Ospedale
Ospedale
Cronaca

Lunga attesa all'ospedale di Molfetta: paziente picchia due medici. Denunciato un 41enne

È successo questa mattina nel pronto soccorso. Immediato l'intervento dei Carabinieri: l'uomo è stato deferito a piede libero

Andato in escandescenze - dopo aver accusato i medici del pronto soccorso di Molfetta, che stavano visitando il figlio di 4 anni, di perdere tempo prezioso - ha brutalmente aggredito due medici. Protagonista della vicenda un 41enne di Molfetta, denunciato a piede libero dai Carabinieri della locale Compagnia.

L'episodio è avvenuto questa mattina: il bambino, accompagnato dai genitori al pronto soccorso dell'ospedale di Molfetta, è stato prima visitato e poi, dopo una prima valutazione da parte dei sanitari, è stato inviato per una consulenza pediatrica nell'ambulatorio di Pediatria. Dopo la visita specialistica, il bimbo è tornato al pronto soccorso per il suo trasferimento in un'altra struttura per gli approfondimenti clinico-diagnostici del caso e l'eventuale ricovero.

A quel punto il padre, mentre il personale sanitario prestava l'assistenza del caso al piccolo e predisponeva il suo trasferimento, ha cominciato a spazientirsi ed è andato in escandescenze. Ha iniziato ad inveire contro il personale medico presente, sempre in prima linea nonostante i continui tagli alla sanità. E purtroppo non c'è stato verso di calmarlo. L'uomo ha accusato due medici di perdere tempo prezioso, minacciandoli pesantemente.

E poi, dalle parole, è subito passato alle offese: un atteggiamento sempre più aggressivo che è sfociato in una vera e propria aggressione fisica, a colpi di calci e pugni. L'uomo ha infatti aggredito fisicamente i due dirigenti medici e si è scagliato contro le suppellettili d'arredo del pronto soccorso, sollevando una scrivania e facendo cadere a terra un computer. A quel punto è scattata la telefonata ai Carabinieri della locale Compagnia.

I militari, giunti sul posto, lo hanno fermato, identificato e condotto in caserma dove è denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Trani per i reati di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, mentre, nonostante le conseguenze dell'aggressione, i due dirigenti medici hanno comunque garantito e disposto il trasferimento del piccolo in un'altra struttura ospedaliera con l'ausilio di altro medico, che ne ha garantito l'assistenza durante il trasporto.

Quello delle aggressioni, purtroppo, resta un problema serio: l'allarme relativo alla carenza di medici, anche a Molfetta, ha superato il livello di guardia, ma non si vedono all'orizzonte provvedimenti strutturali per affrontare la crisi.
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne I Carabinieri indagano su quanto accaduto ieri sera: il ragazzo è finito al pronto soccorso del don Tonino Bello
1 Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" L'uomo, un noto professionista, è stato fermato dai Carabinieri: non potrà più avvicinarsi alla vittima. È il primo caso a Molfetta
Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni I quattro sono stati intercettati perché stavano cambiando una ruota alla loro auto, dopo aver rubato quella di scorta da un altro veicolo
Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il giro di vite disposto da una circolare del Viminale inviata alle 103 Prefetture italiane
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
«Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta «Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta 14 i fermati dai Carabinieri, fra cui Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari. 12 gli arrestati, i colpi anche a Molfetta
1 Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta 9 ordinanze in carcere, 3 ai domiciliari: eseguiti anche 2 obblighi di dimora
Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice 39 anni, originario di Capua, sposato e padre di tre figli, il capitano arriva dalla Tenenza di Melito di Napoli
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.