Il carcere di Trani
Il carcere di Trani
Cronaca

Appalti e tangenti: l'ex assessore Caputo non risponde al Gip

Il politico molfettese, in carcere a Trani, si è avvalso della facoltà di non rispondere

Si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al giudice per le indagini preliminari di Trani, Rossella Volpe, l'ex assessore ai Lavori Pubblici Mariano Caputo, dall'8 giugno scorso nel carcere di Trani nell'ambito dell'inchiesta della Procura della Repubblica di Trani su presunti episodi corruttivi al Comune di Molfetta.

Sentito per l'interrogatorio di garanzia, però, Caputo non ha risposto alle domande «perché sino a questa mattina - ha chiarito il suo avvocato, Felice Petruzzella - non ci erano stati consegnati gli atti che avevamo chiesto di leggere prima di intraprendere un interrogatorio. La nostra intenzione è quella di chiarire ogni aspetto e di rispondere a tutte le domande, ma è imprescindibile avere le copie delle carte. In ragione di ciò, abbiamo deciso di avvalerci della facoltà di non rispondere».

Caputo non ha risposto ad alcuna domanda e si è riservato di chiedere, dopo aver letto l'ordinanza, di essere interrogato per dare la sua versione dei fatti. Dopo di lui sono stati interrogati gli imprenditori Riccardo Di Santo, Aadrea Ladogana, Valerio Di Gregorio e Domenico Tancredi, i quali hanno risposto alle domande del magistrato, respingendo qualsiasi addebito. Domani saranno interrogati il funzionario comunale Orazio Lisena e l'ex consigliera comunale Anna Sara Castriotta.

Con loro, anche gli altri tre arrestati, tutti in carcere: Paolo Conforti, Francesco e Pasquale Ieva. Poi toccherà ai sei indagati finiti agli arresti domiciliari: Vincenzo Manzi e altri cinque tra imprenditori e dipendenti. Si tratta di Francesco Sancilio, Mauro Giancaspro, Michele Palmiotti, Maurizio Bonafede e Vito De Robertis.
  • Mariano Caputo
  • Anna Sara Castriotta
  • Mauro Giancaspro
  • Vito De Robertis
  • Maurizio Bonafede
  • Michele Palmiotti
  • Francesco Sancilio
  • Riccardo Di Santo
  • Vincenzo Manzi
  • Andrea Ladogana
  • Valerio Di Gregorio
  • Domenico Tancredi
  • Paolo Conforti
  • Francesco Ieva
  • Pasquale Ieva
Altri contenuti a tema
"Appaltopoli", Caputo e Lisena lasciano il carcere. Ai domiciliari "Appaltopoli", Caputo e Lisena lasciano il carcere. Ai domiciliari Entrambi erano stati arrestati l'8 giugno scorso, accolte le istanze delle difese. Torna in libertà la Castriotta
"Appaltopoli", il Tribunale del Riesame: Caputo resta in carcere "Appaltopoli", il Tribunale del Riesame: Caputo resta in carcere Respinta la richiesta dei legali dell'ex assessore. Concessi i domiciliari all'ex consigliere Castriotta, tornano in libertà Sancilio e Tancredi
Il Gip ha deciso: Caputo, Castriotta e Lisena restano in carcere Il Gip ha deciso: Caputo, Castriotta e Lisena restano in carcere Respinte le richieste dei legali, resta in cella anche Tancredi. L'ex assessore non ha risposto al giudice Volpe
Appalti e tangenti: l'ex consigliere Castriotta nega le accuse Appalti e tangenti: l'ex consigliere Castriotta nega le accuse I suoi legali, Laforgia e Petruzzella, hanno chiesto l'attenuazione della misura. Scena muta di Lisena davanti al Gip
Tangenti, tutto è partito da un commento su MolfettaViva Tangenti, tutto è partito da un commento su MolfettaViva La pubblicazione di un articolo su piazza Moro e un post su Facebook hanno incuriosito le Fiamme Gialle
Tangenti al Comune di Molfetta: al via gli interrogatori di garanzia Tangenti al Comune di Molfetta: al via gli interrogatori di garanzia Il primo a comparire davanti alla gip che ha firmato l'ordinanza, Volpe, sarà l'ex assessore Caputo
Tangenti nelle buste o lavori nel lido: smascherato «il sistema Molfetta» Tangenti nelle buste o lavori nel lido: smascherato «il sistema Molfetta» In manette 16 persone, anche l'ex assessore Caputo. Numerosi i passaggi di mazzette alla base dell'ordinanza
Tangenti al Comune di Molfetta: «Appalti ad amici in cambio di denaro» Tangenti al Comune di Molfetta: «Appalti ad amici in cambio di denaro» 16 arresti: c'è l'ex assessore Caputo. Il procuratore Nitti: «Ognuno deve essere sentinella del proprio territorio»
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.