Monsignor Cornacchia
Monsignor Cornacchia
Chiesa locale

Il messaggio del Vescovo per la Pasqua

Monsignor Cornacchia: «Prendiamoci cura gli uni degli altri»

I due Angeli così si rivolsero alle donne che il mattino di Pasqua si recarono al Sepolcro dove era stato deposto Gesù. Questo interrogativo deve scuoterci, animarci e metterci in cammino, scrutando e additando la luce del mattino di Pasqua a chi è ancora nelle tenebre della solitudine e dell'angoscia. Certo, come dice Papa Francesco: "Siamo in bilico: tra ombre di questo momento lugubre e denso di paura e la speranza" (Fratelli tutti, 54-55). Realmente è così. Mai come in una notte insonne, si desidera l'alba del giorno nuovo! Questo è il nostro stato d'animo. Questa è la lunga notte dell'intera umanità provata dalla pandemia, dalla fame, dalla mancanza di libertà e di pace, sia a livello individuale e familiare sia universale.

Quest'anno festeggiamo in modo particolare San Giuseppe, a centocinquant'anni dalla sua proclamazione a patrono universale della Chiesa. Nella sua Lettera Apostolica Patris corde, Papa Francesco ci invita a contemplare l'umile falegname di Nazaret, come colui che mai si è arreso dinanzi ai dubbi della vita; come colui che si è sempre fidato ed affidato al Signore, facendosi discepolo e custode di suo Figlio Gesù. È una bella coincidenza.
A San Giuseppe "protettore dell'infanzia, degli sposi, della famiglia, dei lavoratori, delle vergini, dei profughi, dei morenti" (San Paolo VI, 1969), ci rivolgiamo con particolare affetto e devozione.

Coraggio, fratelli e sorelle! Prendiamoci cura gli uni degli altri; facciamoci buoni cirenei di coloro che fanno fatica a portare la loro croce. Sappiamo che la cura non è sinonimo di guarigione, ma questa, certamente, non c'è senza quella. Noi facciamo la nostra parte e chiediamo al Signore che trasformi il lutto in gioia, il dolore in letizia e la morte in vita. Stare in croce è solo collocazione provvisoria (cf Tonino Bello). La vera e definitiva collocazione è quella della Pasqua di Risurrezione, della vita e della luce senza tramonto. Facciamoci diffusori di questa verità. Non cerchiamo il Vivente tra i morti, ma portiamo semi di vita eterna, ovunque ci sono gemiti di sofferenza e di disperazione.

A tutti, vicini e lontani, credenti e non, giunga il mio abbraccio fraterno e paterno! Un grazie sincero e corale vada a quanti, in ogni modo, sono in prima linea, a soccorrere le vittime del Covid19 e di ogni altro disagio. Cristo ci faccia assaporare la gioia della Risurrezione e del trionfo della vita sulla morte.
Auguri di Risurrezione!

+ Mons. Domenico Cornacchia –Vescovo
  • Monsignor Cornacchia
Altri contenuti a tema
Oggi la Messa Crismale: si conclude la visita pastorale del Vescovo Oggi la Messa Crismale: si conclude la visita pastorale del Vescovo La celebrazione alle ore 19 in Cattedrale
1 Oggi in Cattedrale la celebrazione della Domenica delle Palme con il Vescovo Oggi in Cattedrale la celebrazione della Domenica delle Palme con il Vescovo Monsignor Cornacchia celebrerà tutte le messe della Settimana Santa a Molfetta
Il Vescovo Cornacchia in visita pastorale al nido comunale di Molfetta Il Vescovo Cornacchia in visita pastorale al nido comunale di Molfetta Presente l'assessore alla socialità Angela Panunzio
Festa Patronale, il messaggio di Monsignor Cornacchia a Molfetta Festa Patronale, il messaggio di Monsignor Cornacchia a Molfetta La preghiera di benedizione che invoca alla Vergine Maria
Nuovi incarichi nella Diocesi di Molfetta. Don Cesare Pisani rettore Seminario Vescovile Nuovi incarichi nella Diocesi di Molfetta. Don Cesare Pisani rettore Seminario Vescovile Le decisioni del Vescovo anche per le parrocchie
Il messaggio del Vescovo durante la Messa Crismale a Molfetta Il messaggio del Vescovo durante la Messa Crismale a Molfetta L'omelia: «Ora più che mai siamo coscienti della fragilità umana»
Le chiese riaprono ai fedeli, la Diocesi di Molfetta: «Benvenuti. Dio vi benedica e protegga» Le chiese riaprono ai fedeli, la Diocesi di Molfetta: «Benvenuti. Dio vi benedica e protegga» Sanificazione delle parrocchie nei giorni scorsi. Misure restrittive anche nei luoghi di culto
Gli auguri di Pasqua alla Diocesi di Molfetta del Vescovo Gli auguri di Pasqua alla Diocesi di Molfetta del Vescovo Lungo messaggio di Monsignor Cornacchia che cita ancora una volta don Tonino Bello
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.