tartaruga
tartaruga
Territorio e Ambiente

Due "nuove" tartarughe al Centro di Recupero Tartarughe Marine

Dopo le cure torneranno in libertà

Due nuovi arrivi per il Centro di Recupero Tartarughe Marine di Molfetta; nelle ultime due settimane altre tartarughe sono state soccorse dagli attivisti del centro. La prima è stata rinvenuta a Monopoli e presenta
lunghezza carapace di circa 40 cm, l'altra è stata recuperata al largo della costa tra Trani e Bisceglie e presenta una lunghezza carapace di circa 60 cm.

Le due tartarughe hanno storie diverse ma con un punto in comune ossia lesioni da lenza.

La tartaruga spiaggiatasi a Monopoli presenta una lesione netta a livello della pinna posteriore sinistra già in necrosi mentre quella recuperata a largo dall'equipaggio del motopesca "Francesco Padre" della marineria di Bisceglie presentava una lenza attorno al collo che le impediva di respirare e che inoltre ha lesionato gran parte della cute, sottocute e piano muscolare della sede in cui era aggrovigliata.

Entrambi gli esemplari verranno sottoposti ad accurata visita veterinaria dal Prof. Antonio Di Bello del dipartimento di Medicina Veterinaria di Bari e non si esclude che per la tartaruga recuperata a Monopoli si renderà necessaria l'amputazione della pinna posteriore.

Pasquale Salvemini, del WWF e responsabile del Centro di Recupero Tartarughe Marine di Molfetta, ringrazia in modo particolare la Capitaneria di porto di Monopoli e l'equipaggio del "Francesco padre" per la rapidità e sensibilità mostrata nel gestire le attività di soccorso per questi due esemplari di caretta caretta.
Dopo un periodo di degenza presso il centro molfettese, non appena le condizioni di salute delle due tartarughe saranno ottimali, i due esemplari torneranno in libertà nel loro ambiente naturale.
  • tartarughe marine
  • pasquale salvemini
Altri contenuti a tema
Ladri di pappagalli: un business sempre più fiorente Ladri di pappagalli: un business sempre più fiorente Si arrampicano sugli alberi e rubano i piccoli. Al mercato nero ognuno ha un valore di 80 euro
Mare rosso a Molfetta, un'alga fa cambiare il colore dell'Adriatico Mare rosso a Molfetta, un'alga fa cambiare il colore dell'Adriatico Il fenomeno è provocato dalla fioritura della Noctiluca miliaris, innocua per l'essere umano. Di notte è bioluminescente
Acque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWF Acque reflue nelle campagne di Molfetta, la denuncia del WWF Problemi al depuratore, sott'acqua centinaia di ulivi. Salvemini: «Ingenti i danni provocati dal marciume radicale»
Delfino morto, l'animale incastrato tra gli scogli del lungomare Colonna Delfino morto, l'animale incastrato tra gli scogli del lungomare Colonna Il cetaceo è stato ritrovato in avanzato stato di decomposizione. Ha una corda legata alla pinna caudale
1 Potature sotto accusa nella Villa Comunale: «Mettono a rischio i nidi» Potature sotto accusa nella Villa Comunale: «Mettono a rischio i nidi» Il WWF e i Carabinieri Forestali hanno fermato il taglio degli alberi. La rabbia di Salvemini
Tartarughe marine, Edoardo Stoppa è tornato a Molfetta Tartarughe marine, Edoardo Stoppa è tornato a Molfetta L'inviato di "Striscia la notizia" ha seguito l'emozionante liberazione di due esemplari di caretta caretta
Salvemini getta acqua sul fuoco: «Nessuna emergenza cinghiali» Salvemini getta acqua sul fuoco: «Nessuna emergenza cinghiali» Per l'attivista regionale del WWF «la situazione è sotto controllo. È la caccia a provocarne lo sconfinamento»
Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF L’animale, che non è adatto a vivere in acque salate, è stato rinvenuto a Bari. Purtroppo, ha perso la vista
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.