L'arresto operato dai Carabinieri
L'arresto operato dai Carabinieri
Cronaca

Minacce di morte per un debito di droga. In manette un pregiudicato di Molfetta

Il 41enne Massimiliano De Bari avrebbe minacciato un coetaneo per 50 grammi di marijuana. Ora è in carcere

I Carabinieri della locale Compagnia hanno arrestato un pregiudicato del posto, il 41enne Massimiliano De Bari, responsabile dei reati di minacce e tentata estorsione, in danno di un uomo, anch'egli 41enne e di Molfetta, per un presunto debito di droga.

I militari hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari di Trani, Raffaele Morelli, su richiesta del sostituto procuratore Marcello Catalano: l'uomo è stato secondo gli investigatori, autore di reiterate minacce e tentata estorsione, in danno di un 41enne, reo secondo l'autore delle minacce di non aver soddisfatto un debito di droga.

L'indagine del personale diretto dal capitano Vito Ingrosso ha preso il via da una denuncia sporta da un assuntore di sostanze stupefacenti, un giovane censurato di Molfetta, il quale, per una fornitura di 50 grammi di droga, del tipo marijuana, avrebbe contratto e non onorato un debito di appena 200 euro, con il destinatario dell'odierno provvedimento, conosciuto negli ambienti criminali con il soprannome di "Mamò".

La cessione della droga, avvenuta verso la fine di gennaio di quest'anno, avrebbe ingenerato nel creditore la necessità di recuperare dall'acquirente il credito, con ogni mezzo a sua disposizione, minacciando quest'ultimo persino di morte e utilizzando ogni mezzo violento a sua disposizione.

Approfittando di una sorta di condizione di assoggettamento della vittima, dal febbraio di quest'anno, in più occasioni, Massimiliano De Bari avrebbe minacciato di morte il 41enne, la sua famiglia e la compagna, recandosi più volte a casa dei predetti. In un'occasione, la vittima, imbattutasi casualmente nel suo aguzzino, nei pressi di una pizzeria, era stato inseguito con l'autovettura per le vie cittadine e solo fortuitamente era riuscito a porsi in salvo.

La situazione, divenuta insostenibile, ha portato la vittima a rivolgersi agli investigatori della Sezione Operativa del Nucleo Operativo di Molfetta i quali, appresa la notizia ed informata la Procura della Repubblica di Trani, hanno pianificato e condotto, con il coordinamento di quell'ufficio giudiziario, un'articolata attività tecnico-investigativa, riuscendo a dimostrare la veridicità delle dichiarazioni rese dalla vittima.

Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati a documentare altri gravi episodi che si sono verificati a Molfetta, per accertare eventuali connessioni con le condotte dell'uomo che, dopo l'arresto, è stato associato nel carcere di Trani, con le accuse di tentata estorsione aggravata e spaccio di sostanze stupefacenti.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Carabinieri, controlli straordinari per il Ferragosto Carabinieri, controlli straordinari per il Ferragosto In corso controlli alla circolazione stradale e verifiche nell'area costiera
Ritrovato a Bitonto l'uomo con sospetta tubercolosi fuggito dall'ospedale Ritrovato a Bitonto l'uomo con sospetta tubercolosi fuggito dall'ospedale Aveva fatto perdere le proprie tracce mentre era ricoverato al Vittorio Emanuele II di Bisceglie
Ricoverato a Bisceglie per sospetta tubercolosi polmonare, fa perdere le sue tracce Ricoverato a Bisceglie per sospetta tubercolosi polmonare, fa perdere le sue tracce Lo hanno riferito i Carabinieri di Trani, che invitano a prestare la massima attenzione
Vigilanza e stop allo spaccio: i risultati del progetto "Scuole sicure" tra Molfetta e il resto dell'Italia Vigilanza e stop allo spaccio: i risultati del progetto "Scuole sicure" tra Molfetta e il resto dell'Italia In città in arrivo fondi per potenziare i controlli con la Polizia Locale
Truffe agli anziani, smascherati i malviventi. I ringraziamenti ai Carabinieri Truffe agli anziani, smascherati i malviventi. I ringraziamenti ai Carabinieri Una nota dell'associazione Eredi della Storia e delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma di Molfetta
Rubata a Molfetta l'auto dei sicari utilizzata nella sparatoria di Andria? Rubata a Molfetta l'auto dei sicari utilizzata nella sparatoria di Andria? L'indiscrezione raccolta dal quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno
Agli arresti domiciliari ma con refurtiva e droga, scoperti dai Carabinieri Agli arresti domiciliari ma con refurtiva e droga, scoperti dai Carabinieri Tornano in carcere un 29enne e un 31enne del luogo. Sequestrati anche 8 grammi di marijuana
Uccide un pitbull a colpi di pistola, arrestato un 59enne di Molfetta Uccide un pitbull a colpi di pistola, arrestato un 59enne di Molfetta L'uomo lo ha colpito con tre proiettili perché aveva aggredito il suo cane. Adesso è in carcere
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.