I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Ripulivano le scuole di Molfetta, rinvenuta refurtiva della "Battisti-Pascoli"

Arrestato un 18enne dai Carabinieri. Trovati a Giovinazzo 7 pc, radio ricetrasmittenti e arnesi da scasso

Sette computer rubati nelle scuole di Giovinazzo e Molfetta, una cassa acustica, un sacco contenente oltre cinquanta snack e bevande trafugate dai distributori automatici, oltre a tre radio ricetrasmittenti, arnesi da scasso e poi guanti da lavoro usati verosimilmente per i colpi.

È quanto rinvenuto dai Carabinieri della Stazione di Giovinazzo a cui, nella notte del 15 gennaio scorso, non sono sfuggiti tre giovanissimi del posto, tra cui un 18enne. I militari erano in perlustrazione nel corso dei servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione ed alla repressione dei reati, quando hanno notato, alla periferia sud di Giovinazzo, nella zona 167, nelle vicinanze del PalaPansini, tre giovinazzesi a piedi.

La presenza dei tre giovani in quel luogo e a quell'ora è subito apparsa ingiustificata. Inoltre il fatto che tutti avessero delle vistose borse, ovviamente, deve aver messo ancor di più in allarme gli uomini in divisa, che hanno subito proceduto al controllo di routine. I militari, infatti, hanno quindi proceduto ad una immediata perquisizione personale, rinvenendo cinque computer portatili, risultati rubati dall'istituto comprensivo "Battisti-Pascoli" di Molfetta.

I tre, a cui sono stati sequestrati anche tre radio ricetrasmittenti, arnesi da scasso e guanti da lavoro, sono stati condotti in caserma, mentre i Carabinieri, nel corso della notte, hanno scoperto anche il covo della gang, ovvero l'abitazione del 18enne. All'interno i militari hanno rinvenuto ulteriori due computer portatili, asportati dalla scuola secondaria di primo grado "Buonarroti" e dalla scuola dell'infanzia "Via Dante Alighieri", entrambe di Giovinazzo.

Ed ancora: una cassa acustica, risultata rubata all'interno dell'istituto professionale per l'industria e l'artigianato "Banti" ed un sacco in plastica contenente oltre 50 snack e bevande trafugate dai distributori automatici scolastici. Insomma, tre giovanissimi ladri con un curriculum di almeno 4 furti in pochi giorni erano diventati l'incubo di dirigenti, insegnanti ed alunni degli istituti scolastici di Giovinazzo e Molfetta.

Alla fine, dopo l'indagine serrata degli uomini del luogotenente Dino Amato, che erano già sulle loro tracce, la gang è stata sgominata e i tre giovani, ritenuti i presunti autori, sono stati fermati. Il 18enne, accusato dei reati di furto aggravato in concorso e di ricettazione, è stato relegato agli arresti domiciliari, mentre i due minorenni sono stati denunciati a piede libero: entrambi dovranno rispondere di ricettazione.

L'indagine, condotta dai militari giovinazzesi, dipendenti della Compagnia di Molfetta, è cominciata a seguito delle denunce sporte negli ultimi giorni, che hanno determinato un grave allarme sociale nel tessuto scolastico e civile. Gli inquirenti hanno disposto numerosi appostamenti che si sono rivelati provvidenziali per incastrare gli autori seriali degli episodi di cronaca, tutti concentrati a Giovinazzo.

Saccheggio dopo saccheggio, i militari dell'Arma hanno cominciato a recuperare indizi, sino a fermare i tre componenti della banda. Un'attività di rilievo, che ha quanto meno restituito il sorriso a chi, dai dirigenti agli insegnanti sino ai bambini, lo aveva perso.
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
  • Scuole Molfetta
Altri contenuti a tema
Ordigno sul cofano di un'Alfa Romeo Giulietta. Individuato l'autore Ordigno sul cofano di un'Alfa Romeo Giulietta. Individuato l'autore È stato ripreso dalle telecamere e denunciato in stato di libertà dai Carabinieri della locale Compagnia
Ai domiciliari spaccia hashish e marijuana. In manette un 29enne Ai domiciliari spaccia hashish e marijuana. In manette un 29enne Perquisita la casa dell'uomo, in via D'Azeglio. Sequestrati 350 grammi di hashish e 50 di marijuana
Evasione dai domiciliari, in cella il nipote del boss Capriati Evasione dai domiciliari, in cella il nipote del boss Capriati Sabino, confinato in una casa famiglia di Molfetta, è stato tradotto presso l'istituto Fornelli di Bari
Soldi per ritirare una querela ad un 56enne di Molfetta. Arrestati Soldi per ritirare una querela ad un 56enne di Molfetta. Arrestati Due terlizzesi di 57 e 43 anni sono stati colti in flagranza di reato dai Carabinieri
Sparatoria in piazza Paradiso: arresto convalidato, "Danny" Grosso resta in carcere Sparatoria in piazza Paradiso: arresto convalidato, "Danny" Grosso resta in carcere Il gip ha convalidato l'arresto al termine dell'interrogatorio. Intanto si cerca la pistola utilizzata dal 22enne
Fiamme nel ristorante Tango, ma è mistero sulle cause Fiamme nel ristorante Tango, ma è mistero sulle cause L'incendio intorno alle ore 03.00. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco per spegnere le fiamme
San Silvestro a Molfetta, piazza Paradiso sorvegliata speciale San Silvestro a Molfetta, piazza Paradiso sorvegliata speciale Messo a punto il piano: in azione Carabinieri, Finanza e Polizia Locale. In strada barriere new jersey, divieti e modifiche alla viabilità
Sparatoria in piazza Paradiso, arrestato "Danny" Grosso Sparatoria in piazza Paradiso, arrestato "Danny" Grosso Il 22enne si è costituito presentandosi in caserma: è stato interrogato e condotto nel carcere di Trani
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.