In punta di penna

Un atto vile, stupido, inqualificabile

I due marò sequestrati in India paragonati a rifiuti da buttare

Corteo del 25 aprile
Un atto, posto in essere da ignoti, ha macchiato la giornata del 25 aprile. Qualcuno, senza ombra di dubbio uno o più soggetti incapaci di intendere fino in fondo la storia passata e quella contemporanea, ha imbrattato con la vernice il manifesto sul convegno riguardante la triste vicenda dei Marò sequestrati in India che si terrà mercoledì 30 aprile nell'aula del Consiglio comunale di Molfetta.

I vandali hanno lasciato la scritta "Tieni pulita la mia città", sovrapposta a quella "Due leoni in India", un oltraggio alla democrazia, alle autorità che hanno collaborato all'evento ed alle associazioni organizzatrici. I due marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, da oltre due anni sono prigionieri in India. Dimenticati e abbandonati dai nostri governi (Monti, Letta e ora Renzi), incapaci di riportarli a casa. In un paese indifferente al diritto internazionale e alle sue normative, che sembra puntare a voler condannare i due militari alla pena di morte. Ma quando sarà scritta la parola fine a questa storia vergognosa? Nessuno lo sa.

Ed ecco che un gruppo di veri e propri imbecilli, a Molfetta, in uno dei giorni più memorabili per la storia della nostra patria, ha deciso di sfregiare il manifesto sul convegno che approfondirà le questioni legate alle ragioni del loro sequestro. Sicuramente non saranno questi miseri gesti a far desistere dalla volontà di riavere presto a casa i due fucilieri ingiustamente detenuti in India.

E ci si aspetta che le istituzioni condannino, senza fare spallucce, il gesto di questi vigliacchi, quest'atto odioso non trova alcuna giustificazione comprensibile, né può essere liquidato come semplice stupidità. Oltraggiare i marò è un'offesa non solo a loro ma a tutti gli italiani. Si tratta di un gesto becero e di cattivo gusto, che offende la coscienza e la solidarietà di una intera comunità.
5 fotoCorteo del 25 aprile 2014
Corteo del 25 aprile in marcia verso la villa comunaleCorteo del 25 aprileCorteo del 25 aprile in Piazza MunicipioAssociazioni combattentistiche e d'arma in Villa ComunaleDeposizione corona di alloro al monumento ai caduti
  • Storia
  • Vandalismo
  • Eredi della Storia
  • Fondazione A.N.M.I.G di Molfetta
  • Estremismo e teppismo
  • 25 aprile
Altri contenuti a tema
3 Vandalismo, numerosi danni in Piazza Vittorio Emanuele Vandalismo, numerosi danni in Piazza Vittorio Emanuele Danneggiata anche la statua nel centro della piazza
Molfetta ricorda i suoi 20 figli morti nei campi di concentramento Molfetta ricorda i suoi 20 figli morti nei campi di concentramento Iniziativa promossa dall’associazione "Eredi della Storia"
Molfetta ricorda Paolo Borsellino a ventisei anni dalla strage di Via d'Amelio Molfetta ricorda Paolo Borsellino a ventisei anni dalla strage di Via d'Amelio Le associazioni locali commemorano anche gli agenti della scorta
A 103 anni Molfetta dà l'addio a Giuseppe Scardigno A 103 anni Molfetta dà l'addio a Giuseppe Scardigno Combattè guerre in Africa, Spagna e durante la Seconda Guerra Mondiale. I funerali nel pomeriggio
Molfetta dice addio alla Signora Anna Binetti Molfetta dice addio alla Signora Anna Binetti Storica imprenditrice di Corso Dante, anima del ricordo del '900
1 In Villa Comunale le celebrazioni per il 25 aprile In Villa Comunale le celebrazioni per il 25 aprile Un corteo parallelo di Rifondazione, SI ed antifascisti ha sfilato invece per la città
80 Vandali in azione in Villa Comunale: sdradicata una giostrina Vandali in azione in Villa Comunale: sdradicata una giostrina Messa subito in sicurezza l'area. Al lavoro per individuare i colpevoli
11 Quando i pirati sbarcarono sulle coste di Molfetta, una storia lunga secoli Quando i pirati sbarcarono sulle coste di Molfetta, una storia lunga secoli "All'armi all'armi, la campana sona. Li Turchi sono sbarcati alla marina"
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.