tribunale
tribunale
Cronaca

Scandalo nella Procura di Trani, tra gli indagati anche un professionista di Molfetta?

L'indiscrezione lanciata da "Il Fatto Quotidiano" e da "La Gazzetta del Mezzogiorno"

Ci sarebbe anche Giacomo Ragno, originario di Molfetta, tra gli indagati nelle indagini sullo scandalo che sta travolgendo i pubblici ministeri Antonio Savasta e Michele Nardi, per ipotesi di reato legate al periodo di servizio nella Procura della Repubblica di Trani.

Secondo quanto si apprende la Procura della Repubblica di Lecce, circa l'inchiesta su presunte tangenti versate in cambio di procedimenti penali favorevoli, avrebbe chiesto l'incidente probatorio per Savasta, per Vincenzo Di Chiaro e Flavio D'Introno riguardo a quanto già riferito negli interrogatori resi tra l'autunno 2018 e l'inverno 2019.

Ed è proprio da quanto riferito in quelle circostanze che sarebbero emerse nuove ipotesi di reato attribuibili ad altre persone tra cui il professionista di Molfetta Giacomo Ragno, il cui nome è riportato da importanti organi di stampa nazionale come "Il Fatto Quotidiano" e "La Gazzetta del Mezzogiorno".

E' proprio "Il Fatto Quotidiano" a riportare la notizia che gli avvisi di garanzia sarebbero già stati notificati per «presunti episodi di corruzione, concussione, falso, calunnia, millantato credito ed estorsione», si legge sul quotidiano.
  • Procura Trani
Altri contenuti a tema
Operazione "Sunflower": ai fratelli Ciccolella l'accusa di presunta truffa sul fotovoltaico Operazione "Sunflower": ai fratelli Ciccolella l'accusa di presunta truffa sul fotovoltaico Sequestrati beni per 8 milioni: si tratta di tre grandi impianti destinati a serre a Terlizzi
Frode e truffa in un appalto: secondo la Procura danni per 400 mila Euro al Comune Frode e truffa in un appalto: secondo la Procura danni per 400 mila Euro al Comune L'Ente si costituirà parte civile nel processo davanti al Tribunale di Trani
Antonino Di Maio è il nuovo procuratore di Trani Antonino Di Maio è il nuovo procuratore di Trani Via libera del plenum del Consiglio superiore della magistratura
Schiuma, fanghi e liquami: Torre Calderina finisce di nuovo in Procura Schiuma, fanghi e liquami: Torre Calderina finisce di nuovo in Procura Salvemini: «La città metropolitana e la regione devono intervenire con urgenza»
Il pubblico ministero del processo sul porto trasferito a Roma Il pubblico ministero del processo sul porto trasferito a Roma Il Csm accoglie la richiesta del magistrato Antonio Savasta
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.