Il porto di Molfetta
Il porto di Molfetta
Cronaca

Pirati-rapinatori a Molfetta. Assalto ad un motopeschereccio

L'episodio nel porto: rubate le attrezzature di bordo. Sul caso stanno indagando i Carabinieri

Pirati-rapinatori nel porto di Molfetta. Fino ad oggi, almeno stando alle cronache, alle denunce ed ai dati delle forze dell'ordine, non si era mai sentito. I Carabinieri della locale Compagnia, questa volta, indagano sulla rapina ai danni di un motopeschereccio attraccato in porto. Tipiche della pirateria le tecniche adottate.

L'imbarcazione, nella notte fra il 26 ed il 27 marzo, era ferma nel porto di Molfetta. All'improvviso, secondo il racconto della vittima raccolto dagli investigatori, tre uomini, con i volti travisati, a bordo di un gommone di circa 3 metri, sono riusciti a salire a bordo dopo aver accostato il loro natante al motopeschereccio. Pirati in piena regola, rapinatori a volto coperto che sono sembrati davvero esperti uomini di mare, in particolare per come hanno maneggiato la loro imbarcazione.

Un colpo chirurgico, nel silenzio buio della notte. Poi, proprio come i pirati, hanno fatto man bassa di numerosissime attrezzature di bordo fra cui l'ecoscandaglio e il trasmettitore satellitare e localizzatore GPS. Ma all'improvviso, l'imprevisto che avrebbe potuto mandare tutto all'aria. I banditi, infatti, si sono trovati davanti il proprietario dell'imbarcazione, che in quel momento si trovava a passare in zona a bordo della propria auto. L'uomo si è accorto di loro ed è subito intervenuto.

Non ci ha pensato due volte: ha piantato gli abbaglianti della propria auto in faccia ai malviventi, ma uno di questi, per tutta risposta, gli avrebbe puntato un'arma (una pistola a salve oppure, molto più probabilmente, una pistola lanciarazzi, nda), minacciando di fare fuoco - senza tradire alcuna inflessione dialettale - se non si fosse allontanato in fretta. L'uomo, terrorizzato, è fuggito, mentre i tre, si sono allontanati col bottino a bordo del loro gommone, al largo, verso Giovinazzo.

La notizia del colpo in mare, regolarmente denunciata dalla povera vittima, sotto choc, è trapelata solo questa mattina. I danni sono ingenti (circa 20mila euro il valore delle attrezzature trafugate), mentre sul caso, una modalità di rapina mai registrata fino ad ora a Molfetta, stanno indagando gli investigatori dell'Arma, che stanno cercando di ricostruire il tragitto del gommone (fuggito verso dove?) ed arrivare - si spera - all'identità dei tre rapinatori, veri e propri uomini di mare.

Un pugno di secondi per affiancare il motopeschereccio col gommone, saltare a bordo e rubare. Pirateria in piena regola. Poi la fuga. Un caso del genere non può rimanere impunito: al vaglio anche le telecamere della zona del porto. Quello che è successo a Molfetta è senza precedenti e allo stesso tempo allarmante.
  • Rapine Molfetta
  • Capitaneria di Porto Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Porto Molfetta
Altri contenuti a tema
1 Controlli al mercato di piazza Minuto Pesce: pescati 2 evasori totali Controlli al mercato di piazza Minuto Pesce: pescati 2 evasori totali Operazione congiunta in città: sequestrati 2 quintali di prodotti ittici, accertati 2 illeciti amministrativi
Armati di pistola rapinano la tabaccheria di via Silvestri Armati di pistola rapinano la tabaccheria di via Silvestri In due, a volto coperto, si sono fatti consegnare parte dell'incasso e alcune stecche di sigarette
6 E-bike, controlli a tappeto dei Carabinieri: elevate oltre 15 multe E-bike, controlli a tappeto dei Carabinieri: elevate oltre 15 multe Bici elettriche modificate per superare i 25 chilometri orari. I controlli proseguiranno anche in altre aree della città
Sequestrata dai Carabinieri: sarà l'auto-civetta della Polizia Locale Sequestrata dai Carabinieri: sarà l'auto-civetta della Polizia Locale Il mezzo, confiscato, sarà reimmatricolato. Servirà per «l'espletamento di compiti e di funzioni istituzionali»
Il maresciallo Vito De Lucia è Ufficiale al Merito della Repubblica Il maresciallo Vito De Lucia è Ufficiale al Merito della Repubblica Ieri sera la cerimonia nel Salone degli Specchi della Prefettura di Bari
Stalking e tentato omicidio: arrestato dai Carabinieri un 49enne Stalking e tentato omicidio: arrestato dai Carabinieri un 49enne L'incubo di una molfettese è terminato. Svelato il retroscena dell'accoltellamento di via don Minzoni
Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta È successo sulla provinciale per Terlizzi. Prima di fuggire, i banditi hanno dato fuoco ad un'auto
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.