Capitaneria di Porto JPG
Capitaneria di Porto JPG

Ordinanza della Capitaneria di Molfetta per i fornitori locali di combustibili per uso marittimo

La finalità è quella di garantire il monitoraggio delle emissioni in atmosfera di anidride solforosa

Elezioni Regionali 2020
La Capitaneria di porto di Molfetta, con il coordinamento regionale della Direzione Marittima di Bari, ha pubblicato una ordinanza riguardante "Disposizioni per i fornitori locali di combustibili per uso marittimo e per le navi che scalano il porto e la rada di Molfetta e che utilizzano metodi alternativi per la riduzione delle emissioni in atmosfera rispetto ai combustibili previsti dalla vigente normativa di settore".

La finalità dell'ordinanza è quella di garantire il monitoraggio delle emissioni in atmosfera di anidride solforosa, derivanti dall'impiego da parte delle navi mercantili di qualsiasi bandiera dei combustibili marini (che contengono una certa percentuale di zolfo), alla luce dei più stretti parametri entrati in vigore nel corrente anno, a sempre maggior tutela dell'ambiente. La corposa normativa internazionale, comunitaria e nazionale, citata nella premessa dell'ordinanza, prescrive infatti, al fine di prevenire l'inquinamento dell'aria, l'utilizzo di combustibili ad uso marittimo che rispettino determinate quantità limite in percentuale di tenore di zolfo. In particolare, era già previsto per le navi ferme all'ormeggio l'utilizzo di combustibili con contenuto di zolfo non superiore allo 0,10% in massa. La novità introdotta a partire dal corrente anno riguarda le unità in navigazione, per le quali il limite in contenuto di zolfo è stato ridotto dal 3,5% allo 0,50%.

Occorre tener presente, tuttavia, che gli armatori hanno la possibilità, in alternativa, di installare a bordo particolari sistemi di lavaggio dei gas di scarico, i cosiddetti "scrubbers", che consentono di emettere scarichi in atmosfera comunque conformi alla normativa vigente, anche con impiego di combustibili che presentano un contenuto di zolfo superiore ai limiti sopra indicati. L'ordinanza prevede appunto le procedure che le navi dotate di questi sistemi alternativi devono seguire, allo scopo di consentire il monitoraggio costante del loro corretto impiego e funzionamento, secondo gli standard imposti dalla legge.

In materia, il personale militare dipendente appositamente formato, che assume la qualifica di Port State Control Officer, svolge già controlli molto approfonditi a bordo delle navi mercantili che scalano il porto di Molfetta, tra cui la verifica dei documenti di bordo ed il campionamento del combustibile imbarcato, per le successive analisi da parte dell'Ufficio delle Dogane. In caso di mancato rispetto degli obblighi di legge, le sanzioni previste dal Testo unico dell'ambiente (decreto legislativo n.152/2006) sono molto elevate.
  • Capitaneria di Porto Molfetta
Altri contenuti a tema
Operazione "Spazzamare": via alla pulizia dei fondali dai rifiuti Operazione "Spazzamare": via alla pulizia dei fondali dai rifiuti Organizzazione congiunta a cura del progetto europeo Clean Sea LIFE e del Corpo delle Capitanerie di Porto
1 Ancora sequestro di datteri a Molfetta: in azione la Guardia Costiera Ancora sequestro di datteri a Molfetta: in azione la Guardia Costiera Pesca illegale lungo il litorale a nord: sequestrati 5,9 chili di datteri, denunciati due pescatori di frodo
La Guardia Costiera vicina ai "Lavoratori del Mare" di Molfetta La Guardia Costiera vicina ai "Lavoratori del Mare" di Molfetta L'iniziativa dell'Organizzazione Mondiale dello Shipping: oggi alle ore 12.00 suoneranno le sirene della navi attraccate
Coronavirus, violano la quarantena per fare surf: multati in due Coronavirus, violano la quarantena per fare surf: multati in due Sono stati scoperti dalla Guardia Costiera: i militari li hanno fatti rientrare a riva e li hanno sanzionati per 533 euro ciascuno
Oltre le acque territoriali, fermato peschereccio di Molfetta in Croazia Oltre le acque territoriali, fermato peschereccio di Molfetta in Croazia Si tratterebbe di una barca a strascico, ferma nel porto di Spalato
Ricognizione subacquea nel circondario marittimo di Molfetta Ricognizione subacquea nel circondario marittimo di Molfetta Azione voluta dalla Capitaneria di Porto per monitorare la pulizia dei fondali
Guardia Costiera, ecco il bilancio del 2019 Guardia Costiera, ecco il bilancio del 2019 Controlli a tutela dell’ambiente marino e costiero, ma anche lungo la filiera della pesca marittima
La "secca delle Monacelle" nel porto di Molfetta sarà segnalata La "secca delle Monacelle" nel porto di Molfetta sarà segnalata Sarà collocato il segnale di "Pericolo isolato": lo rende noto la Capitaneria
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.