Uno degli ultimi incendi avvenuti a Molfetta
Uno degli ultimi incendi avvenuti a Molfetta
Cronaca

«La sicurezza non sembra essere tra le priorità della politica molfettese»

È il messaggio che arriva dal Liberatorio Politico, dopo l'incontro di martedì presso la sede di via Campanella

Elezioni Regionali 2020
«E veniamo alla consueta pagina di cronaca» direbbe il bravo conduttore del tiggì. E quando "consueta" e "cronaca" vanno a braccetto c'è poco da stare allegri. E a Molfetta da un bel po' è così. Le ultime settimane hanno offerto un assortito campionario di azioni criminali.

Molfetta, nelle ore notturne, in cui la gran parte della gente è avvolta dalle braccia di Morfeo, è tornata a bruciare: da via Cavalieri di Vittorio Veneto, a via Goerlitz, da via Fontana a via Madre Teresa di Calcutta sino a piazza Paradiso. Senza dimenticare l'ordigno esploso in viale Madonna della Rosa. Sembrano essersene accorti, sinora, solo gli attivisti del Liberatorio Politico, il movimento civico che fa capo a Matteo d'Ingeo.

Martedì sera, presso la sede di via Campanella, si sono riuniti. Si sono detti preoccupati, «anche perché - a loro dire - il problema sicurezza non sembra essere tra le priorità della politica molfettese, di governo e di opposizione. Il loro silenzio fa il gioco di chi tenta di riappropriarsi del territorio e gli incendi delle auto, sia per corto circuito o dolosi, fanno rinchiudere di più i cittadini nelle loro case».

Per gli aderenti del Liberatorio Politico «il clima di paura che si è ormai instaurato in città può essere sconfitto solo con una scelta politica ben precisa da parte del sindaco Tommaso Minervini: combattere ogni forma di illegalità diffusa - sottolineano -, evitare di patrocinare e accreditare associazioni che hanno vicinanza a famiglie criminali e dare nuovo impulso al "Comitato comunale di monitoraggio dei fenomeni delinquenziali"».

Il Comitato, istituito con una delibera consiliare risalente addirittura al 1997, «può creare realmente un coordinamento locale delle "sentinelle" della città, ovvero le realtà associative, i comitati civici e i movimenti cittadini che interagiscono con i territori e hanno la possibilità di monitorare eventuali episodi delinquenziali e troncarli sul nascere».

«Del resto - è la stata la chiosa conclusiva dell'assemblea pubblica - negli anni '90 la battaglia contro gli spacciatori di droga è stata vinta, non solo per la grande opera delle forze dell'ordine, ma dalle sinergie che si crearono con l'associazionismo e la parte politica che governava la città».
  • Liberatorio Politico Molfetta
Altri contenuti a tema
Il Liberatorio: «Sui roghi d'auto chiediamo un fascicolo d'indagine unico» Il Liberatorio: «Sui roghi d'auto chiediamo un fascicolo d'indagine unico» Il movimento di d'Ingeo a pochi giorni dall'incendio di via Baccarini: «Molfetta è tornata alla realtà con la sua antica emergenza»
Liberatorio: «A Bari stop alla vendita su strada degli ambulanti, a Molfetta no» Liberatorio: «A Bari stop alla vendita su strada degli ambulanti, a Molfetta no» D'Ingeo lancia un appello agli amministratori di Molfetta, prendendo ad esempio i provvedimenti adottati a Bari
Raid notturno dei vandali, pneumatici squarciati a 15 auto Raid notturno dei vandali, pneumatici squarciati a 15 auto Gli episodi sono avvenuti in via Campanella, via Sella e via Pagano. Un episodio simile il 28 gennaio scorso
Liberatorio Politico: «A Molfetta oltre gli incendi tornano i tagliatori di pneumatici» Liberatorio Politico: «A Molfetta oltre gli incendi tornano i tagliatori di pneumatici» Il movimento di d'Ingeo invita le vittime a «denunciare gli episodi alle forze dell'ordine»
Molfetta città sicura? d'Ingeo: «Solo a dicembre dodici incendi» Molfetta città sicura? d'Ingeo: «Solo a dicembre dodici incendi» Il coordinatore del Liberatorio Politico: «Un primato assoluto»
«Mentre la città sembra insicura, il sindaco paga due guardie armate per la Muraglia» «Mentre la città sembra insicura, il sindaco paga due guardie armate per la Muraglia» Matteo d'Ingeo chiede la revoca di determina e ordinanza: «Mi sento un cittadino di serie C, perché non abito nel borgo antico»
Dal Liberatorio dieci proposte per contrastare la delinquenza a Molfetta Dal Liberatorio dieci proposte per contrastare la delinquenza a Molfetta Il movimento civico di d'Ingeo in una nota: «Dal Palazzo di città il silenzio»
Il Liberatorio Politico ricorda Gianni Carnicella Il Liberatorio Politico ricorda Gianni Carnicella Conferenza sabato 6 luglio nell'Aula del Consiglio Comunale
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.