I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso"

L'uomo, un noto professionista, è stato fermato dai Carabinieri: non potrà più avvicinarsi alla vittima. È il primo caso a Molfetta

Nella tarda serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Molfetta hanno eseguito l'applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla vittima nei confronti di un uomo di Molfetta.

L'uomo, un noto professionista molfettese, è accusato di aver posto in essere una serie di atti persecutori ai danni di una donna, culminati con il reiterato utilizzo di una sostanza corrosiva (probabilmente un acido) con cui è stata danneggiata l'autovettura di proprietà della stessa.

L'autore dei fatti intimidatori è stato individuato grazie alla denuncia della vittima, assistita dall'avvocato Angela Maralfa, e all'acquisizione delle immagini riprese da alcune telecamere di videosorveglianza.

La prima denuncia era stata presentata a carico di ignoti agli inizi di ottobre. A seguito dell'individuazione del responsabile, e del compimento di ulteriori atti di danneggiamento mediante l'utilizzo dell'acido, è stata presentata il 25 ottobre una seconda denuncia.

La tempestività dell'intervento delle forze dell'ordine e della magistratura è stata resa possibile grazie alle nuove disposizioni introdotte, con la legge n. 69 del 19 luglio 2019, con la finalità di tutelare le vittime di violenza domestica e di genere.

Il così detto "Codice Rosso" si è rivelato essere in questo caso una efficace e tempestiva azione di contrasto, che ha probabilmente scongiurato il rischio che il colpevole potesse ulteriormente vessare la vittima, già duramente provata a livello emotivo.

L'indagato, assistito dall'avvocato Felice Petruzzella, nei prossimi giorni sarà sottoposto ad interrogatorio dinnanzi al giudice delle indagini preliminari di Trani.
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne I Carabinieri indagano su quanto accaduto ieri sera: il ragazzo è finito al pronto soccorso del don Tonino Bello
Sorpreso mentre cede droga ad un coetaneo: arrestato 20enne Sorpreso mentre cede droga ad un coetaneo: arrestato 20enne Il ragazzo è stato sorpreso dai Carabinieri mentre spacciava 2 grammi di marijuana ed è finito in carcere
Rapina sull'Intercity: scatta la condanna, ma cade l'accusa di violenza sessuale Rapina sull'Intercity: scatta la condanna, ma cade l'accusa di violenza sessuale Un 36enne di Molfetta, condannato a 4 anni, avrebbe rapinato e palpeggiato una 26enne. Ma il Tribunale lo ha assolto dall'accusa più grave
Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni I quattro sono stati intercettati perché stavano cambiando una ruota alla loro auto, dopo aver rubato quella di scorta da un altro veicolo
Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il giro di vite disposto da una circolare del Viminale inviata alle 103 Prefetture italiane
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
«Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta «Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta 14 i fermati dai Carabinieri, fra cui Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari. 12 gli arrestati, i colpi anche a Molfetta
1 Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta 9 ordinanze in carcere, 3 ai domiciliari: eseguiti anche 2 obblighi di dimora
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.