gavetone
gavetone
Territorio e Ambiente

Il parcheggio pubblico del Gavetone trasformato in discarica abusiva

La denuncia della Lac Puglia

Poche settimane fa a tutti coloro che hanno percorso la vecchia SS 16 per Giovinazzo non sarà passata inosservata la presenza di una imbarcazione di colore verde presente sotto costa ed all'altezza del parcheggio pubblico del Gavetone.
Non sarà passata inosservata anche la presenza di alcuni operai intenti a demolire una parte del muretto a secco nonché togliere un intero albero di fico lì presente oltre ad altri cespugli di macchia mediterranea. Il tutto serviva per far salire sulla terra ferma l'intera gabbia per allevamenti di itticoltura presente a largo del Comune di Giovinazzo.
Ebbene i lavori, che sono durati oltre una settimana, hanno visto la sostituzione di alcuni galleggianti, di un grosso tubo circolare e di altri elementi a corredo della stessa gabbia.
Dopo circa dieci giorni è tornata la piccola imbarcazione che con una enorme cima e con l'aiuto di un muletto (lato terra) ha ripreso la gabbia riportandola in mare e posizionandola nello stesso punto di origine.

Tutto quanto avrà fatto felice i titolari della gabbia (società di Giovinazzo) perché la stessa ora tornerà a compiere il proprio lavoro giornaliero. La stessa cosa non si può dire per i fruitori del parcheggio che da oltre 20 giorni si imbattono in una visione a dir poco sconfortante.
I rifiuti derivanti dalla manutenzione straordinaria sono ancora tutti lì: plastica, vetroresina, rifiuti di vegetazione, vetro ed altro ancora giacciono sulla terra ferma.
Ci chiediamo: a chi spetterà il compito di togliere quei rifiuti? Alla Ditta esecutrice dei lavori o a chi li ha autorizzati senza poi curarsi di verificare l'esecuzione degli stessi?
Il muretto a secco era lì anche come protezione per evitare che auto e/o altro potessero scivolare direttamente in mare.

Per Pasquale Salvemini delegato regionale della LAC, ora ci aspettiamo un intervento urgente per la rimozione di quei rifiuti altrimenti presenteremo esposto in Procura. È assurdo che tutto questo accada sotto la luce del sole.
  • Pasquale Salvemini
  • lac puglia
Altri contenuti a tema
Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Da ieri sino al 22 ottobre. L'obiettivo è salvaguardare una delle specie marine su cui l’attenzione è molto alta
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»
Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Gli episodi sono stati denunciati ai Carabinieri. Per il WWF ogni esemplare può arrivare a costare 120 euro
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero L'animale, detto anche scoiattolo volante, è stato ritrovato a Lama Martina e affidato al WWF
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.