Prima Cala interdetta
Prima Cala interdetta
Cronaca

Ordigni bellici, messa in sicurezza la Prima Cala. Nelle prossime ore Torre Gavetone

Concluse le operazioni di ricognizione svolte nel corso della giornata odierna

La Capitaneria di Porto di Molfetta rende noto che si sono concluse le operazioni di ricognizione in Località Prima Cala dove era stato rinvenuto un presunto ordigno bellico nei giorni scorsi.

L'area è stata messa in sicurezza a seguito dell'attività svolta dal gruppo SDAI di Taranto e tutto si è svolto nel miglior modo possibile grazie alle stringenti misure di sicurezza disciplinate dagli uomini comandanti dal Capitano di Fregata Michele Burlando.
Tuttavia non sarebbero mancati alcuni episodi assolutamente intollerabili: alcuni testimoni, infatti, riferiscono che diversi bagnanti curiosi si sarebbero immersi pur di vedere da vicino il lavoro dei subacquei. Immediata la repressione della Capitaneria.

Domani toccherà a Torre Gavetone luogo nel quale è stata rinvenuta un'altra bomba.
  • bonifica
Altri contenuti a tema
Continua la bonifica nel porto di Molfetta Continua la bonifica nel porto di Molfetta Gli ordigni bellici recuperati sono fatti brillare in una cava del circondario
Dal 15 gennaio riprendono le operazioni di bonifica nel porto di Molfetta Dal 15 gennaio riprendono le operazioni di bonifica nel porto di Molfetta Ordinanza della Capitaneria per lo svolgimento in sicurezza delle operazioni
Continua la bonifica dei nostri fondali: 56.000 ordigni rimossi Continua la bonifica dei nostri fondali: 56.000 ordigni rimossi I dati della Marina Militare
Riprende la bonifica degli ordigni bellici in area portuale Riprende la bonifica degli ordigni bellici in area portuale Presto la Marina militare tornerà al lavoro. Lunedì incontro in comune
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.