Pasquale Salvemini
Pasquale Salvemini
Cronaca

Salvemini getta acqua sul fuoco: «Nessuna emergenza cinghiali»

Per l'attivista regionale del WWF «la situazione è sotto controllo. È la caccia a provocarne lo sconfinamento»

«Nessuna emergenza cinghiali, nessun allarmismo fuori luogo. Attualmente la popolazione dei cinghiali è sotto controllo e molte sono state le catture effettuate sia dal Comune di Bari sia dal Parco Nazionale dell'Alta Murgia».

È quanto dichiara Pasquale Salvemini, del WWF Puglia, dopo le segnalazioni della presenza di cinghiali, avvistati nelle campagne fra Giovinazzo e Bitonto, nei pressi delle cave di San Pietro Pago. «Si tratta - prosegue - di un'emergenza montata ad arte per creare allarmismo, ma questi animali, che sono stati immessi anni or sono sul nostro territorio solo per scopi venatori, il più delle volte sconfinano perché spinti dal bracconaggio».

Secondo l'attivista molfettese, quindi, che ricopre anche l'incarico di delegato regionale della Lega per l'Abolizione della Caccia, «è l'attività venatoria, molto attiva in Puglia, oltre alla continua urbanizzazione dei nostri centri urbani, a colpire questi animali, diffondendoli maggiormente sui nostri territori, nelle nostre lame e quasi a ridosso delle nostre città, creando danni alle coltivazioni agricole e causando incidenti stradali».

Da non sottovalutare, il loro possibile attraversamento lungo la strada statale 16 bis molto trafficata soprattutto in questo periodo e per tutta la stagione estiva, dove l'Anas ha installato ai bordi della sede stradale, in modo congruo e ben visibile, la segnaletica verticale di pericolo indicante il possibile transito di animali selvatici, in particolar modo di cinghiali. Il comportamento da adottare è quello di rallentare e di prestare massima attenzione.

Infine il problema incolumità. Il cinghiale in sé non è pericoloso per l'uomo, ma la femmina con i suoi cuccioli essendo estremamente protettiva può arrivare ad attaccare anche in caso di un incontro casuale. «Sono animali sostanzialmente innocui, che temono l'uomo - conferma Salvemini - ma come tutti gli animali, si difendono in caso di presenza di cuccioli. Se si incontrano occorre arretrare lentamente e lasciare una via di fuga agli animali».

Per il responsabile regionale del WWF, dunque, «le responsabilità su una gestione scellerata dei territori ricadono sull'uomo. Abbiamo costruito sulle lame e sulle spiagge, quindi non ci spaventiamo se vediamo uno sciame d'api o un serpente attraversare le nostre città o se chiedono la residenza anche volpi e cinghiali».
  • pasquale salvemini
  • WWF Puglia
  • Cinghiali Molfetta
Altri contenuti a tema
Sorpresa tra le campagne di Molfetta: salvato esemplare di barbagianni Sorpresa tra le campagne di Molfetta: salvato esemplare di barbagianni Il rapace in difficoltà è stato recuperato e consegnato ai Carabinieri. Adesso è in cura presso il WWF Puglia
1 Gazze cadono dal nido e volano per 12 metri. Soccorse dal WWF Gazze cadono dal nido e volano per 12 metri. Soccorse dal WWF Vano l'intervento dei Vigili del Fuoco. Salvemini: «Nidi e uccellini vittime della potatura degli alberi»
Ladri di pappagalli: un business sempre più fiorente Ladri di pappagalli: un business sempre più fiorente Si arrampicano sugli alberi e rubano i piccoli. Al mercato nero ognuno ha un valore di 80 euro
Una gallinella d’acqua, un riccio e un rondone salvati dal WWF Una gallinella d’acqua, un riccio e un rondone salvati dal WWF Recuperati dai volontari nel centro di Molfetta. Tanta curiosità per il piccolo e colorato uccello
Uccelli migratori in difficoltà: una nitticora salvata dal WWF Uccelli migratori in difficoltà: una nitticora salvata dal WWF L'uccello della famiglia degli ardeidi è stato soccorso in corso Umberto
Mare rosso a Molfetta, un'alga fa cambiare il colore dell'Adriatico Mare rosso a Molfetta, un'alga fa cambiare il colore dell'Adriatico Il fenomeno è provocato dalla fioritura della Noctiluca miliaris, innocua per l'essere umano. Di notte è bioluminescente
Acque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWF Acque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWF Problemi al depuratore, sott'acqua centinaia di ulivi. Salvemini: «Ingenti i danni provocati dal marciume radicale»
Delfino morto, l'animale incastrato tra gli scogli del lungomare Colonna Delfino morto, l'animale incastrato tra gli scogli del lungomare Colonna Il cetaceo è stato ritrovato in avanzato stato di decomposizione. Ha una corda legata alla pinna caudale
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.