Il serpente recuperato dal WWF
Il serpente recuperato dal WWF
Cronaca

Serpente in un condominio, recuperato dai volontari del WWF

Si tratta di un biacco, un esemplare non velenoso. Il rettile è stato poi liberato all'interno del Pulo

A Molfetta, all'interno di uno stabile in via Papa Montini, è stato trovato un biacco, un serpente non velenoso tipico delle regioni mediterranee. Il rettile, recuperato dal personale del WWF Puglia, è stato poi liberato nel Pulo. La richiesta d'aiuto, ieri pomeriggio, è arrivata dai condomini, che hanno allertato la Polizia Locale.

In poco tempo, allertati dagli agenti, si sono attivati i volontari del WWF, coordinati da Pasquale Salvemini, che hanno recuperato l'animale. Il serpente, un biacco di 140 centimetri di lunghezza, dopo aver accertato che era innocuo e non pericoloso, è stato prontamente liberato in un luogo più idoneo alla sua sopravvivenza. La biscia - non velenosa e importante per il nostro ecosistema - non è rara, è inoffensiva, si ciba in particolare di roditori e, se incontra l'uomo, tende a fuggire.

Non si trattava di una vipera, come i condomini temevano, né tantomeno di una specie velenosa. ​«Non ne vediamo da anni e spesso, sbagliando, la gente uccide i rettili soltanto per paura», fa sapere Salvemini che ricorda come «l'uccisione di serpenti sia punibile per legge. L'invito è quello di avvisare le forze dell'ordine». Per quanto possano essere poco simpatici a molti, e trovarseli davanti potrebbe creare ansia, i biacchi, utili per la nostra biodiversità, sono assolutamente innocui.

Salvemini, infine, ricorda che «i rettili sono protetti. Purtroppo, negli ultimi anni, l'uomo si è impossessato di tutti gli habitat naturali e quindi diventa naturale che molti animali sconfinino nei nostri. Se li vedete chiamate qualcuno che possa recuperarli, poiché - conclude - è vietato ucciderli in quanto protetti dalla legge».
  • WWF Puglia
  • Serpenti Molfetta
Altri contenuti a tema
Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Il rapace, visibilmente sofferente, era precipitato in acqua. Sarà curato dai volontari
Serpente alla Prima Cala, panico tra i bagnanti. Ma è un cervone Serpente alla Prima Cala, panico tra i bagnanti. Ma è un cervone Il rettile si è sdraiato sugli scogli davanti agli occhi increduli dei tanti bagnanti. Poi è fuggito via
Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero L'animale, detto anche scoiattolo volante, è stato ritrovato a Lama Martina e affidato al WWF
Gabbiani sparati e feriti. «Gioco al massacro sulla pelle degli animali» Gabbiani sparati e feriti. «Gioco al massacro sulla pelle degli animali» Il ritrovamento ieri: gli animali mostrano una serie di ferite. Sul posto i volontari della Gepa e del WWF
Ghiandaia impigliata a testa in giù, i Vigili del Fuoco la salvano Ghiandaia impigliata a testa in giù, i Vigili del Fuoco la salvano Gli uomini del 115 sono intervenuti in piazza De Gasperi. Oggi, dopo le cure dei volontari del WWF, la liberazione
Taglio di alberi al parco di Mezzogiorno, interviene il WWF: «È una strage» Taglio di alberi al parco di Mezzogiorno, interviene il WWF: «È una strage» Critico il movimento ambientalista. Salvemini: «Oltre al taglio dei pini c'è anche il disturbo arrecato alla fauna»
1000 tartarughe liberate in 2 anni, numeri da record per il WWF 1000 tartarughe liberate in 2 anni, numeri da record per il WWF 10 di esse sono monitorate grazie alla tecnologia satellitare a beneficio di studi universitari nel mare Adriatico
Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio» Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio» Salvemini elenca «alberi sofferenti, altri privi di tutore, molti potati in un periodo errato»
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.