Il rapinatore con l'ombrello
Il rapinatore con l'ombrello
Cronaca

Presi i rapinatori con l'ombrello. Arrestati, sono sospettati di altri colpi

Fermati dalla Polizia di Stato a Casamassima. Sono gli stessi delle rapine all'MD e alla Farmacia Pesca?

Tre rapinatori sono stati arrestati dalla Polizia di Stato dopo un inseguimento finito a Casamassima. Erano armati di una pistola e di un ombrello, stessa modalità riscontrata in altri colpi, tra cui la rapina al supermercato MD di via Salvucci, il 26 gennaio, e alla Farmacia Pesca di via Papa Montini il 5 giugno.

Nella serata di ieri, infatti, a Casamassima, personale della Sezione Falchi della Squadra Mobile, nell'ambito di specifici servizi predisposti per il contrasto ai reati predatori, in particolar nella repressione delle rapine ai danni di esercizi commerciali del capoluogo e dei comuni della provincia, ha tratto in arresto, in flagranza di reato il 37enne Giuseppe Schino, il 36enne Gianni Capodiferro e il 25enne Francesco De Benedictis.

I tre, tutti con precedenti di polizia, sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di rapina aggravata, resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione e, per il solo Giuseppe Schino, anche della violazione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.

Nella serata di ieri, nel quartiere San Paolo di Bari, è stata individuata una autovettura Skoda con tre persone a bordo, rubata il 16 agosto scorso, già utilizzata per la consumazione di due rapine ai danni di una farmacia; i poliziotti non sono riusciti a bloccarla per l'elevata velocità e per le manovre spericolate del conducente, ma hanno notato che la vettura ha imboccato la strada statale 100, in direzione Casamassima, ove hanno fatto convogliare altri equipaggi della Squadra Mobile.

L'autovettura è stata nuovamente rintracciata nel centro cittadino di Casamassima, ferma nei pressi della Farmacia Miggiano, con le portiere aperte ed una persona alla guida che, notato l'arrivo delle pattuglie della Polizia di Stato, si è allontanata a forte velocità.

Mentre un equipaggio si è posto all'inseguimento del veicolo, altri poliziotti hanno fatto irruzione all'interno della farmacia e hanno bloccato gli altri due rapinatori che, sotto la minaccia delle armi, avevano minacciato il titolare dell'esercizio commerciale e sua moglie, impossessandosi della cassa.

Entrambi i rapinatori erano incappucciati; uno si era impossessato della cassa e l'altro, armato di pistola, poi rilevatasi un'arma giocattolo, era munito anche di un ombrello aperto, utilizzato per coprirsi e non essere ripreso dalle telecamere di videosorveglianza. «Un escamotage - fa notare la Polizia di Stato in una nota - che è stato utilizzato in altri episodi criminosi verificatisi nei mesi scorsi e sui quali sono in corso accertamenti».

Contestualmente, l'autovettura con a bordo il terzo rapinatore, dopo un lungo inseguimento, è stata bloccata a Bari, in corso Alcide De Gasperi, da equipaggi della Squadra Mobile e del Reparto Prevenzione Crimine. Dopo le formalità di rito i tre arrestati sono stati associati presso la casa circondariale di Bari.
  • Rapine Molfetta
  • Arresti Molfetta
  • Polizia di Stato Molfetta
Altri contenuti a tema
1 Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" L'uomo, un noto professionista, è stato fermato dai Carabinieri: non potrà più avvicinarsi alla vittima. È il primo caso a Molfetta
Rapina sull'Intercity: scatta la condanna, ma cade l'accusa di violenza sessuale Rapina sull'Intercity: scatta la condanna, ma cade l'accusa di violenza sessuale Un 36enne di Molfetta, condannato a 4 anni, avrebbe rapinato e palpeggiato una 26enne. Ma il Tribunale lo ha assolto dall'accusa più grave
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
«Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta «Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta 14 i fermati dai Carabinieri, fra cui Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari. 12 gli arrestati, i colpi anche a Molfetta
1 Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta 9 ordinanze in carcere, 3 ai domiciliari: eseguiti anche 2 obblighi di dimora
Sorpreso a cedere droga ad un ragazzo. Arrestato dai Carabinieri un 20enne Sorpreso a cedere droga ad un ragazzo. Arrestato dai Carabinieri un 20enne Il giovane è stato trovato in possesso di 23 dosi di hashish e 590 euro. Arrestato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari
Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati Il Tribunale di Trani ha disposto la sostituzione della misura cautelare. Rigettate le altre richieste
Estorsioni, si costituisce l'ultimo componente della banda. È un 26enne Estorsioni, si costituisce l'ultimo componente della banda. È un 26enne Si tratta di Domenico Minervini, molfettese già noto alle forze dell'ordine. Si è presentato a Trani con il suo avvocato
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.