Una delle due auto recuperate dai Carabinieri
Una delle due auto recuperate dai Carabinieri
Cronaca

Auto rubate e cannibalizzate nascoste tra gli uliveti di Molfetta

Si tratta di una Volkswagen e di una BMW ritrovate dai Carabinieri in contrada Maiorana

Sono state ritrovate all'interno di un fondo agricolo in contrada Maiorana, lungo la strada provinciale 23, quella che collega Molfetta e Corato, due auto rubate. Si tratta di una Volkswagen e di una BMW del tutto irriconoscibili perché sono state completamente cannibalizzate dai ladri di turno.

Alle due auto i banditi hanno asportato ogni tipo di componente (dagli pneumatici ai cruscotti, dai navigatori agli sportelli, dai motori ai fari anteriori e posteriori sino a varie parti della carrozzeria), prima di abbandonarle. Ritrovate dai Carabinieri, durante un pattugliamento delle strade rurali (erano occultate tra gli alberi di ulivi e la fitta vegetazione circostante, nda), dagli accertamenti eseguiti è venuto a galla che la BMW era stata rubata proprio a Molfetta.

Quel che è rimasto dei due veicoli è stato recuperato e messo a disposizione dei legittimi proprietari (ed in particolar modo dei periti assicurativi), mentre sono in corso indagini da parte dei militari della Compagnia di Molfetta sull'azione dei malviventi. Gente esperta che ha agito su commissione nel campo del racket delle auto cannibalizzate (tagliate meticolosamente e in pezzi ben distinti), un business in crescita con la merce rivenduta poi nel mercato estero.

L'Italia, infatti, costituisce a livello europeo una delle maggiori fonti di approvvigionamento di vetture e pezzi di ricambio per il mercato nazionale o da trasportare fuori dai confini. I profitti generati dal business dei furti sono in crescita e da una recente stima in Italia si attesta intorno ai 20 miliardi di euro.
  • Carabinieri Molfetta
  • Furti auto Molfetta
Altri contenuti a tema
Auto rubata e cannibalizzata ritrovata tra Ruvo e Molfetta Auto rubata e cannibalizzata ritrovata tra Ruvo e Molfetta Si tratta di una Fiat 500, in parte già smontata: ad individuarla gli uomini delle Guardie Campestri
2 Picchiata in strada. Il video del pestaggio diventa virale sui social Picchiata in strada. Il video del pestaggio diventa virale sui social Qualcuno ha filmato l'aggressione contro una ragazza dal cellulare e ha diffuso il video, senza sporgere denuncia
Lite finisce nel sangue: spunta un coltello, ferito un 20enne Lite finisce nel sangue: spunta un coltello, ferito un 20enne L'episodio è avvenuto ieri sera sul lungomare Colonna. Indagano i Carabinieri: si cercano tre persone
1 Covid-19, anche a Molfetta controlli con le forze dell'ordine Covid-19, anche a Molfetta controlli con le forze dell'ordine Un protocollo d'intesa è stato sottoscritto tra la Regione Puglia e la Prefettura di Bari
Colpi d'arma da fuoco in via Cormio, individuato il "pistolero": è un 47enne Colpi d'arma da fuoco in via Cormio, individuato il "pistolero": è un 47enne L'uomo, un pregiudicato, è stato denunciato dai Carabinieri. Ma non era solo: gli spari al culmine di una lite
Segnalati colpi di pistola: nessun bossolo trovato, è mistero Segnalati colpi di pistola: nessun bossolo trovato, è mistero L'episodio in via Cormio. Sono in corso i rilievi dei Carabinieri per ricostruire quanto denunciato al 112
"Halloween", Cassazione annulla sentenza di condanna: 32enne torna in libertà "Halloween", Cassazione annulla sentenza di condanna: 32enne torna in libertà Accolto il ricorso presentato dall'avvocato Michele Salvemini. Inammissibili i ricorsi presentati per altre 8 persone
Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato I familiari della vittima si sono costituiti parte civile, i legali dell'omicida hanno chiesto l'abbreviato: la nuova legge lo impedisce
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.