I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Ripulivano le scuole di Molfetta, rinvenuta refurtiva della "Battisti-Pascoli"

Arrestato un 18enne dai Carabinieri. Trovati a Giovinazzo 7 pc, radio ricetrasmittenti e arnesi da scasso

Sette computer rubati nelle scuole di Giovinazzo e Molfetta, una cassa acustica, un sacco contenente oltre cinquanta snack e bevande trafugate dai distributori automatici, oltre a tre radio ricetrasmittenti, arnesi da scasso e poi guanti da lavoro usati verosimilmente per i colpi.

È quanto rinvenuto dai Carabinieri della Stazione di Giovinazzo a cui, nella notte del 15 gennaio scorso, non sono sfuggiti tre giovanissimi del posto, tra cui un 18enne. I militari erano in perlustrazione nel corso dei servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione ed alla repressione dei reati, quando hanno notato, alla periferia sud di Giovinazzo, nella zona 167, nelle vicinanze del PalaPansini, tre giovinazzesi a piedi.

La presenza dei tre giovani in quel luogo e a quell'ora è subito apparsa ingiustificata. Inoltre il fatto che tutti avessero delle vistose borse, ovviamente, deve aver messo ancor di più in allarme gli uomini in divisa, che hanno subito proceduto al controllo di routine. I militari, infatti, hanno quindi proceduto ad una immediata perquisizione personale, rinvenendo cinque computer portatili, risultati rubati dall'istituto comprensivo "Battisti-Pascoli" di Molfetta.

I tre, a cui sono stati sequestrati anche tre radio ricetrasmittenti, arnesi da scasso e guanti da lavoro, sono stati condotti in caserma, mentre i Carabinieri, nel corso della notte, hanno scoperto anche il covo della gang, ovvero l'abitazione del 18enne. All'interno i militari hanno rinvenuto ulteriori due computer portatili, asportati dalla scuola secondaria di primo grado "Buonarroti" e dalla scuola dell'infanzia "Via Dante Alighieri", entrambe di Giovinazzo.

Ed ancora: una cassa acustica, risultata rubata all'interno dell'istituto professionale per l'industria e l'artigianato "Banti" ed un sacco in plastica contenente oltre 50 snack e bevande trafugate dai distributori automatici scolastici. Insomma, tre giovanissimi ladri con un curriculum di almeno 4 furti in pochi giorni erano diventati l'incubo di dirigenti, insegnanti ed alunni degli istituti scolastici di Giovinazzo e Molfetta.

Alla fine, dopo l'indagine serrata degli uomini del luogotenente Dino Amato, che erano già sulle loro tracce, la gang è stata sgominata e i tre giovani, ritenuti i presunti autori, sono stati fermati. Il 18enne, accusato dei reati di furto aggravato in concorso e di ricettazione, è stato relegato agli arresti domiciliari, mentre i due minorenni sono stati denunciati a piede libero: entrambi dovranno rispondere di ricettazione.

L'indagine, condotta dai militari giovinazzesi, dipendenti della Compagnia di Molfetta, è cominciata a seguito delle denunce sporte negli ultimi giorni, che hanno determinato un grave allarme sociale nel tessuto scolastico e civile. Gli inquirenti hanno disposto numerosi appostamenti che si sono rivelati provvidenziali per incastrare gli autori seriali degli episodi di cronaca, tutti concentrati a Giovinazzo.

Saccheggio dopo saccheggio, i militari dell'Arma hanno cominciato a recuperare indizi, sino a fermare i tre componenti della banda. Un'attività di rilievo, che ha quanto meno restituito il sorriso a chi, dai dirigenti agli insegnanti sino ai bambini, lo aveva perso.
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
  • Scuole Molfetta
Altri contenuti a tema
1 Al setaccio il quartiere Annunziata, ritrovati mezzi rubati: si cercano i proprietari Al setaccio il quartiere Annunziata, ritrovati mezzi rubati: si cercano i proprietari Lʼoperazione di controllo svolta dai Carabinieri. Recuperati mini quad, mini moto cross e bici: erano in un locale abbandonato
«Suo figlio ha avuto un incidente». Tentata truffa ad un'anziana di Molfetta «Suo figlio ha avuto un incidente». Tentata truffa ad un'anziana di Molfetta Sembrerebbe essere un caso isolato quello avvenuto ieri in via Pappalepore. I Carabinieri rinnovano i consigli
Salvemini fa chiarezza: «Parisi non era dedito al gioco d'azzardo, sul suo conto elementi diffamatori» Salvemini fa chiarezza: «Parisi non era dedito al gioco d'azzardo, sul suo conto elementi diffamatori» Il legale della famiglia replica alle dichiarazioni di Farinola: «La famiglia è sconvolta. E poi perché si riteneva in pericolo se era lui quello armato?»
Omicidio di via Capotorti, domani l'autopsia sul cadavere di Corrado Parisi Omicidio di via Capotorti, domani l'autopsia sul cadavere di Corrado Parisi Sarà eseguita a Bari e servirà a chiarire alcuni aspetti della vicenda. Il New Meeting Cafè, intanto, resta sotto sequestro
Violenze sessuali e botte ai figli minori. Genitori condannati Violenze sessuali e botte ai figli minori. Genitori condannati L'inchiesta dei Carabinieri della Compagnia di Molfetta è partita nel 2016, ora la condanna: 12 anni al padre, 3 alla madre
Pausa pranzo, ladro in un negozio di Terlizzi. Arrestato un 45enne di Molfetta Pausa pranzo, ladro in un negozio di Terlizzi. Arrestato un 45enne di Molfetta L'uomo aveva forzato la porta d'ingresso. Ma all'uscita trova i Carabinieri che lo arrestano per furto aggravato
4 Notte violenta a Molfetta: rissa tra ragazzi a colpi di bottiglie e caschi Notte violenta a Molfetta: rissa tra ragazzi a colpi di bottiglie e caschi Notte di violenza in piazza Margherita di Savoia dove sarebbe scoppiata una maxi rissa. Fortunatamente nessun ferito
Il comandante Sergio Tedeschi va in pensione: 45 anni nell'Arma Il comandante Sergio Tedeschi va in pensione: 45 anni nell'Arma Dal 2013 è stato alla guida del Nucleo Operativo e Radiomobile di Molfetta. Il saluto del generale di corpo d'armata Vittorio Tomasone
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.