serpente
serpente
Cronaca

Un serpente in giardino. E' successo in Via Ungaretti

Tanta paura, ma era una cervone

È il più lungo serpente italiano ed uno tra i più lunghi d'Europa. La sua lunghezza può variare dagli 80 ai 240 cm, È di colore bruno-giallastro con le caratteristiche quattro scure barre longitudinali, spesso viene confuso per i colori soprattutto quando è giovane con la locale vipera. È diurno, terricolo, sebbene a volte possa trovarsi su arbusti, poco veloce e buon nuotatore. Quando si arrampica è molto agile. Si nutre di topi, lucertole, conigli, donnole ed altro.
Il serpente, assolutamente innocuo, qualche giorno fa ha deciso di irrompere all'interno di un androne condominiale in via Ungaretti.

I condomini spaventati alla visione del rettile hanno allertato i VV.FF e il comando di polizia municipale che accorso sul posto e costatando la presenza del lungo serpente si sono avvalsi dei volontari del centro di recupero tartarughe marine di Molfetta. Intervenuti sul posto l'innocuo rettile è stato preso in consegna per poi essere liberato all'interno di Lama Cupa.

Per Pasquale Salvemini (nella foto con il serpente) del WWF e responsabile del centro tartarughe marine di Molfetta, in questo periodo è facile trovare serpenti in città o nelle auto. Purtroppo è l'uomo stesso artefice di tali invasioni di campo perchè trasferendosi in questo periodo dalla campagna alla città spesso effettua passaggi non voluti; in ogni caso parliamo di serpenti innocui che sono indispensabili all'equilibrio della catena alimentare e alla nostra biodiversità. Purtroppo i cervoni sono animali sempre meno presenti nel nostro territorio per colpa di attività agricole invasive come le arature profonde, i pesticidi, l'abbattimento di muretti a secco ed altro ancora.
  • WWF
  • Pasquale Salvemini
Altri contenuti a tema
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»
Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Il rapace, visibilmente sofferente, era precipitato in acqua. Sarà curato dai volontari
Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Gli episodi sono stati denunciati ai Carabinieri. Per il WWF ogni esemplare può arrivare a costare 120 euro
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero L'animale, detto anche scoiattolo volante, è stato ritrovato a Lama Martina e affidato al WWF
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.