La tartaruga sequestrata dalla Guardia di Finanza
La tartaruga sequestrata dalla Guardia di Finanza
Cronaca

Sequestrata al porto di Bari una tartaruga viva. Affidata al WWF di Molfetta

La testuggine, nascosta in una scatola di scarpe, è stata trasportata da un cittadino italiano proveniente dalla Grecia, denunciato all'Autorità Giudiziaria

Elezioni Regionali 2020
I finanzieri del II Gruppo Bari, unitamente ai funzionari dell'Agenzia delle Dogane, nell'ambito dei controlli sui mezzi e sulle merci in arrivo ed in partenza da e verso i Paesi comunitari, hanno proceduto al sequestro presso l'area portuale barese di un esemplare di tartaruga viva.

La testuggine era portata al seguito da un cittadino italiano appena sbarcato da una motonave proveniente dalla Grecia ed era conservata all'interno di una scatola di scarpe. I militari operanti hanno da subito inteso che poteva trattarsi di una specie animale tutelata dalla Convenzione di Washington.

Infatti il successivo controllo ha evidenziato che si trattava di una tartaruga della specie testuggine di Hermann inserita nell'allegato A del Regolamento CE nr. 338/1997 e quindi un esemplare tutelato dalla CITES ossia la Convenzione di Washington del 1973 sulla tutela degli esemplari della flora e della fauna minacciate da estinzione.

Per tale ragione, il cittadino italiano è stato segnalato alla competente Autorità Giudiziaria per violazione dell'articolo 1 della legge 150 del 1992 ovvero per aver importato tale esemplare senza il certificato oppure la licenza prevista dal regolamento comunitario. La tartaruga è stata posta sotto sequestro e affidata al centro di recupero tartarughe marine di Molfetta.

L'impegno dei militari della Guardia di Finanza e dei funzionari doganali è sempre costante in tale settore, anche in virtù delle ultime previsioni normative che hanno dato al corpo specifiche competenze nel settore della flora e della fauna minacciato da estinzione all'interno degli spazi doganali.
  • Tartarughe Molfetta
Altri contenuti a tema
Tartaruga morta e decomposta: trovata a Torre Gavetone Tartaruga morta e decomposta: trovata a Torre Gavetone L'esemplare era morto da tempo e presentava i classici sintomi legati alla patologia di gas embolico
Ennesima tartaruga spiaggiata, è strage di esemplari lungo la costa Ennesima tartaruga spiaggiata, è strage di esemplari lungo la costa 6 esemplari di caretta caretta sono stati rinvenuti negli ultimi 2 giorni fra Trani e Giovinazzo
Un'altra tartaruga marina trovata in spiaggia senza vita Un'altra tartaruga marina trovata in spiaggia senza vita La carcassa dell'animale, lungo 80 centimetri, è stato ritrovato nei pressi del Mikki Beach
GenerAzioneMare: Natalina, la tartaruga caretta caretta torna in libertà GenerAzioneMare: Natalina, la tartaruga caretta caretta torna in libertà Era stata recuperata a Barletta e curata presso il centro di Molfetta. Domani sarà liberata al largo di Bisceglie
Ancora una tartaruga spiaggiata sul litorale di Molfetta Ancora una tartaruga spiaggiata sul litorale di Molfetta La testuggine, in avanzato stato di decomposizione, è stata ritrovata nei pressi del lido Bahia
Ancora tartarughe spiaggiate sul litorale di Molfetta Ancora tartarughe spiaggiate sul litorale di Molfetta Due gli esemplari rinvenuti nei giorni scorsi: entrambi erano in avanzato stato di decomposizione
100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero 100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero «Un gravissimo errore pagare per il recupero delle tartarughe marine». Si vanificano decenni di buone pratiche
Altre due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta Altre due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta La prima in località San Giacomo, la seconda sul lungomare Colonna. È intervenuta la Guardia Costiera
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.