La Compagnia Carabinieri di Molfetta
La Compagnia Carabinieri di Molfetta
Cronaca

Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici»

È accaduto lungo corso Umberto, l'uomo ha 83 anni ed è ancora sotto shock. Il rapinatore si è dato alla fuga

Una tentata rapina all'insegna del terrore, nel centro di Molfetta, fra la notte di venerdì e le prime luci dell'alba di sabato. Ad agire, secondo quanto ricostruito, un uomo che ha mostrato un paio di forbici e ha tentato di portare via il telefono cellulare, per poi darsi subito alla fuga per le strade adiacenti: l'uomo ha 83 anni.

Sul caso, coordinati dalla Procura della Repubblica di Trani, stanno lavorando in queste ore i Carabinieri della Stazione di Molfetta, a cui nel pomeriggio di sabato è stata presentata la denuncia. L'episodio, avvenuto quando era ancora buio, è stato perpetrato direttamente in strada, su corso Umberto, il salotto buono della cittadina, da parte di un uomo descritto dall'anziano come «alto, robusto e pelato» e che «non è sembrato essere una persona normale, come se fosse ubriaco».

La malcapitata vittima del tentativo di rapina, che risale all'incirca alle ore 04.00 di venerdì notte, ha vissuto interminabili momenti di paura in balia del rapinatore. L'uomo, di 83 anni, si era da poco messo in cammino per recarsi in campagna, quando lungo corso Umberto, giunto nelle immediate vicinanze del monumento a Giuseppe Garibaldi, è stato colto di sorpresa e minacciato da un malvivente, a volto scoperto, che gli ha puntato un paio di forbici alla gola per farlo stare fermo.

«Dammi il telefonino», sono state le sue uniche parole, senza tradire alcuna inflessione dialettale. Ma l'uomo, addosso, non aveva proprio nulla. Né il cellulare, né soldi. E a quel punto, dopo aver intuito di aver rimediato un buco nell'acqua, il rapinatore solitario, forse visto o disturbato da un passante, non ha potuto far altro che battere la ritirata, perdendosi nelle vie circostanti, inghiottito dal buio delle tenebre. L'uomo, invece, frastornato dall'episodio, ha chiesto aiuto ai Carabinieri.

Una scena terribile che ha terrorizzato non solo l'anziano - che non ha comunque avuto bisogno delle cure mediche -, ma anche i residenti della zona. La tentata rapina in strada è stata denunciata agli uomini della locale Stazione, che stanno ora indagando sotto il coordinamento della Compagnia. Potrebbero tornare utili i filmati delle telecamere pubbliche e private per acquisire qualche dettaglio e per cercare di individuare il responsabile, probabilmente un pregiudicato del posto.

Un tentativo di rapina avvenuto non in una strada di periferia, buia e abbandonata. Corso Umberto, infatti, è una delle principali arterie del centro città. E ciò rende l'idea della spregiudicatezza dell'autore. «Non dobbiamo nasconderci, dobbiamo parlarne - è l'appello della nipote dell'83enne -. Bisogna avere gli occhi aperti».
  • Rapine Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
«C'è qualcuno in quella casa». Era stata occupata abusivamente «C'è qualcuno in quella casa». Era stata occupata abusivamente È successo in un alloggio popolare di via Ruvo, sul posto Carabinieri e Polizia Locale. Denunciate tre persone
In fiamme Miragica. La Procura vuol vederci chiaro, si sospetta il dolo. LE FOTO In fiamme Miragica. La Procura vuol vederci chiaro, si sospetta il dolo. LE FOTO L'intervento dei Vigili del Fuoco s'è protratto sino a sera. Pochi i dubbi sul fatto che dietro vi sia stata la mano dell'uomo
«Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia «Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia Non hanno retto le accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione mosse al militare. È tornato in libertà
Un teschio umano in mare. È mistero nelle acque di Molfetta Un teschio umano in mare. È mistero nelle acque di Molfetta Pesca macabra: è stato recuperato nelle reti a strascico di un peschereccio. Per identificarlo servirà l'esame del Dna
24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia 24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia L'avvocato Petruzzella: «Nella tragedia, una sola certezza: si trattava di un ragazzo per bene». Proseguono le indagini
Forze dell'ordine: anche a Molfetta l'uso della pistola taser Forze dell'ordine: anche a Molfetta l'uso della pistola taser L'annuncio del sottosegretario Molteni. Si tratta di un'arma ad impulsi elettrici per la gestione di situazioni critiche
Agguato in via Ruvo: il 18enne lascia il carcere. Ai domiciliari Agguato in via Ruvo: il 18enne lascia il carcere. Ai domiciliari Il Gip di Trani ha accolto l’istanza dell'avvocato del giovane, riconoscendo l’affievolimento delle esigenze cautelari
Vite bruciate: armiere a 16 anni, proseguono le indagini a Molfetta Vite bruciate: armiere a 16 anni, proseguono le indagini a Molfetta Il minore, che sognava di fare il calciatore, è finito agli arresti domiciliari. Si scava fra le sue frequentazioni
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.