Le tartarughe recuperate dal WWF Puglia
Le tartarughe recuperate dal WWF Puglia
Cronaca

Tartaruga d'acqua dolce gettata in mare: salvata dal WWF Puglia

L'animale, che non è adatto a vivere in acque salate, vagava in preda al panico

Tre esemplari di Trachemys scripta, ​le comuni tartarughe d'acqua dolce che si trovano comunemente nei negozi di animali cresciuti a dismisura nell'acquario di casa, e forse per questo gettati in mare, sono stati avvistati mentre vagavano in preda al panico nei pressi della Basilica della Madonna dei Martiri.

Il centro di recupero tartarughe marine, infatti, è stato allertato per il recupero di una tartaruga in difficoltà nelle acque antistanti la basilica, «un esemplare, però, che con il mare non c'entrava niente - afferma Pasquale Salvemini - visto che, una volta giunti sul posto, ci siamo trovati dinanzi delle tartarughe d'acqua dolce che molti chiamano erroneamente tartarughe marine». Dei te esemplari abbandonati, infatti, i volontari del WWF Puglia ne sono riusciti a recuperare solo uno.

«Per noi - aggiunge Salvemini - si tratta di una modalità alquanto priva di logica considerato che la permanenza di questi animali nell'acqua marina li porta ad una morte certa». Le altre due, spaventate, hanno invece trovato riparo sotto qualche scoglio e gozzo. «Tutto ciò è punibile dalla legge», aggiunge Salvemini, il quale ricorda anche «che chi detiene le Trachemys scripta deve denunciare il possesso all'Ispra, compilando un apposito modulo».

Di abbandoni del genere, ormai, se ne registrano molti, soprattutto nel fiume Ofanto: «Le stesse tartarughe trasportate dalle correnti marine vengono poi spinte nel mar Adriatico. Infatti - conclude Salvemini - sono diversi i ritrovamenti di questi esemplari a Barletta, proprio a ridosso della foce dell'Ofanto».
  • Tartarughe Molfetta
  • Centro recupero tartarughe marine Molfetta
Altri contenuti a tema
Ancora una tartaruga spiaggiata sul litorale di Molfetta Ancora una tartaruga spiaggiata sul litorale di Molfetta La testuggine, in avanzato stato di decomposizione, è stata ritrovata nei pressi del lido Bahia
Ancora tartarughe spiaggiate sul litorale di Molfetta Ancora tartarughe spiaggiate sul litorale di Molfetta Due gli esemplari rinvenuti nei giorni scorsi: entrambi erano in avanzato stato di decomposizione
100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero 100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero «Un gravissimo errore pagare per il recupero delle tartarughe marine». Si vanificano decenni di buone pratiche
Altre due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta Altre due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta La prima in località San Giacomo, la seconda sul lungomare Colonna. È intervenuta la Guardia Costiera
Tartaruga trovata morta sulla spiaggia di Torre Calderina Tartaruga trovata morta sulla spiaggia di Torre Calderina Ennesimo spiaggiamento di un esemplare di caretta caretta: l'animale era in avanzato stato di decomposizione
La strage delle tartarughe: altre due ritrovate spiaggiate a Molfetta La strage delle tartarughe: altre due ritrovate spiaggiate a Molfetta La mareggiata ha spinto le due carcasse a riva, fra cui una femmina adulta. Numeri da brividi: 4 spiaggiamenti in 5 giorni
Una carcassa di tartaruga marina recuperata a Cola Olidda Una carcassa di tartaruga marina recuperata a Cola Olidda Sul posto Capitaneria di Porto, Asl e WWF. Stessa dinamica appena 24 ore prima nel porto di Molfetta
Tartaruga spiaggiata nel porto di Molfetta Tartaruga spiaggiata nel porto di Molfetta L'esemplare del genere caretta caretta, morto da poche ore, è stato segnalato alla Capitaneria di Porto
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.