I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

I furti di auto tornano in crescita. Ecco i consigli dei Carabinieri

I ladri utilizzano congegni che consentono loro di raggiungere lo scopo senza danni sulla vettura. Intensificati i controlli

I topi d'auto? Sempre più high-tech. Ormai bastano appena 30 secondi, in media, per rubare un'auto (mezzi rubati e poi ridotti ai minimi termini per farne pezzi ed alimentare così il redditizio mercato della vendita dei ricambi, nda) e il fenomeno, anche a Molfetta, come in tutta l'area metropolitana, è in continua crescita.

A dare la caccia ai banditi, in azione a bordo di un'Audi A3, ci sono la Polizia di Stato e i Carabinieri. «Tra i ladri - rivelano fonti investigative - annoveriamo oggi sicuramente soggetti molto più preparati rispetto al passato, ovvero non dobbiamo più pensare di poter incardinare il ladro nella figura anacronistica del soggetto poco colto e non formato che pone in essere un furto vestito di nero, indossando i guanti e cercando di rompere tutto e scappare nel più breve tempo possibile».

Ad oggi, quindi, «i ladri moderni potrebbero sembrare in realtà più dei veri e propri tecnici informatici con peculiari formazioni, e potremmo eliminare dalla nostra immaginazione la figura passata». Ma da dove arrivano questi ladri? Bande simili, specializzate, provengono spesso dalla sesta provincia (Andria), ma anche dal sud-foggiano (Cerignola), grazie a contatti con Bitonto. E una delle piste è che sia così anche in questo caso, come già scoperto durante altre indagini passate.

I banditi mirano in particolar modo a suv e crossover, evidentemente più profittevoli al momento dello smercio di parti usate. Gli stratagemmi usati sono molti e anche tecnologici, «per esempio - spiegano i siti web del settore - l'uso di una chiave con la quale forzare la portiera e accedere alle informazioni del transponder così da ricreare la chiave giusta; oppure col "relay attack": il ladro d'auto in tal modo non forza la portiera, ma deve solo captare il segnale della chiave elettrica».

I "nuovi" ladri, dunque, utilizzano sempre più congegni (ad esempio jammer, skniffer, laser scanner e key programmer).in grado di captare il segnale di apertura delle portiere, sbloccare la vettura e avviarla. Le auto vengono nascoste e cannibalizzate. Un fenomeno che vede coinvolte organizzazioni al cui interno opera una "squadra operativa" dedita al furto, la "squadra dei tagliatori" che seziona le auto e una "piattaforma logistica" in grado di ripulire i pezzi fra i demolitori compiacenti.

I ladri sono scaltri e senza scrupoli, ma non solo. Si dimostrano (secondo le dichiarazioni delle vittime e le immagini delle telecamere) veri professionisti del furto lampo d'auto. In realtà sorprenderli è sempre molto difficile. Anche perché per ogni arresto - in flagranza o meno - c'è sempre qualcuno già pronto a subentrare.

Cosa fare? Ecco i consigli:

  1. Per prima cosa occorre essere sempre vigili, occorre adottare accortezza e prudenza e seguire alcuni accorgimenti generali, non dimenticando di dotarsi di un buon antifurto. In generale, il ladro agisce quasi sempre avendo poco tempo a disposizione e pertanto privilegia un veicolo sul quale occorre lavorare meno;
  2. Non lasciare l'auto accesa e con le chiavi. Molti furti d'auto, infatti, avvengono per distrazione degli automobilisti, mai dei ladri;
  3. Anche in caso di brevissime soste non lasciare mai le chiavi nel quadro, spegnere sempre il motore ed assicurarsi che i vetri, le portiere ed il bagagliaio siano chiusi;
  4. Evitare di lasciare aperti i finestrini o il tettuccio dell'auto. Ai ladri basta un attimo per portare via l'autovettura;
  5. Evitare di lasciare l'auto di notte in parcheggi isolati o incustoditi, prediligendo sempre parcheggi dotati di sistemi di videosorveglianza;
  6. Evitare di poggiare le chiavi dell'auto sui tavolini di bar, ristoranti e locali pubblici dove hai deciso di intrattenerti. Potresti non trovarle più ed agevolarne la duplicazione;
  7. Proteggete le chiavi e il telecomando il più possibile attraverso custodie che possano impedire di captare i segali radio, cosi come avviene per le carte di credito di ultima generazione;
  8. Prestare particolare attenzione in caso di lievi tamponamenti quale modalità usata da molti ladri per sottrarre l'autovettura;
  9. Dotare il veicoli di un sistema di antifurto meccanico, satellitare o elettronico può ritardare e comunque rendere difficile il lavoro del ladro;
  10. Prestare attenzione in fase di parcheggio specie in un centro commerciale o presso una stazione si servizio o altro luogo affollato, verificando l'attivazione della chiusura centralizzata anche con il controllo manuale.
In qualunque caso ricordate che il numero unico per le emergenze è il 112.
  • Carabinieri Molfetta
  • Furti auto Molfetta
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Nottata movimentata sul cavalcavia di Cola Olidda, dove si è conclusa la folle corsa di una Volkswagen Golf rubata a Molfetta
Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Il provvedimento d'urgenza del Tribunale di Bari applicato dopo la denuncia della donna. Applicata la misura cautelare
Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere L'uomo, residente a Molfetta e accusato del reato di maltrattamenti in famiglia, è stato arrestato dai Carabinieri
Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari La donna, arrestata lo scorso 6 marzo, su istanza del proprio legale, ha ottenuto l'alleggerimento della misura cautelare
Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dopo alcuni controlli stradali. L'avvocato Poli: «A breve le nostre precisazioni»
Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Operazione dei Carabinieri: tra i beni confiscati 15 fabbricati, tra i quali la villa, con vista mare, dove vive il 55enne
Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Sei le persone arrestate per detenzione di cocaina, hashish e marijuana, un settimo per evasione dai domiciliari
Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.