Camporeale in Giunta. Il rimpasto dopo la Festa Patronale Quasi sfumata la fine in anticipo dell'amministrazione Minervini
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.