Palazzo di città. <span>Foto Vincenzo Bisceglie</span>
Palazzo di città. Foto Vincenzo Bisceglie

Bene confiscato alla mafia in Arco Catecombe, approvato il progetto di riqualificazione

Il sito diventerà un centro servizi per soggetti vulnerabili

Nel corso della cerimonia per l'inaugurazione della pietra d'inciampo voluta dal presidio di Libera intitolato a Gianni Carnicella, è arrivata la comunicazione della definitiva approvazione da parte del Comune di Molfetta sul progetto che prevede la riqualificazione dell'immobile sito ad Arco Catecombe, confiscato alla mafia e da diversi anni acquisito nel patrimonio comunale: diventerà una struttura e un centro servizi per soggetti vulnerabili a rischio devianza ma sarà messo a disposizione anche per ulteriori fasce deboli della popolazione.

Il bene sarà oggetto di lavori che prevedono la demolizione della pavimentazione esistente sia all'interno dell'unità immobiliare che nell'atrio esterno e la successiva sostituzione. Saranno realizzate nuove tramezzature per la costituzione di due bagni con antibagno e verranno rifatti gli intonaci delle murature e delle superfici delle volte. Gli operai interveranno anche per la realizzazione dell'impianto elettrico e di quello idrico-sanitario oltre che per l'installazione di sistemi anti-intrusione e di videosorveglianza e la sostituzione degli infissi interni ed esterni.

Gli interventi, per un totale di 220mila euro, saranno finanziati con risorse provenienti dal PON Legalità 2014-2020 che ha come obiettivo il recupero e la valorizzazione di beni confiscati alla criminalità organizzata affinchè vengano messi a disposizione della collettività nel territorio dove sono ubicati. Per il Comune di Molfetta ci sarà l'impegno a sostenere gli oneri derivanti dalla manutenzione e dalla gestione del centro per i cinque anni successivi alla conclusione del progetto prima di indire una gara per l'affidamento della nuova gestione per mezzo di una procedura ad evidenza pubblica. Nei prossimi giorni sarà indetta una conferenza stampa per fornire ulteriori dettagli in merito.
  • libera
Altri contenuti a tema
"Alle mafie diciamo NOi": venerdì la presentazione del libro "Alle mafie diciamo NOi": venerdì la presentazione del libro Il volume è scritto da Gianni Bianco e Giuseppe Gatti
Pedalata della legalità sui luoghi confiscati Pedalata della legalità sui luoghi confiscati L’iniziativa del presidio di Molfetta di “Libera”
Beni confiscati alle mafie: un incontro con “Libera” Beni confiscati alle mafie: un incontro con “Libera” Il punto questa sera nella sala Finocchiaro
Libera e i “Beni confiscati” Libera e i “Beni confiscati” Incontro dibattito presso la Sala Finocchiaro
Lotta alle mafie, gli studenti dell’istituto “Mons. Bello” e il presidio di Libera sul luogo dell’uccisione del sindaco Carnicella Lotta alle mafie, gli studenti dell’istituto “Mons. Bello” e il presidio di Libera sul luogo dell’uccisione del sindaco Carnicella Mercoledì sera studenti e attivisti per ricordare le vittime innocenti della mafia in Puglia
Molfetta alla “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno” promossa da Libera a Bologna Molfetta alla “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno” promossa da Libera a Bologna In marcia contro le mafie il vicesindaco Maralfa e il consigliere comunale Pappagallo con i ragazzi delle scuole
Solidarietà anche dal Presidio Libera al sindaco Natalicchio Solidarietà anche dal Presidio Libera al sindaco Natalicchio Ancora attestati di vicinanza dopo l'accesa protesta avvenuta a Lama Scotella
Intitolato a Gianni Carnicella il presidio di Libera a Molfetta Intitolato a Gianni Carnicella il presidio di Libera a Molfetta L'iniziativa in occasione del 22esimo anniversario dell'uccisione del sindaco
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.