L'oasi naturale Torre Calderina
L'oasi naturale Torre Calderina
Territorio e Ambiente

La Regione Puglia vuol "tagliare" l'oasi faunistica di Torre Calderina

Salvemini: «Il ridimensionamento è incomprensibile, faremo dura opposizione»

La Regione Puglia guidata dal governatore Michele Emiliano vuol fare quello che la Provincia di Bari, con a capo Francesco Schittulli, propose senza successo nel 2013: ridimensionare l'oasi di protezione Torre Calderina, localizzata tra Molfetta e Bisceglie.

In realtà già nel 2007, il senatore Antonio Azzollini ne richiese la completa cancellazione e il presidente della Provincia di Bari dell'epoca, Vincenzo Divella, anche a seguito di una precisa e documentata richiesta di Legambiente, bocciò la proposta. Nel 2013, Francesco Schittulli ci riprovò e scelse un modo più soft. Non la completa cancellazione, ma il ridimensionamento di 50 ettari.

Il ridimensionamento dell'oasi nacque dall'esigenza di accontentare le insistenti richieste di un imprenditore che, proprio a causa dell'oasi, aveva già visto negato, in passato, il permesso all'ampliamento della sua attività di rottamazione di autoveicoli. Legambiente, pertanto, espresse preoccupazione e forte sconcerto per la scelta dell'Ente provinciale, scelta che avrebbe potuto rappresentare un nefasto precedente di merito e di metodo.

Una scelta che, alla fine, fu cestinata. Adesso, però, a distanza di ben 5 anni, la Regione Puglia di Michele Emiliano si prepara a "tagliare" definitivamente l'oasi di protezione Torre Calderina. «Con la bozza del nuovo piano faunistico regionale in fase di approvazione - spiega Pasquale Salvemini, delegato regionale della Lega per l'Abolizione della Caccia -, la Regione Puglia sta decidendo di escludere dal piano stesso la parte di oasi che ricade nel territorio di Molfetta».

Proprio quella parte che, nel tempo, ha fatto registrare una sempre più importante valenza dal punto di vista faunistico. «In quella fascia di territorio hanno fatto sosta e nidificato fratini e fraticelli, specie inserite nella lista rossa tra quelle a rischio estinzione. Sempre lì è stato avvistato il gruccione e da anni è presente il gabbiano testa grigia, senza dimenticare gli avvistamenti di aironi cenerini, garzette, fenicotteri rosa, cicogne e falchi», ricorda Salvemini.

La bozza del nuovo piano faunistico regionale sarà discussa solo tra qualche giorno. Intanto la preoccupazione monta anche perché l'esclusione del territorio di Molfetta dall'oasi di protezione potrebbe aprire la strada ad una importante azione di cementificazione lungo la costa. «A rischio - continua Salvemini, uomo di punta del WWF Puglia - c'è la salvaguardia del nostro territorio dalle speculazioni edilizie e imprenditoriali».

«La parte sottocosta, se la bozza dovesse trovare approvazione, verrebbe mortificata. Faremo dura opposizione a questo ennesimo e incomprensibile smacco della Regione Puglia - conclude Salvemini - verso la tutela dell'ambiente e degli animali».
  • Pasquale Salvemini
  • WWF Puglia
Altri contenuti a tema
Pappagallo ritrovato in un lido: il WWF cerca il proprietario Pappagallo ritrovato in un lido: il WWF cerca il proprietario Un esemplare di parrocchetto monaco tutelato dalla normativa Cites provvisto di anello di identificazione
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»
Serpente in un condominio, recuperato dai volontari del WWF Serpente in un condominio, recuperato dai volontari del WWF Si tratta di un biacco, un esemplare non velenoso. Il rettile è stato poi liberato all'interno del Pulo
Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Il rapace, visibilmente sofferente, era precipitato in acqua. Sarà curato dai volontari
Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Gli episodi sono stati denunciati ai Carabinieri. Per il WWF ogni esemplare può arrivare a costare 120 euro
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.