Il carcere di Trani
Il carcere di Trani
Cronaca

Il Gip ha deciso: Caputo, Castriotta e Lisena restano in carcere

Respinte le richieste dei legali, resta in cella anche Tancredi. L'ex assessore non ha risposto al giudice Volpe

Restano in carcere, a Trani, Mariano Caputo, Anna Sara Castriotta, Orazio Lisena e Domenico Tancredi, quattro dei sedici arrestati l'8 giugno scorso dalla Guardia di Finanza nell'ambito della maxi inchiesta della Procura della Repubblica di Trani su presunte tangenti in cambio di appalti pubblici al Comune di Molfetta.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Rossella Volpe, ha rigettato le richieste di attenuazione delle misure cautelari presentate dagli avvocati dell'ex assessore comunale ai Lavori Pubblici Mariano Caputo, dell'ex funzionario comunale Orazio Lisena, della ex consigliera comunale Anna Sara Castriotta e dell'imprenditore Domenico Tancredi in occasione dell'interrogatorio di garanzia, in cui Caputo e Lisena hanno deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere.

Per Caputo e Lisena, scrive il giudice «permane inalterato il grave quadro indiziario compiutamente delineato nell'ordinanza applicativa della misura cautelare» e «non risultano attenuate le esigenze cautelari». Analoghe considerazioni per Castriotta e Tancredi, verso cui «le esigenze cautelari sono più che mai attuali». Per cinque che erano in carcere (Riccardo Di Santo, Andrea Ladogana, Valerio Di Gregorio, Francesco e Pasquale Ieva) è stato disposto il cambio con i domiciliari.

Per un altro indagato che era ai domiciliari, invece, Vincenzo Manzi, presidente della commissione di una delle presunte gare pilotate, il gip del Tribunale di Trani ha disposto la remissione in libertà, mentre per ulteriori quattro imprenditori sono stati confermati gli arresti domiciliari (Francesco Sancilio, Mauro Giancaspro, Maurizio Bonafede e Vito De Robertis). È l'esito degli interrogatori di garanzia che si sono celebrati nei giorni scorsi a Trani. L'indagine non è ancora conclusa.

L'inchiesta dei pm Francesco Tosto e Giuseppe Francesco Aiello, che conta in totale 41 indagati, 7 società e 34 persone fisiche tra le quali il sindaco Tommaso Minervini (non raggiunto da misura cautelare), aveva portato complessivamente all'arresto di 16 persone (10 in carcere e 6 agli arresti domiciliari) ma due di queste, gli imprenditori Paolo Conforti che è in carcere e Michele Palmiotti che è ai domiciliari, non hanno chiesto la revoca della misura dopo gli interrogatori.

Restano dunque in carcere Caputo e Lisena, i quali hanno cercato di chiedere i domiciliari. Richieste respinte dal gip Volpe. Non hanno accettato, al momento, di rispondere alle domande del giudice, e quindi hanno rinunciato, al momento, a fornire una diversa spiegazione della mole di indizi raccolti dalle Fiamme Gialle.
  • Mariano Caputo
  • Orazio Lisena
  • Anna Sara Castriotta
  • Mauro Giancaspro
  • Vito De Robertis
  • Maurizio Bonafede
  • Michele Palmiotti
  • Francesco Sancilio
  • Riccardo Di Santo
  • Vincenzo Manzi
  • Andrea Ladogana
  • Valerio Di Gregorio
  • Domenico Tancredi
  • Paolo Conforti
  • Francesco Ieva
  • Pasquale Ieva
  • Tangenti Molfetta
Altri contenuti a tema
"Appaltopoli", Caputo e Lisena lasciano il carcere. Ai domiciliari "Appaltopoli", Caputo e Lisena lasciano il carcere. Ai domiciliari Entrambi erano stati arrestati l'8 giugno scorso, accolte le istanze delle difese. Torna in libertà la Castriotta
"Appaltopoli", il Tribunale del Riesame: Caputo resta in carcere "Appaltopoli", il Tribunale del Riesame: Caputo resta in carcere Respinta la richiesta dei legali dell'ex assessore. Concessi i domiciliari all'ex consigliere Castriotta, tornano in libertà Sancilio e Tancredi
Tangenti a Molfetta, il procuratore Nitti: «Cittadini sentinelle del territorio» Tangenti a Molfetta, il procuratore Nitti: «Cittadini sentinelle del territorio» «Quanto avviene è spesso percepito come ingiusto, ma il fatto che sia segnalato è per noi fondamentale»
Appalti e tangenti: l'ex consigliere Castriotta nega le accuse Appalti e tangenti: l'ex consigliere Castriotta nega le accuse I suoi legali, Laforgia e Petruzzella, hanno chiesto l'attenuazione della misura. Scena muta di Lisena davanti al Gip
Appalti e tangenti: l'ex assessore Caputo non risponde al Gip Appalti e tangenti: l'ex assessore Caputo non risponde al Gip Il politico molfettese, in carcere a Trani, si è avvalso della facoltà di non rispondere
Tangenti, tutto è partito da un commento su MolfettaViva Tangenti, tutto è partito da un commento su MolfettaViva La pubblicazione di un articolo su piazza Moro e un post su Facebook hanno incuriosito le Fiamme Gialle
Tangenti al Comune di Molfetta: al via gli interrogatori di garanzia Tangenti al Comune di Molfetta: al via gli interrogatori di garanzia Il primo a comparire davanti alla gip che ha firmato l'ordinanza, Volpe, sarà l'ex assessore Caputo
Tangenti nelle buste o lavori nel lido: smascherato «il sistema Molfetta» Tangenti nelle buste o lavori nel lido: smascherato «il sistema Molfetta» In manette 16 persone, anche l'ex assessore Caputo. Numerosi i passaggi di mazzette alla base dell'ordinanza
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.