L'operazione
L'operazione "Ghost Wine"
Cronaca

"Ghost Wine": chiuse le indagini, 61 indagati. C'è un 56enne di Molfetta

Si tratta dell’operazione per l'adulterazione del vino che ha portato all'arresto di imprenditori, dipendenti ed enologi

61 indagati, al termine dell'inchiesta sul vino adulterato ma venduto per biologico, anche grazie al coinvolgimento di aziende nazionali. Il sostituto procuratore Donatina Buffelli ha chiuso le indagini "Ghost Wine". Si tratta dell'operazione investigativa che portò all'arresto di imprenditori, dipendenti ed enologi.

Nell'avviso di conclusione, fra i 61 - che rispondono di associazione a delinquere, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, frode nell'esercizio del commercio, contraffazione, riciclaggio e attività di gestione dei rifiuti non autorizzata, risulta indagato anche un 56enne di Molfetta: le indagini sono state svolte dai Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Lecce che l'11 luglio 2019 arrestarono 11 persone (6 in carcere e 5 ai domiciliari).

Le attività hanno permesso di sgominare tre associazioni a delinquere che avevano messo in atto un sistema commerciale che permetteva di ottenere prodotto vinoso a basto costo, commercializzato successivamente come di qualità. Attraverso la pratica della fermentazione alcolica di miscele di sostanze zuccherine ottenute dalla canna da zucchero e della barbabietola, si aumentava il volume del mosto.

Nel corso delle verifiche, infatti, i militari hanno acquisito vere e proprie "formule" per l'utilizzo dello zucchero che, insieme ad altre sostanze, attraverso l'utilizzo di processi enologici illegali, rendevano idoneo il vino che stava iniziando ad acetificare o quello di cattiva qualità, grazie a una nuova fermentazione.
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
In auto per la città con 50 grammi di hashish: in manette un 22enne In auto per la città con 50 grammi di hashish: in manette un 22enne L'arresto eseguito dai Carabinieri. Nei guai un incensurato del posto: confinato ai domiciliari, è tornato in libertà
Scende in strada e spara con una pistola a salve. Bloccato un 36enne Scende in strada e spara con una pistola a salve. Bloccato un 36enne L'uomo ha impugnato una scacciacani esplodendo alcuni colpi. Fermato dai Carabinieri, è stato denunciato
Seguito, poi scatta il blitz: aveva 1,3 chili di marijuana. Arrestato Seguito, poi scatta il blitz: aveva 1,3 chili di marijuana. Arrestato I Carabinieri hanno fermato un 59enne: sequestrati anche 2mila euro in contanti, miscele esplosive e cartucce
2 Ladro tenta la fuga in mare, ma a riva lo aspettano i Carabinieri Ladro tenta la fuga in mare, ma a riva lo aspettano i Carabinieri Dopo il colpo alla Caritas un 49enne si è gettato in acqua. Arrestato, è stato subito rimesso in libertà
Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Slitta al 18 maggio l'udienza preliminare per consentire alle difese di avanzare richieste di riti alternativi
Carabinieri, il luogotenente Dante ad Andria. È stato per 13 anni a Molfetta Carabinieri, il luogotenente Dante ad Andria. È stato per 13 anni a Molfetta Di origini napoletane, dal 1995 al 2005 ha ricoperto l'incarico di comandante del Nucleo Comando
Si allontanano da una comunità: scomparse due minori di Molfetta Si allontanano da una comunità: scomparse due minori di Molfetta Le sorelle Melania e Simona Sigrisi dal 9 aprile non hanno fatto più ritorno nella struttura Legàmi e Talenti
Pirati-rapinatori a Molfetta. Assalto ad un motopeschereccio Pirati-rapinatori a Molfetta. Assalto ad un motopeschereccio L'episodio nel porto: rubate le attrezzature di bordo. Sul caso stanno indagando i Carabinieri
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.