"Alle mafie diciamo NOi": venerdì la presentazione del libro

Il volume è scritto da Gianni Bianco e Giuseppe Gatti

Un giornalista e un magistrato uniti da una solida amicizia, cementata negli ultimi anni dalla passione civile, dalla fede in una democrazia vera, basata sulla responsabilità, sull'impegno di tutti per il bene comune. Decidono di scrivere un libro insieme, rivolto prima di tutto ai ragazzi, pedagogico, con un linguaggio semplice, diretto e profondo.

Gianni Bianco, caporedattore della Cronaca del Tg3 nazionale, e Giuseppe Gatti, sostituto procuratore della Repubblica presso la Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, decidono di scrivere così il libro Alle mafie diciamo NOi, edito da Città Nuova.

Venerdì 27 settembre alle ore 18.30, invitati dal Presidio cittadino di Libera, lo presentano a Molfetta presso la Sala Conferenze della sede comunale di Lama Scotella. Modera l'incontro il docente e scrittore Francesco Minervini. L'introduzione è a cura del Presidio e degli studenti dell'IISS Mons. Antonio Bello.
Nel libro che sarà presentato durante la serata, Bianco e Gatti fanno il punto sulle mafie di oggi, con un'analisi acuta di fenomeni pericolosi quanto sottovalutati - come, ad esempio, la mafia foggiana - e sviscerano il concetto di legalità, smascherando gli equivoci che si collegano a un'idea di legalità astratta, fine a se stessa, utilizzata non di rado a fini di potere e non di giustizia. Contestualmente, raccontano storie di coraggio e di ribellione interiore ed esperienze dove la legalità è strumento di bene comune, di lavoro, di studio, di sviluppo sociale ed economico, prerogative che la Costituzione pone a fondamento di una società realmente democratica, capace di garantire la libertà e la dignità di ogni cittadino.
Solo così si costruisce il NOi, nella condivisione reciproca delle esperienze e delle diverse ricchezze personali, e si trova la forza e il coraggio di dare risposte necessarie, tutti insieme.
La cittadinanza è invitata a partecipare numerosa a questo importante momento di condivisione e di formazione civica.
  • libera
Altri contenuti a tema
Bene confiscato alla mafia in Arco Catecombe, approvato il progetto di riqualificazione Bene confiscato alla mafia in Arco Catecombe, approvato il progetto di riqualificazione Il sito diventerà un centro servizi per soggetti vulnerabili
Pedalata della legalità sui luoghi confiscati Pedalata della legalità sui luoghi confiscati L’iniziativa del presidio di Molfetta di “Libera”
Beni confiscati alle mafie: un incontro con “Libera” Beni confiscati alle mafie: un incontro con “Libera” Il punto questa sera nella sala Finocchiaro
Libera e i “Beni confiscati” Libera e i “Beni confiscati” Incontro dibattito presso la Sala Finocchiaro
Lotta alle mafie, gli studenti dell’istituto “Mons. Bello” e il presidio di Libera sul luogo dell’uccisione del sindaco Carnicella Lotta alle mafie, gli studenti dell’istituto “Mons. Bello” e il presidio di Libera sul luogo dell’uccisione del sindaco Carnicella Mercoledì sera studenti e attivisti per ricordare le vittime innocenti della mafia in Puglia
Molfetta alla “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno” promossa da Libera a Bologna Molfetta alla “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno” promossa da Libera a Bologna In marcia contro le mafie il vicesindaco Maralfa e il consigliere comunale Pappagallo con i ragazzi delle scuole
Solidarietà anche dal Presidio Libera al sindaco Natalicchio Solidarietà anche dal Presidio Libera al sindaco Natalicchio Ancora attestati di vicinanza dopo l'accesa protesta avvenuta a Lama Scotella
Intitolato a Gianni Carnicella il presidio di Libera a Molfetta Intitolato a Gianni Carnicella il presidio di Libera a Molfetta L'iniziativa in occasione del 22esimo anniversario dell'uccisione del sindaco
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.