L'incendio in vico II Sant'Alfonso
L'incendio in vico II Sant'Alfonso
Cronaca

Il presidio Libera dopo l'incendio: «Quali altri episodi bisogna attendere?»

Gli attivisti molfettesi evidenziano che «in vico I Sant’Alfonso, vi è un locale comunale confiscato alla mafia»

«Da troppo tempo i cittadini di Molfetta stanno osservando, subendo e denunciando fenomeni di delinquenza e guerriglia urbana, ma, come una coltre, il silenzio sembra coprire il tutto. Quali altri episodi bisogna attendere?». Se lo chiede Libera dopo l'incendio di un'immobile a pochi passi da un bene confiscato alla mala.

Il rogo, nella notte tra mercoledì e giovedì scorsi, è divampato in un edificio di vico II Sant'Alfonso, trasformato in una discarica abusiva, dove «ignoti hanno aperto tempo fa un pertugio nella muratura che ne chiudeva l'accesso per gettarvi all'interno rifiuti di vario genere» secondo il presidio locale. La solita mano ignota, poi, ha deciso di dare fuoco ai rifiuti. Chiaramente i cumuli di spazzatura hanno permesso alle fiamme di espandersi, arrivando ad annerire la facciata dello stabile.

«C'è da aggiungere - rimarca Libera - che, proprio nei pressi, in vico I Sant'Alfonso, vi è un altro locale comunale che riporta la targa "Bene confiscato alla mafia" e che non è mai stato riassegnato, come previsto dalla legge 646/1982 Rognoni-La Torre». Per il presidio, «alla luce della recente denuncia, non occorre attendere altri episodi per poter dire che la città "brucia" e che interventi concreti e fattibili debbano essere attuati dall'amministrazione comunale e dalle istituzioni locali».

Libera «si rende disponibile a farsi da promotore di iniziative di recupero di zone della città e sollecita le istituzioni tutte ad attivarsi in tal senso». Un primo passo sarà la nomina, durante il prossimo consiglio comunale, di due consiglieri che entreranno a far parte del comitato di monitoraggio dei fenomeni delinquenziali.
  • Libera Molfetta
Altri contenuti a tema
Libera s'interroga dopo l'allarme spaccate: «Episodi legati alle estorsioni?» Libera s'interroga dopo l'allarme spaccate: «Episodi legati alle estorsioni?» Secondo il presidio molfettese gli avvenimenti degli ultimi mesi «sono la misura di come la criminalità aggredisce il territorio»
Giornata per le vittime delle mafie: l'iniziativa del presidio Libera Molfetta Giornata per le vittime delle mafie: l'iniziativa del presidio Libera Molfetta La manifestazione di questa mattina coinvolge tre scuole secondarie di primo grado
Il presidio Libera di Molfetta compie 13 anni Il presidio Libera di Molfetta compie 13 anni Il ringraziamento sui social: «Ciascuno, in diversi modi, ha donato tempo e competenze»
Il presidio Libera di Molfetta: azioni per non dimenticare Il presidio Libera di Molfetta: azioni per non dimenticare L’intervista all’attuale referente, Sergio Amato: “organizziamo iniziative di testimonianza e impegno”
Gianni Carnicella, 30 anni dopo. Lo speciale Gianni Carnicella, 30 anni dopo. Lo speciale Il ricordo della classe politica, le voci dei protagonisti, l'impegno di Libera. Un murales lo omaggerà per sempre
Piazza Vittorio Emanuele devastata a San Silvestro, Libera: «Atto di fortissima inciviltà» Piazza Vittorio Emanuele devastata a San Silvestro, Libera: «Atto di fortissima inciviltà» Il presidio: «Non si possono far passare per semplice goliardata»
«Qui per rompere il silenzio, sono allarmato per Molfetta» «Qui per rompere il silenzio, sono allarmato per Molfetta» L'intervento di Drago all'incontro "Il tempo di reagire è ora": «Fenomeno subdolo, rischio infiltrazioni nell'economia»
"Il tempo di reagire è ora": un'iniziativa per la legalità a Molfetta "Il tempo di reagire è ora": un'iniziativa per la legalità a Molfetta Alle ore 18.30 al corso Umberto si terrà una conferenza stampa aperta alla città
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.