Il presidio contro la presenza di Maroni e l'intervento dei Carabinieri
Il presidio contro la presenza di Maroni e l'intervento dei Carabinieri
Cronaca

Presidio contro la presenza dell'ex ministro Maroni a Molfetta: 5 indagati

I fatti risalgono al 2 settembre, quando si è tenuto un sit-in contro l'arrivo in città dell'ex segretario della Lega

5 persone, tutte incensurate, sono state iscritte nel registro degli indagati. L'indagine è stata aperta dai magistrati della Procura della Repubblica di Trani, che si occupano del presidio organizzato per contestare la presenza in città di Roberto Maroni.

I fatti, infatti, risalgono al 2 settembre scorso quando un gruppo di attivisti, riuniti in un comitato chiamato "#Molfettanonsilega", ha deciso di protestare il proprio dissenso contro l'ex ministro dell'Interno e segretario federale della Lega, intervenuto a Molfetta, presso la sala consiliare di Palazzo Giovene, per presentare il suo libro "Pensiero ambrosiano" in occasione delle "Conversazioni dal mare", in un'iniziativa promossa dall'associazione Artemia.

Ai 5 manifestanti, identificati in piazza Municipio dai Carabinieri, è stato notificato un provvedimento per la violazione dell'articolo 18 del Tulps (manifestazione non autorizzata) e resistenza a pubblico ufficiale. «Un presidio pacifico, non violento, comunicato per tempo alle autorità ed alle forze dell'ordine - si difendono gli attivisti su Facebook -. Nulla di offensivo, nulla di pericoloso, nulla di eversivo. Solo pura e semplice espressione di dissenso politico».

«Si possono avere opinioni differenti sull'utilità di andare in piazza a contestare qualcuno. Ma c'è una cosa - concludono - su cui non si può dibattere: e cioè che identificare cinque persone, che non hanno impedito la realizzazione dell'iniziativa di Roberto Maroni, è quanto meno inopportuno».
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne I Carabinieri indagano su quanto accaduto ieri sera: il ragazzo è finito al pronto soccorso del don Tonino Bello
1 Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" L'uomo, un noto professionista, è stato fermato dai Carabinieri: non potrà più avvicinarsi alla vittima. È il primo caso a Molfetta
Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni I quattro sono stati intercettati perché stavano cambiando una ruota alla loro auto, dopo aver rubato quella di scorta da un altro veicolo
Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il giro di vite disposto da una circolare del Viminale inviata alle 103 Prefetture italiane
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
«Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta «Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta 14 i fermati dai Carabinieri, fra cui Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari. 12 gli arrestati, i colpi anche a Molfetta
1 Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta 9 ordinanze in carcere, 3 ai domiciliari: eseguiti anche 2 obblighi di dimora
Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice 39 anni, originario di Capua, sposato e padre di tre figli, il capitano arriva dalla Tenenza di Melito di Napoli
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.