I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Ordigno sul cofano di un'Alfa Romeo Giulietta. Individuato l'autore

È stato ripreso dalle telecamere e denunciato in stato di libertà dai Carabinieri della locale Compagnia

L'ombra del racket? L'incubo delle estorsioni? Il ritorno degli anni bui? Niente di tutto questo, almeno nell'episodio di via San Francesco d'Assisi, dove il 14 gennaio scorso, esplose un ordigno che mandò in frantumi il vano anteriore di un'Alfa Romeo Giulietta.

Un ordigno che, di sicuro, fece deflagrare soprattutto un'ampia discussione, nel solco di altri episodi avvenuti a Molfetta. Questa volta, però, tutto si può ascrivere a qualcosa di molto più banale, sebbene non meno inquietante, almeno dal punto di vista sociologico: il petardo, quel pomeriggio, sarebbe stato collocato dopo dissidi emersi con la vittima (un molfettese, di professione autotrasportatore, ndr) per futili motivi, ascrivibili alla sfera personale.

L'autore del gesto è un uomo del posto, individuato dai Carabinieri della locale Compagnia. Gli investigatori del Nucleo Operativo, già nel corso dei primi riscontri, hanno raccolto elementi importanti sia sulla dinamica del fatto, sia sul numero degli autori. Gli approfondimenti investigativi, poi, hanno permesso di ottenere importanti indizi su due persone (l'autore del gesto ed il suo complice, ndr) sulle quali sono stati avviati accertamenti.

L'analisi delle varie telecamere di videosorveglianza della zona hanno permesso di ottenere alcune certezze: dalle immagini registrate si vede un uomo che dopo essere sceso da uno scooter con in mano l'ordigno lo ha lasciato sul cofano dell'auto. Lo scooter, condotto da un complice, si è poi allontanato e pochi istanti più tardi una potente esplosione ha mandato in frantumi il vano anteriore dell'Alfa Romeo Giuletta e le vetrate delle abitazioni circostanti.

Le ipotesi degli inquirenti sono state accolte dalla Procura della Repubblica di Trani, secondo cui, il gesto era da ricondurre a dissidi, a contrasti di natura privata con la vittima. L'uomo è stato così denunciato a piede libero per danneggiamento aggravato e per detenzione e porto di materiale esplodente.
  • Bombe Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Esplode un altro ordigno in via Puccini. È il terzo episodio in tre mesi Esplode un altro ordigno in via Puccini. È il terzo episodio in tre mesi L'ennesima esplosione, avvenuta nella notte, ha mandato in frantumi i vetri di un portone al civico 60. Indagano i Carabinieri
Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»
Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative Un 14enne, un 16enne e un 17enne sono stati destinati alle strutture su disposizione del Tribunale per i Minorenni di Bari
Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Per il gip Barlafante la volontà era quella di «attentare alla sicurezza pubblica», ma soprattutto «di incutere timore»
5 Capodanno violento a Molfetta, ma le vittime non hanno denunciato per paura Capodanno violento a Molfetta, ma le vittime non hanno denunciato per paura Lo sottolinea il giudice Barlafante nell'ordinanza: nessuna querela, «verosimilmente per il timore di possibili ritorsioni»
Arresti a Molfetta, ieri gli interrogatori. C'è chi ha risposto alle domande Arresti a Molfetta, ieri gli interrogatori. C'è chi ha risposto alle domande Si sono svolti ieri tra il carcere di Trani e Molfetta: gli avvocati proveranno a mettere in discussione la qualità delle immagini
13 «Identificati grazie a telecamere e social». Le parole del capitano Landolfi «Identificati grazie a telecamere e social». Le parole del capitano Landolfi I cinque indagati sono stati ripresi dai video, da loro stesso postati e divenuti virali. Oggi si terranno gli interrogatori di garanzia
«Butta le bombe». Le frasi degli indagati nel VIDEO di Capodanno «Butta le bombe». Le frasi degli indagati nel VIDEO di Capodanno Le voci dalla piazza: «Abbiamo provato, ma non prendeva fuoco». Ed ancora: «Ora era buono a tirare un'altra bomba»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.