Un'occupazione abusiva
Un'occupazione abusiva
Cronaca

Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»

Ennesima richiesta d'intervento del Liberatorio Politico inviata a Carabinieri e Polizia Locale

«Sono trascorsi ormai sei mesi dall'ultimo sollecito a intervenire sulle numerose situazioni di abusivismo commerciale presenti in città, oltre un anno dagli ultimi esposti, molto dettagliati, su strade e numeri civici interessati all'occupazione abusiva di suolo pubblico».

Lo afferma, in una nota, il Liberatorio Politico di Molfetta che segnala da anni «l'increscioso problema dell'occupazione abusiva di strade e marciapiedi da parte di commercianti di ortofrutta che violano quotidianamente il codice della strada, le ordinanze sindacali e le leggi dello Stato. Non ci stancheremo mai di ricordare che, se una comunità tollera i piccoli abusi finirà successivamente per accettare comportamenti ben più gravi e allarmanti».

«L'unica nota interlocutoria, da parte delle istituzioni, - scrive il movimento di Matteo d'Ingeo - è del 24 maggio 2018 a firma dell'attuale comandante della Polizia Locale Giovanni Di Capua, che ci assicurava: "che il fenomeno è costantemente monitorato e che il Comando è impegnato anche per la soluzione della problematica de qua"; non è stato mai noto il tipo di monitoraggio a cui si riferiva il comandante, ma abbiamo verificato che molte occupazioni di suolo pubblico, indicate negli esposti, sono rimaste inalterate, se non peggiorate».
19 fotoIllegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»
Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»Illegalità diffusa, fra «occupazioni abusive e omissioni delle istituzioni»
«In questi giorni - continua il comunicato stampa - hanno rinnovato l'incarico al comandante Giovanni Di Capua ma in questo anno nulla è stato fatto, anche con l'aumento d'organico della Polizia Municipale. Abbiamo segnalato e chiesto l'intervento, sulle stesse situazioni, durante l'insediamento del Comitato Comunale di Monitoraggio dei Fenomeni Delinquenziali del 4 luglio 2018 e del 24 gennaio u.s. ma, ad oggi, non è pervenuta alcuna relazione».

«Abbiamo anche chiesto ai Carabinieri - prosegue il Liberatorio Politico - di verificare se ci fossero omissioni in atti d'ufficio nell'operato dell'amministrazione comunale; se gli esercizi commerciali occupano regolarmente il suolo pubblico, se rispettano le più elementari norme di igiene e mantenimento della merce, se rilasciano gli scontrini fiscali, se rispettano le norme della tracciabilità del prodotto, se le autorizzazioni rilasciate siano in contrasto con i regolamenti comunali e il codice della strada, se rispettano le due sentenze di Cassazione, la n. 6108/14 del 10 febbraio 2014 e la n. 25826/16, in materia di esposizione di merce commestibile e possibili reati penali in materia di invasione di terreni».

«Tra l'altro - termina la nota - non ci risulta che sia stata mai applicata la legge 77/97 che prevede, nel caso di recidiva nell'occupazione di suolo pubblico ed in violazione delle norme di legge e del regolamento, la sospensione dell'attività per un periodo non superiore a giorni tre. In altri comuni a noi vicini il responsabile del settore Sviluppo Economico, ha disposto, la sospensione dell'attività di vendita a carico del titolare di un esercizio di frutta e verdura perché sanzionato, per due volte, per aver occupato, senza autorizzazione, l'area antistante la sua attività con cassette di frutta e ortaggi. Questo avviene nel Comune di Andria, ma non a Molfetta».
  • Liberatorio Politico Molfetta
  • Matteo D'Ingeo Molfetta
Altri contenuti a tema
1 d'Ingeo: «Subito la convocazione del Comitato dei fenomeni delinquenziali» d'Ingeo: «Subito la convocazione del Comitato dei fenomeni delinquenziali» La richiesta avanzata dal coordinatore del Liberatorio Politico al presidente Nicola Piergiovanni
«Ancora spari nella notte». L'ennesima denuncia del Liberatorio «Ancora spari nella notte». L'ennesima denuncia del Liberatorio Ė accaduto la notte scorsa, quando alcuni colpi d’arma da fuoco sono stati esplosi da un’auto in corsa
«A Molfetta si spara in pieno giorno». La notizia diffusa dal Liberatorio «A Molfetta si spara in pieno giorno». La notizia diffusa dal Liberatorio Tre fori sono rimasti sui vetri di un portone di via Madre Teresa di Calcutta
Delinquenza a Molfetta? Il Liberatorio chiede la convocazione del Comitato di monitoraggio Delinquenza a Molfetta? Il Liberatorio chiede la convocazione del Comitato di monitoraggio Ennesima richiesta formulata al sindaco Tommaso Minervini e al presidente Nicola Piergiovanni
«Il Comitato per il monitoraggio dei fenomeni delinquenziali, chi l'ha visto?» «Il Comitato per il monitoraggio dei fenomeni delinquenziali, chi l'ha visto?» «Convocato dopo gli attentati a Matteo d’Ingeo - denuncia il Liberatorio - e poi si sono perse le sue tracce»
C'è la banda made in Molfetta dietro gli ordigni a d'Ingeo? C'è la banda made in Molfetta dietro gli ordigni a d'Ingeo? Secondo i Carabinieri potrebbero essere stati loro ad aver agito contro l'attivista del Liberatorio
1 «Contrasto all'abusivismo, l'amministrazione è latitante» «Contrasto all'abusivismo, l'amministrazione è latitante» Lo sfogo del Liberatorio nell'ultimo esposto presentato al Comune, Polizia Locale e Carabinieri
Bomba a d'Ingeo, continuano le indagini. Ma ancora nessuna svolta Bomba a d'Ingeo, continuano le indagini. Ma ancora nessuna svolta Inascoltati gli appelli dell’attivista del Liberatorio. Restano i sospetti, ma nulla di più
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.