Ospedale
Ospedale
Cronaca

Lunga attesa all'ospedale di Molfetta: paziente picchia due medici. Denunciato un 41enne

È successo questa mattina nel pronto soccorso. Immediato l'intervento dei Carabinieri: l'uomo è stato deferito a piede libero

Elezioni Regionali 2020
Andato in escandescenze - dopo aver accusato i medici del pronto soccorso di Molfetta, che stavano visitando il figlio di 4 anni, di perdere tempo prezioso - ha brutalmente aggredito due medici. Protagonista della vicenda un 41enne di Molfetta, denunciato a piede libero dai Carabinieri della locale Compagnia.

L'episodio è avvenuto questa mattina: il bambino, accompagnato dai genitori al pronto soccorso dell'ospedale di Molfetta, è stato prima visitato e poi, dopo una prima valutazione da parte dei sanitari, è stato inviato per una consulenza pediatrica nell'ambulatorio di Pediatria. Dopo la visita specialistica, il bimbo è tornato al pronto soccorso per il suo trasferimento in un'altra struttura per gli approfondimenti clinico-diagnostici del caso e l'eventuale ricovero.

A quel punto il padre, mentre il personale sanitario prestava l'assistenza del caso al piccolo e predisponeva il suo trasferimento, ha cominciato a spazientirsi ed è andato in escandescenze. Ha iniziato ad inveire contro il personale medico presente, sempre in prima linea nonostante i continui tagli alla sanità. E purtroppo non c'è stato verso di calmarlo. L'uomo ha accusato due medici di perdere tempo prezioso, minacciandoli pesantemente.

E poi, dalle parole, è subito passato alle offese: un atteggiamento sempre più aggressivo che è sfociato in una vera e propria aggressione fisica, a colpi di calci e pugni. L'uomo ha infatti aggredito fisicamente i due dirigenti medici e si è scagliato contro le suppellettili d'arredo del pronto soccorso, sollevando una scrivania e facendo cadere a terra un computer. A quel punto è scattata la telefonata ai Carabinieri della locale Compagnia.

I militari, giunti sul posto, lo hanno fermato, identificato e condotto in caserma dove è denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Trani per i reati di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, mentre, nonostante le conseguenze dell'aggressione, i due dirigenti medici hanno comunque garantito e disposto il trasferimento del piccolo in un'altra struttura ospedaliera con l'ausilio di altro medico, che ne ha garantito l'assistenza durante il trasporto.

Quello delle aggressioni, purtroppo, resta un problema serio: l'allarme relativo alla carenza di medici, anche a Molfetta, ha superato il livello di guardia, ma non si vedono all'orizzonte provvedimenti strutturali per affrontare la crisi.
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Auto rubate e cannibalizzate nascoste tra gli uliveti di Molfetta Auto rubate e cannibalizzate nascoste tra gli uliveti di Molfetta Si tratta di una Volkswagen e di una BMW ritrovate dai Carabinieri in contrada Maiorana
1 Covid-19, anche a Molfetta controlli con le forze dell'ordine Covid-19, anche a Molfetta controlli con le forze dell'ordine Un protocollo d'intesa è stato sottoscritto tra la Regione Puglia e la Prefettura di Bari
Colpi d'arma da fuoco in via Cormio, individuato il "pistolero": è un 47enne Colpi d'arma da fuoco in via Cormio, individuato il "pistolero": è un 47enne L'uomo, un pregiudicato, è stato denunciato dai Carabinieri. Ma non era solo: gli spari al culmine di una lite
Segnalati colpi di pistola: nessun bossolo trovato, è mistero Segnalati colpi di pistola: nessun bossolo trovato, è mistero L'episodio in via Cormio. Sono in corso i rilievi dei Carabinieri per ricostruire quanto denunciato al 112
"Halloween", Cassazione annulla sentenza di condanna: 32enne torna in libertà "Halloween", Cassazione annulla sentenza di condanna: 32enne torna in libertà Accolto il ricorso presentato dall'avvocato Michele Salvemini. Inammissibili i ricorsi presentati per altre 8 persone
Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato I familiari della vittima si sono costituiti parte civile, i legali dell'omicida hanno chiesto l'abbreviato: la nuova legge lo impedisce
2 Traffico di droga. Coinvolto anche un carabiniere: era in servizio a Molfetta Traffico di droga. Coinvolto anche un carabiniere: era in servizio a Molfetta Giuliano Pasquale, di 54 anni, è finito ai domiciliari: è accusato di aver fornito informazioni riservate a un narcotrafficante albanese
"Ghost Wine": chiuse le indagini, 61 indagati. C'è un 56enne di Molfetta "Ghost Wine": chiuse le indagini, 61 indagati. C'è un 56enne di Molfetta Si tratta dell’operazione per l'adulterazione del vino che ha portato all'arresto di imprenditori, dipendenti ed enologi
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.