Incubo per una 42enne di Molfetta
Incubo per una 42enne di Molfetta
Cronaca

Tenta approccio sessuale a Molfetta. Incubo per una 42enne

L'episodio in un ambulatorio medico: la pronta reazione della donna, ha costretto l'uomo a desistere

Un grave episodio di tentata violenza ai danni di una molfettese di 42 anni si è verificato alla fine del mese di giugno in pieno giorno, a Molfetta. Protagonista un uomo del posto, che avrebbe dato sfogo ai suoi istinti più bassi dopo aver adocchiato la vittima predestinata, attirata con uno stratagemma in un luogo chiuso.

L'"aggancio" è infatti avvenuto all'interno dell'ambulatorio medico presso il quale la donna svolgeva, in qualità di dipendente, l'attività lavorativa, durante l'orario di chiusura; dopo essere entrato, l'aggressore, alla stessa noto, si è parato di fronte alla vittima, chiudendo la porta, la serranda e poi tentando l'approccio sessuale. Solo la pronta reazione della donna ha evitato il peggio: pur nella concitazione del momento, è riuscita infatti ad inoltrare una telefonata e a dare così l'allarme.

Quella telefonata, evidentemente, deve averlo spaventato. Il rischio che qualcuno arrivasse, è bastato a farlo smettere. Ed a quel punto l'aggressore, dopo aver aperto la serranda, ha deciso di lasciarla andare. A seguito dei fatti, la donna, soccorsa dal titolare di un negozio, è stata trasportata al locale pronto soccorso, dove è stata subito raggiunta dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta, che hanno raccolto la denuncia della donna, vittima di violenza, e avviato le indagini.

La 42enne, assistita dall'avvocato Angela Maralfa, ha ricevuto sin da subito concreto supporto dalle figure professionali che operano presso il centro antiviolenza Pandora in piazza Luxemburg, con lo scopo di far emergere la violenza femminile, che seguirà la donna nel difficile percorso del recupero della serenità perduta.
  • Centro Antiviolenza Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Angela Maralfa
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Nottata movimentata sul cavalcavia di Cola Olidda, dove si è conclusa la folle corsa di una Volkswagen Golf rubata a Molfetta
Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Il provvedimento d'urgenza del Tribunale di Bari applicato dopo la denuncia della donna. Applicata la misura cautelare
Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere L'uomo, residente a Molfetta e accusato del reato di maltrattamenti in famiglia, è stato arrestato dai Carabinieri
Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari La donna, arrestata lo scorso 6 marzo, su istanza del proprio legale, ha ottenuto l'alleggerimento della misura cautelare
Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dopo alcuni controlli stradali. L'avvocato Poli: «A breve le nostre precisazioni»
Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Operazione dei Carabinieri: tra i beni confiscati 15 fabbricati, tra i quali la villa, con vista mare, dove vive il 55enne
Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Sei le persone arrestate per detenzione di cocaina, hashish e marijuana, un settimo per evasione dai domiciliari
Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.