Ivan Scalfarotto. <span>Foto Ida Vinella</span>
Ivan Scalfarotto. Foto Ida Vinella
Politica

Scalfarotto: «La disfatta sulle donne segna la fine dell'esperienza politica di Emiliano»

Il candidato presidente per Italia Viva, Azione e +Europa, commenta l'esito dell'ultimo consiglio regionale

L'ultima pagina è la più buia per Michele Emiliano. Manca nella notte il numero legale. La legge elettorale sulla parità di genere affonda definitivamente sotto i colpi del l'ostruzionismo delle destre reso possibile dalla quinquennale, colpevole inerzia della maggioranza. La palla passa ora al Governo nazionale, che dovrà porre un rimedio all'incapacità e all'inerzia del Consiglio regionale.

Una notte lunga, con tanto di colpo di scena. In tutta Italia le Regioni si sono organizzate e la doppia preferenza di genere è già legge. Purtroppo in Puglia questo non è avvenuto e si è provato a recuperare in zona Cesarini, nell'ultima riunione del Consiglio regionale prima del suo scioglimento. Ma la seduta inizia male. Prima i quasi duemila emendamenti presentati dal centrodestra, poi Emiliano e i suoi che vanno sotto sull'emendamento Lopalco" che rende di fatto incandidabile il medico. I consiglieri di centrosinistra della stessa maggioranza dunque bocciano l'operazione mediatico-demagogica degli ultimi giorni, orchestrata per utilizzare a fini elettorali la popolarità dell'infettivologo di fiducia del Presidente. Alla fine, manca il numero legale e cala il sipario.

Ivan Scalfarotto candidato presidente per Italia Viva, Azione e +Europa, commenta così la vicenda: "Come purtroppo sospettavo, anche stavolta la politica pugliese protegge sé stessa e sacrifica le donne. È così da anni, un sistema chiuso e autoreferenziale perpetua se stesso: la mia candidatura nasce anche per ribaltare questa visione conservatrice e maschilista del potere".

Continua Scalfarotto: "Parliamoci chiaro: questo è l'ennesimo fallimento politico di Emiliano. Aveva promesso di farcela e non ce l'ha fatta perché non ha voluto farcela. Un presidente che ha gestito con pugno di ferro la sua maggioranza, ha permesso che questa legge non passasse perché il gruppo di consiglieri che lo appoggia in consiglio è la base del suo sistema di potere. Pensare che questa norma fosse approvata nell'ultima seduta del Consiglio regionale, dopo 5 anni di promesse e rinvii, era un'offesa all'intelligenza dei pugliesi. L'episodio di stanotte è la dimostrazione della fine di un'esperienza politica: da oggi è chiara a tutti l'insostenibilità di questa situazione e inizia una nuova partita. La Puglia ha bisogno di serietà e competenza, non del populismo di Emiliano. Per questo voglio chiamare a raccolta la Puglia seria, quella per bene, quella che lavora per contribuire alla costruzione della Puglia del lavoro, dell'ambiente e diritti. Il populismo di Michele Emiliano e il sovranismo di Raffaele Fitto si possono battere, si devono battere. Il voto per loro non è certo una scelta obbligata. La Puglia merita di più, ne sono convinto oggi più che mai".
  • Ivan Scalfarotto
Altri contenuti a tema
Scalfarotto: «Basta tabù, apriamo le porte a ricerca, istruzione e tecnologia anche in Agricoltura» Scalfarotto: «Basta tabù, apriamo le porte a ricerca, istruzione e tecnologia anche in Agricoltura» Il candidato presidente dichiara: «Con noi la Regione punterà su formazione e ricerca»
"Stavolta Molfetta": Ivan Scalfarotto e Luigi Marattin in città "Stavolta Molfetta": Ivan Scalfarotto e Luigi Marattin in città Il candidato presidente regionale domani alle ore 16.30 al Villaggio Lido Nettuno
Ivan Scalfarotto: «I frutti della terra e del mare sono l’oro della nostra regione» Ivan Scalfarotto: «I frutti della terra e del mare sono l’oro della nostra regione» Interviene il candidato presidente: «Dobbiamo lavorare sul binomio agricoltura-turismo»
2 Scalfarotto: «Sgravi fiscali del Governo fondamentali per la Puglia» Scalfarotto: «Sgravi fiscali del Governo fondamentali per la Puglia» Il candidato alla presidenza della Regione: «Esecutivo accoglie nostre proposte. Ripartenza del Sud passa da servizi e infrastrutture»
3 Carlo Calenda, sì a Scalfarotto e no ad Emiliano: «Tra i peggiori populisti» Carlo Calenda, sì a Scalfarotto e no ad Emiliano: «Tra i peggiori populisti» Il leader di Azione: «Il governo? Bravissime persone, ma semplicemente non hanno mai gestito nulla»
1 Puglia, Scalfarotto: «La lotta alla mafia è la prima delle nostre priorità» Puglia, Scalfarotto: «La lotta alla mafia è la prima delle nostre priorità» Il candidato governatore: «La politica pugliese smetta di voltare lo sguardo dall'altra parte»
2 Scalfarotto: «I ristoratori vanno aiutati. Dobbiamo difendere migliaia di posti di lavoro» Scalfarotto: «I ristoratori vanno aiutati. Dobbiamo difendere migliaia di posti di lavoro» Il candidato presidente della regione Puglia commenta la dichiarazioni della vice Ministra Castelli
Scalfarotto su bonus Start: «Ritiriamolo, servono procedure chiare e semplici per tutti» Scalfarotto su bonus Start: «Ritiriamolo, servono procedure chiare e semplici per tutti» Il candidato governatore: «I professionisti pugliesi e la Puglia tutta meritano di meglio»
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.